L’annusatrice di libri recensione

Titolo: L’annusatrice di libri
Autrice: Desy Icardi
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 2019

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Solitamente accade che, quando di un libro se ne parla troppo e se ne decantano troppo i meriti, io quasi mi indispongo memore di precedenti esperienze che mi hanno insegnato a diffidare dai proclami troppo entusiasti.

Ah, eccoci – mi dirai – un altro di quei libri tanto acclamati che poi alla fine non rispecchiano le aspettative…

No, in questo caso no.

L’annusatrice di libri è stato sì osannato e, sì, le mie aspettative erano davvero molto (molto) alte, ma è davvero uno di quei libri che le lodi se le merita tutte.

Protagonista della storia è Adelina, una ragazzina che se ne va a stare dalla zia Amalia, vedova e parecchio taccagna, per frequentare una scuola per signorine nella città: Torino.

E mentre Adelina scoprirà d’aver acquisito un dono speciale (che, vista la velocità che le garantisce non disegnerei nemmeno io, ovvero leggere i libri con l’olfatto) anche zia Amalia ha le sue cose da dire e non tutte la ritraggono come la spilorcia e un po’ bigotta che è adesso (anzi!).

Piccola nota su Amalia: ho adorato la sua “saggezza” figlia dell’esperienza pratica e – lo so, suona strano a dirsi – dell’ignoranza.

Al loro fianco, altri quattro o cinque personaggi (un avvocato, un reverendo, un notaio, ect.) che concorrono a far ruotare la storia in modo così curato da non annoiare mai (e non permettere al lettore di staccarsene: l’ho finito in tre giorni e solo perché uno non sono riuscita a fermarmi un momento per leggere).

Quindi, che altro dire?

La storia è dolce, armoniosa e originale (siamo tutti annusatori di libri, ma chi in modo così peculiare?); i personaggi sono di spessore, hanno una loro storia, un loro passato, le loro mire, incomprensioni, sentimenti, pregi, ignoranze e mancanze, piani e programmi.

E l’ironia e il ritmo con i quali la Icardi traccia trama e caratteri sono davvero perfetti.

Un inno ai libri e all’amore per la lettura, ma non solo.

Consigliato a chi non può nascondere di aver infilato almeno una volta il naso tra le pagine di un libro e aver aspirato ben bene e a chi è cerca di un po’ di magia.

Qui puoi leggere la mia chiacchierata con l’autrice in occasione del Salone del Libro 2019.

Precedente Le avventure di Mercuzio Successivo La ragazza invisibile recensione