La pienezza del vuoto

Fisica e saggezza orientale unite nel nuovo libro dell’astrofisico Trinh Xuan Thuan: La pienezza del vuoto.

Che cos’è il vuoto? Di che cosa è fatto? Perché ci fa paura? Non è facile per l’uomo, soprattutto quello occidentale, pensare e accettare il nulla. Eppure interrogarsi sulla sua natura pare inevitabile. Lo hanno fatto, e continuano a farlo, filosofi e matematici, scienziati e teologi, poeti e premi Nobel, cercando di tessere intorno all’horror vacui una storia plausibile. In queste pagine l’astrofisico Trinh Xuan Thuan ci conduce in una lunga cavalcata dalle origini ai giorni nostri attraverso la Bibbia e l’I Ching, Aristotele e al-Khwarizmi, la rivoluzione di Newton e le teorie di Einstein, la nascita della meccanica quantistica e la scoperta del Big Bang. La conclusione cui giunge è sorprendente: la fisica e la cosmologia contemporanee propongono una visione del mondo molto simile a quella delle maggiori tradizioni spirituali orientali che, invece di temere il vuoto, lo vivono come possibilità di mutamento, e dunque di vita. È nel dialogo armonico tra gli opposti – Yin e Yang, energia e materia, attrazione e repulsione – che si nasconde il mistero, insieme vuoto e pieno, dell’universo. Un mistero che ha a che fare con la scienza, ma anche con l’etica e con la politica. Perché se è vero che, come le particelle e gli atomi, siamo interconnessi nella grande rete del cosmo, la nostra felicità dipende da quella degli altri.

L’autore

Trinh Xuan Thuan, astrofisico, è nato ad Hanoi – Vietnam – nel 1948. Ha studiato negli Stati Uniti, a Princeton, e insegna in Virginia. È francofono, e scrive libri di divulgazione scientifica e di spiritualità in questa lingua.

 

Titolo: La pienezza del vuoto
Autore: Trinh Xuan Thuan
Genere: Saggio
Casa editrice: Ponte alle Grazie
Pagine: 320
Prezzo ed. cartacea: 11,99€


Disponibile dal 6 luglio 2017!


Novità Libri Luglio 2017

Insomma, quanto manca per andare al mare? Armiamoci (di libri) e partiamo!

Qui trovi le ultime uscite per il mese di luglio, ma se sei in cerca di qualche suggerimento per questa estate puoi leggere questo articolo.

L’articolo è in costante aggiornamento durante il corso di tutto il mese, quindi ricorda di passare di quando in quando per verificare le novità. Gli eventuali dati mancanti verrano colmati di volta in volta. 

Al momento puoi trovare le novità di queste case editrici con le quali collaboro (ordine alfabetico):

  • Fazi;
  • Longanesi;
  • L’Orma;
  • Ponte alle Grazie.

Il prezzo e il numero di pagine fa riferimento all’edizione cartacea dell’immagine indicata.
In questa rubrica, sono presenti le novità delle case 
editrici con le quali collaboro. Se vuoi segnalarmi una novità, visita la sezione “Contatti“. Grazie!

Novità Libri Luglio 2017

Fazi

Jonathan è un trentenne dal passato torbido al quale è concessa la libertà condizionale dopo un periodo trascorso in carcere. In attesa dell’aggiornamento del processo a suo carico, che lo vede accusato di vio- lenza su minore, Jonathan fa ritorno dalla madre, una donna anziana e solitaria, nel villaggio di pescatori in cui è cresciuto. Qui cerca di riprendere la sua vecchia vita: è consapevole di aver superato il limite ed è sinceramente deciso a diventare una persona diversa. Ciò che più lo appaga è prendersi cura degli altri: della madre, soprattutto, ma anche del cane Milk e di una tinca che ha trovato, ferita, in un laghetto vicino casa. Il percorso di reinserimento di Jonathan prende una piega inaspettata quando una bambina, Elke, che condivide con lui la passione per la natura e gli animali, sembra cercare la sua compagnia…

Titolo: Nuvole di fango
Autrice: Inge Schilperoord
Pagine: 192
Prezzo ed. cartacea: 16,00€
In libreria dal 6 luglio

In occasione del primo anniversario della morte, Fazi Editore propone una scelta delle migliori poesie di Valentino Zeichen, personaggio sui generis oltre che grande prota- gonista della scena letteraria nostrana.
Nato a Fiume ma trasferitosi a Roma dopo la guerra, Zeichen è stato uno dei più gran- di poeti italiani. Presente nelle più importanti antologie di versi, ha pubblicato negli anni svariati libri esplorando i generi letterari più diversi e spaziando dal romanzo al dramma teatrale.

Definito via via «un Marziale contemporaneo» (Moravia), «un libertino minimale set- tecentesco» (Ferroni), «un Gozzano dopo la Scuola di Francoforte» (Pagliarani) ma an- che un neoclassico beffardo, un asburgico a Roma, un dandy, un flâneur, un neoliberty, un francescano, la vita e le opere di Zeichen sono già diventate leggenda.

Con questo omaggio da parte della casa editrice che ha accolto e curato le sue raccolte più belle, si vuole ricordare una figura fondamentale del panorama letterario contem- poraneo ma anche un uomo che, con la sua coerenza intellettuale e il suo rigore, ha lasciato un segno indelebile nel panorama culturale italiano.

Titolo: Le poesie più belle
Autrice: Valentino Zeichen
Pagine: 120
Prezzo ed. cartacea: 15,00€
In libreria dal 6 luglio

La bellissima e volubile Elfride, orfana di madre e unica figlia del pastore Swancourt, si innamora di Stephen Smith, giovane architetto di Londra erroneamente ritenuto di nobili origini. Poi, quan- do questi per poterla sposare accetta un incarico in India, Elfride conosce l’affascinante e maturo Henry Knight, antico mentore di Stephen; ben presto Knight, come già era accaduto al suo pupillo, perde la testa per la fanciulla. Elfride, divisa tra la promessa di fedeltà a Stephen e la nuova passione per Knight, infine accetta la proposta di matrimonio di quest’ultimo. Ma ancora una volta le cose non vanno come immaginato: una presenza oscura dal passato di Elfride insinua in Knight il tarlo del sospetto sull’onestà della sua futura sposa e il fidanzamento viene sciolto. Stephen e Knight si incontreranno casualmente qualche anno più tardi, entrambi si scopriranno ancora innamorati di Elfride, ma ormai sarà troppo tardi.

Titolo: Due occhi azzurri
Autrice: Thomas Hardy
Pagine: 500
Prezzo ed. cartacea: 18,00€
In libreria dal 13 luglio

Che ci capiti o no di volerli vedere, i matti sono tra noi. Per strada, alle Poste, ai matrimoni: hanno solo cambiato i connotati. Sono moltissimi e forse più pericolosi di quelli di una volta rinchiusi in manicomio.
I matti della porta accanto sono un movimento sempre più evidente e distruttivo.
Quelli malati di socialità sono a briglia sciolta all’apericena o in fila dal nutrizionista. La loro versione 2.0 è compo- sta per la maggior parte da persone dichiarate normali, pregevoli, da conoscere, imitare o invitare alle feste. Ma la cosa che più ghiaccia il sangue è la loro evoluzione.

I matti odierni non solo si sono inseriti nel tessuto sociale come se niente fosse, ma sono riusciti a piazzarsi ai piani alti dei grattacieli o dei governi. Oppure sono in vestaglia ad annaffiare i cespugli di bosso nel nostro pianerottolo, ogni mattina alla stessa ora, sono in fila con noi al supermercato, pronti a linciarci se chiediamo di passare avanti perché abbiamo solo il detersivo da pagare. O, ancora, sono nel nostro letto da vent’anni. I nuovi pazzi sono i nostri sindaci, i nostri tabaccai, nostra moglie, nostro marito, il nostro amministratore delegato, l’amica di nostra figlia o semplicemente il tipo che ci siede accanto in treno.

Ci attirano nella loro inquietante rete appiccicosa facendoci accettare tutto il marcio e malato come vero, assodato, chic o quantomeno normale. E così: a ogni città il suo matto come in questo spassosissimo, folle, pirotecnico e ferocissimo libro.

Titolo: Storie di matti
Autrice: Arianna Porcelli Safonov
Pagine: 220
Prezzo ed. cartacea: 16,00€
In libreria dal 13 luglio


Longanesi

Cosa lega i segreti del progetto Manhattan per la costruzione della bomba atomica alla fine della seconda guerra mondiale, una misteriosa spedizione nazista in Tibet e la decisione di sganciare le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki? Gli spettri di un terrore che sembrava appartenere al passato tornano invece a galla, e una serie di coincidenze inquietanti sembra alludere all’arrivo di una vera e propria apocalisse.

La National Security Agency ha una sola persona cui affidarsi: un giovane e ribelle professore di filosofia, Michael Price, da sempre sulle tracce di testi antichi che sembravano perduti. Fino a oggi. Perché dagli abissi della storia recente riemerge il Quaderno Nero di Heidegger, e fra le sue pagine si nasconde la chiave interpretativa di un simbolo misterioso, un segreto sepolto nelle tenebre della foresta più vasta del pianeta. Portarlo alla luce è una missione difficile e impervia.

Titolo: Foresta di tenebra
Autrice: Simone Regazzoni
Pagine: 350
Prezzo ed. cartacea: 13,90€
In libreria dal 7 luglio

Sovrappensiero, Jo Blackmore accetta senza problemi la richiesta di una donna che la ferma per chiederle un passaggio in macchina. Rimpiangerà quasi subito la sua gentilezza. La sconosciuta, infatti, la chiama per nome, conosce suo marito Max e ha con sé un guanto che sembra identico a uno di quelli della sua piccola Elise, la figlia di soli due anni. Ma nulla può preparare Jo a quello che sta per accadere. Una velata minaccia si trasforma improvvisamente in un vero incubo e la polizia, i servizi sociali e perfino suo marito le voltano le spalle e iniziano a sospettare di lei.

Nessuno le crede quando dice che Elise è in pericolo. Ma lei sa che rimane un solo modo ormai per proteggere sua figlia. La fuga.

Titolo: La ragazza in fuga
Autrice: Carol Louise Taylor
Pagine: 380
Prezzo ed. cartacea: 16,90€
In libreria dal 7 luglio


L’Orma

Esiste una lingua per parlare della guerra? Uno stile per descriverla senza mai, neanche involontariamente, glorificarla? A una simile domanda etica il reduce Ludwig Renn rispose nel 1928 scrivendo questo romanzo autobiografico in cui riuscì a narrare con coinvolgente realismo tutta la cruda e impoetica verità del conflitto bellico, visto ad al­tezza di soldato semplice.
Partito per la Grande guerra imbevuto di nazionalismo e, come tanti giovani entusiasti, convinto che la vittoria arriderà ai tedeschi in un lampo, l’appuntato Renn rimane presto traumatizzato dalla brutalità delle battaglie e dall’abbrutimento nelle trincee e, dieci anni dopo, racconta il proprio vissuto in un resoconto di sconvolgente concretezza. Capolavoro di oggettività, diretto e velocissimo, Guerra fu salutato come il grande libro pacifista del suo tempo insieme a Niente di nuovo sul fronte occidentale di Remarque e divenne subito un best seller internazionale.
L’orma, dopo oltre settant’anni di oblio editoriale, lo ripropone nella mirabile versione dello scrittore e reduce Paolo Monelli, che trasformò la pratica della traduzione in opera di testimonianza.

Titolo: Guerra
Autrice: Ludwig Renn
Pagine: 320
Prezzo ed. cartacea: 18,00€
In libreria dal 6 luglio
Ulteriori dettagli qui


 Ponte alle Grazie

Il celebre astrofisico vietnamita Trinh Xuan Thuan ricostruisce in questo libro divulgativo e pieno di fascino la grande odissea del Vuoto. Parte dall’appassionante invenzione dello zero, ci fa vivere la nascita della scienza sperimentale con Galileo e Pascal, quindi ci conduce fino alla fisicacontemporanea passando per la teoria della relatività e la meccanica quantistica. Il vuoto, come viene concepito nelle più recenti teorie, è sempre più fecondo, come hanno sempre sostenuto le grandi tradizioni buddiste e taoiste, raccontate nell’ultimo capitolo del libro.

Titolo: La pienezza del vuoto
Autrice: Trinh Xuan Thuan
Pagine: 320
Prezzo ed. cartacea: 11,99€
In libreria dal 6 luglio


Zuleika apre gli occhi recensione

Titolo: Зулейха открывает глаза
Autrice: Guzel’ Jachina
Anno di pubblicazione: 2015
Genere: Romanzo
Titolo in Italia: Zuleika apre gli occhi
Anno di pubblicazione ITA: 2017

– Ho ricevuto una copia di questo libro in cambio di un’onesta recensione –

Zuleika apre gli occhi. Si sveglia. Svuota il pitale della Vampira (anzi detta suocera), poi comincia le faccende quotidiane tra la casa, gli animali e tutto il resto: spalare la neve, tagliare la legna, pulire l’izba, preparare il cibo, preparare il bagno a suocera e marito, conservare il cibo, lavare, sprimacciare… e sia daccapo.

Murtaza – il marito – la chiama, le ordina i compiti da svolgere, la sgrida.

La Vampira, cioè la madre di Murtaza, la chiama, le impone, la sgrida offendendola.

E Zuleika è sempre lì, in silenzio, divisa tra il rispetto e l’educazione. E fatica, fatica a gobba china, in mezzo alla neve nel gelo.

Arriva, però, il giorno in cui chi la chiama non è Murtaza né la Vampira, ma l’Ordarossa.

Sono lì quei soldati dalle lucenti uniformi e a cavallo di un destriero e vogliono tutto in nome del Popolo: vogliono tutto il loro cibo, scorte comprese; vogliono tutti i loro animali; vogliono tutti i loro più piccoli averi.

Perché Zuleika e la sua famiglia sono profittati del Popolo, nemici della Unione Sovietica e al confino dovranno essere spediti.

Alla scuola mi avevano spiegato che i “kulaki” erano pingui contadini russi padroni di campi ampi e ben coltivati dai tanti braccianti alle loro dipendenze (un po’ in stile schiavista americano dal cappello a tesa larga e i vestiti di cotone).

I kulaki erano coloro che detenevano una (buona) parte delle ricchezze, sfruttando impunemente il lavoro altrui, approfittandosi del povero affamato.

Per queste loro colpe, la deportazione era la giusta punizione; i loro beni da distribuire all’intera popolazione bisognosa.

Invece, qui mi ritrovo una donnina laboriosa che vive del suo faticoso lavoro, lotta contro il tempo (contro il padrone-marito e contro la perfida psicopatica suocera) e il clima delle lande russe, svolge i suoi compiti dall’alba fin oltre il tramonto con sacrificio e tanta fatica.

(Ora a parte chiedermi che cosa diamine mi è stato insegnato) Guzel’ Jachina ci accompagna in queste sconfinate lande innevate alla scoperta di un pezzetto di storia (la dekulakizzazione degli anni Trenta del Novecento in Russia) e della storia di una piccola donna.

Non conosce il mondo Zuleika e non sa quale prospettive le riservi. Perché quella è la sua vita: dall’ibza del padre a quella del marito. Obbediente, rispettosa, silenziosa.

Perché, altrimenti, cosa ne sarebbe di lei?

Zuleika, però, dovrà imparare (dovrà aprire gli occhi): dovrà mettere da parte il suo pudore, le sue preghiere e anche il suo cuore.

Perché è piccola, Zuleika, ma è forte; è sconfitta ma impararà a essere coraggiosa.

E non è una «gallina scema», è solo una donna a cui è stato insegnato che rispetto ed educazione (anche verso chi non se la meriterebbe proprio) sono più importanti soprattutto se sei donna e dipendi unicamente da tuo marito.

Accanto a lei un carnet di personaggi da mettere i brividi (non solo per le temperature gelate), ma per il realismo con il quale vengono raccontati e la forza con la quale s’imprimono nel lettore: Wolf Karlovič, Ivan, i deportati di Leningrado.

Ho rivisto, leggendo Zuleika apre gli occhi, alcuni elementi della letteratura russa che mi hanno sempre affascinato: i personaggi silenziosi, temprati dal freddo, rigidi nelle loro convinzioni, ma in grado anche di imparare a vedere il mondo con sguardo diverso (e il raggiungimento di questa consapevolezza è difficile come difficili sono gli inverni nella tajga).

Ho respirato il silenzio freddo della steppa, il suono soffuso dei passi nella neve, la magia e la perfidia degli inverni russi.

Ma ho anche un po’ faticato in certi passaggi, perché se c’è una cosa per cui gli autori russi conservano nomea è la lentezza narrativa… che non è proprio lentezza insomma; è proprio un modo di raccontare diverso, delicato, placido, dolce quasi.

Questo romanzo è un omaggio alla sorte indifferente, alle fatiche quotidiane, alle morti silenziose, al bianco della tajga, ai numerosi pensieri, alle tante tradizioni.

Ma soprattutto questo libro è un canto d’amore: amore di una madre verso il proprio figlio, amore di una donna verso un uomo. E poi amore per la cultura, amore per un passato finito per sempre, amore per la speranza, amore per la vita.


Hai letto "Zuleika apre gli occhi"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...

 

Campagna progresso: la pubblicità di “Io leggo e tu?”

Sicuramente l’hai vista: c’è lei, sul divano in un bar, immersa nella lettura di Cime Tempestose (che poi potevano anche scegliere un amore meno morboso di quello che c’è tra Heathcliff e Catherine).

Poi la ragazza esce dal locale e, pam!, si ritrova lui davanti: il brivido della lettura ha bucato le pagine del libro e si è fatto realtà.
Alla fine dello spot, la scritta: io leggo e tu?

Si tratta della pubblicità promossa dal MiBACT (cioè il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) e alla cui diffusione hanno aderito Rai, Sky, La7Mediaset, Discovery Italia, TV2000 e un corposissimo carnet di artisti Mediaset: Alvin, Ilary Blasi, Barbara d’Urso, Maria de Filippi, Paolo Del Debbio, Emanuela Folliero, Mario Giordano, Teo Mammucari, Gianluigi Nuzzi, Barbara Palombelli, Federica Panicucci, Pierluigi Pardo, Nicola Porro, Belen Rodriguez, Gerry Scotti, Alfonso Signorini, Silvia Toffanin, Francesco Vecchi, Simona Ventura [Fonte: Mediaset.it].

Lo scopo è quello di promuovere la promozione e la valorizzazione dei libri e della lettura.

Bene. Bello. Mi piace. Io sono sempre stata a favore della diffusione della lettura e pare che questa volta siamo davvero nella direzione giusta.

Infatti, la campagna pro-lettura pare non limitarsi allo spot televisivo e ad alcune campagne social.

Il MiBACT informa che l’intero progetto è volto

a creare occasioni di promozione della lettura e dei libri all’interno di ogni genere di programma e non esclusivamente nei contenitori culturali, a realizzare contenuti dedicati alla promozione della lettura in un’ottica multipiattaforma allo scopo di creare un’interazione con i nuovi media digitali e i social network; a creare e sviluppare approfondimenti e progetti sui più importanti appuntamenti italiani legati ad autori, titoli, generi e festival e a valorizzare la memoria dei grandi autori della letteratura italiana, in particolar modo in occasione di anniversari e ricorrenze.
[Fonte: Beniculturali.it]

Sarebbe, però, bello che, al fianco di queste iniziative, ne seguissero altre per coinvolgere anche le scuole con programmi pro-lettura sin dalla tenera infanzia partendo proprio dall’asilo o dalle elementari e rivoluzionando l’attuale “assetto-adagiato” che vede la lettura di un libro (sempre se prevista dal programma scolastico) come una fastidiosa imposizione.

Sarebbe bello che, nelle scuole, tornassero le biblioteche scolastiche dove i primi a decidere cosa leggere fossero proprio gli studenti personalmente e secondo i loro gusti.
Per carità, in molti istituti sono ancora presenti e funzionanti, ma in altre, causa anche il personale ridotto e super-oberato di lavoro, le biblioteca vengono chiuse o dismesse e spesso sono inutilizzabili dagli studenti.

Per non parlare delle biblioteca storiche, meravigliose non solo per gli edifici che le ospita(va)no ma anche per i volumi contenuti, che chiudono una dietro l’altra per mancanza di fondi.

In generale, sarebbe bello vedere i governi italiani investire – per davvero – nella cultura e nell’immenso patrimonio artistico che abbiamo.

Sarebbe bello anche rivedere le leggi che regolano i prezzi e gli sconti applicabili ai libri e velocizzare alcuni sistemi e fare una buona volta chiarezza su altri (per esempio l’annosa questione dell’IVA sugli ebook).

Sarebbe bello diffondere, promuovere e incrementare i buoni servizi che già ci sono. Uno su tutti (e per lo più sconosciuto) MLOL, il servizio di prestito digitale che permette di prendere in prestito i libri delle biblioteche regionali con un semplice click.

Sarebbe bello cambiare questa forma mentis che vede il lettore come un nulla facente, uno che ha tempo da buttar via e che, quindi, sceglie di “oziare” leggendo.

Non è sufficiente ricordarsi una tantum della lettura e dell’importanza del leggere.

È necessaria una profonda rivoluzione culturale che cominci dalle basi e formi cittadini consapevoli che leggere e informarsi è il primo passo per essere liberi.


 

iBooks 4 libri gratuiti per accompagnarci quest’estate

Ormai l’appuntamento estivo con i regali di iBooks e scoprire le sorprese che ci si riveleranno ogni anni è diventata una specie di tradizione.

Vediamo a chi tocca quest’anno!

Attenzione, però: c’è tempo solo fino a questa domenica (25/06/2017)!

Capelli rossi raccolti in una coda alta, lentiggini sparse un po’ ovunque e passo sicuro: nel cortile della New York School of Economics Jennifer Milton non passa di certo inosservata. Da quando ha lasciato Londra per Manhattan con suo padre John Milton, ricco uomo d’affari, nella enorme scuola newyorkese non si parla d’altro. Jennifer vorrebbe solo rifugiarsi tra i suoi libri senza guardare in faccia nessuno, ma un giorno in biblioteca sbatte contro a Josh Cliver, faccia da schiaffi e sorriso malizioso, segnato da un passato difficile tanto quanto lei. Le sue guance prendono fuoco e la sua sicurezza vacilla; tra loro è guerra, da subito. Perché se abbassassero le difese, lo sanno, verrebbero travolti dall’amore.

Data di uscita: gennaio 2017

Firenze, 1429. Alla morte del patriarca Giovanni de’ Medici, i figli Cosimo e Lorenzo si trovano a capo di un autentico impero finanziario, ma, al tempo stesso, accerchiati da nemici giurati come Rinaldo degli Albizzi e Palla Strozzi, esponenti delle più potenti famiglie fiorentine. In modo intelligente e spregiudicato i due fratelli conquistano il potere politico, bilanciando uno spietato senso degli affari con l’amore per l’arte e la cultura. Mentre i lavori per la realizzazione della cupola di Santa Maria del Fiore procedono sotto la direzione di Filippo Brunelleschi, gli avversari di sempre continuano a tessere le loro trame. Fra loro c’è anche una donna d’infinita bellezza, ma dal fascino maledetto, capace di ghermire il cuore di un uomo. Nell’arco di quattro anni, dopo essere sfuggito a una serie di cospirazioni, alla peste e alla guerra contro Lucca, Cosimo finirà in prigione, rischiando la condanna a morte. Fra omicidi, tradimenti e giochi di palazzo, questo romanzo narra la saga della famiglia più potente del Rinascimento, l’inizio della sua ascesa alla Signoria fiorentina, in una ridda di intrighi e colpi di scena che vedono come protagonisti capitani di ventura senza scrupoli, fatali avvelenatrici, mercenari svizzeri sanguinari…

Data di uscita: ottobre 2016

L’esplosione che ha distrutto la Galleria Kensington del British Museum sembra non avere spiegazioni. Le ultime immagini delle telecamere di sorveglianza mostrano una sfera di luce che, entrando in contatto con un antico manufatto, innesta una reazione devastante. Nessuno riesce a capire cosa abbia scatenato quel bizzarro fenomeno naturale, eppure Safia al-Maaz, la brillante curatrice della collezione araba, scopre tra le macerie un oggetto sorprendente, rimasto nascosto per millenni, un cuore di ferro con inciso un nome leggendario: Ubar, la città perduta della regina di Saba… Anche Painter Crowe, agente segreto della Sigma, partecipa alle indagini per individuare l’origine dell’esplosione. Ma quella che sembra un’affascinante sfida scientifica diventa improvvisamente una missione mortale quando una misteriosa organizzazione tenta d’impadronirsi del cuore di ferro: perché quell’oggetto è il primo indizio che conduce a un’immensa fonte d’energia, forse proprio la causa della scomparsa di Ubar, l’Atlantide del deserto, che secondo le leggende è stata sepolta da un’imponente tempesta di sabbia… Da Londra al golfo Persico, da Washington al deserto arabo, Painter e Safia dovranno affrontare non solo gli enigmi e i misteri del passato, ma anche un nemico implacabile, in una corsa contro il tempo per scongiurare una catastrofe senza precedenti.

Data di uscita: febbraio 2017

Quando il cadavere di un ex poliziotto viene trovato in un cantiere abbandonato di Atlanta, l’agente speciale Will Trent capisce subito che quello potrebbe essere il caso più rischioso di tutta la sua carriera. Una scia di impronte insanguinate rivela che c’era qualcun altro sulla scena del crimine, una donna, ferita, che ha lasciato quel luogo di morte ed è svanita nel nulla. Non solo: quella donna appartiene al suo passato. L’indagine si fa ancora più delicata quando si scopre che il proprietario del cantiere è Marcus Rippy, uno dei personaggi più influenti e chiacchierati della città, una stella del basket con agganci politici e uno stuolo di avvocati pronti a difenderlo anche dalle accuse più infamanti. Come quella di stupro, con cui Will ha tentato invano di incastrarlo qualche tempo prima. Quello che Will deve decifrare è un rompicapo pericoloso, perché ogni rivelazione potrebbe distruggere la sua carriera e le persone a cui tiene. Ma non ha scelta. E quando Sara Linton, il nuovo medico legale del Georgia Bureau of Investigation e sua compagna, gli spiega che la donna scomparsa ha solo poche ore di vita prima di morire dissanguata, sa cosa deve fare.

Data di uscita: gennaio 2017

E, dal momento che io non ho una lista di libri da leggere infinita, ho scelto di scaricare “I Medici”, “La città sepolta” e “Scia di sangue”. Quando non so, ma arriveranno di sicuro anche le mie recensioni!

N.B. I libri sono disponibili solo per coloro che hanno un dispositivo Apple e sono scaricabili direttamente dallo store di iBooks.