La ragazza invisibile recensione

Titolo: La chica invisible
Autore: Blue Jeans
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 2018
Titolo in Italia: La ragazza invisibile
Anno di pubblicazione ITA: 2019
Trad. di: Sara Cavarero

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Francisco de Paula Fernández González (qui in arte Blue Jeans) si cimenta per la prima volta con un genere di cui pare sia appassionato lettore: la suspance.

Succede che un giorno Aurora Rios, studentessa Rubén Darío di cui nessuno si era mai preoccupato prima se non per rivolgerle qualche offesa e renderla incolpevole protagonista di brutti pettegolezzi, viene ritrovata morta nello spogliatoio della palestra scolastica.

A Julia, non propriamente un’amica ma diciamo forse più una simpatizzante (almeno postuma) di Aurora, la notizia viene data dai suoi (padre poliziotto, madre medico legale).

Gli altri (il belloccio della scuola, la di lui ragazza, la di lei migliore amica, l’amico in friend-zone di Julia, i professori, gli altri genitori ect.) la apprenderanno per vie traverse, tra le quali anche la malevole lingua di un viscido reporter locale che farà di tutto per ottenere qualche vantaggio da questa tremenda situazione.

Ovviamente da lì (cioè dalla diffusione della notizia dell’uccisione di Aurora) a poco si scatena il panico: sospetto e paura diventano i nuovi compagni di vita di tutti gli abitanti di una comunità piena di menzogne, incomprensioni, pettegolezzi, malumori e segreti che, molto presto, saranno svelati.

Quello che più mi ha colpita della storia sono stati, difatti, i personaggi con i loro intrighi e le loro fatiche per mantenerli il più a lungo possibile – preferibilmente per sempre – nascosti.

Ma la verità prima o poi viene a galla e a contribuire in questa ricerca c’è indubbiamente – e forse un po’ troppo – Julia, il piccolo genietto.

È lei che seguiamo principalmente in questa storia, anche se si dà il cambio con altri personaggi e si alterna a un passato in cui Aurora era ancora viva e un presente in cui pare impossibile fare chiarezza sulla sua prematura morte (anche se, per un lettore un po’ più grandicello non è difficile fare due più due… mi sento vecchia… 😔).

Comunque… per tornare a Julia: va bene il quoziente intellettivo alto, vanno bene (fino a un certo punto, però) tutte le informazioni che il padre si lascia sfuggire o le riferisce direttamente circa l’indagine, vanno bene l’intuito e la posizione “privilegiata” che le consente di analizzare le cose da un punto di vista sicuramente più vicino a quello di Aurora (che non a quello di un adulto), però non dimentichiamoci che si tratta di una diciottenne con la passione per i gialli (e gli scacchi)… e la sua ingerenza e incisività nelle indagini suona un po’ forzata.

Certo è che il romanzo è pensato per un pubblico giovane (anche se, secondo me, può essere apprezzato anche da un target più ampio), quindi se ne tenga alla larga chi sopravvive di storie ingarbugliate, soluzioni intricate ed enigmi apparentemente insolubili.

Dato questo, però, la storia ha del potenziale: consegna al lettore degli ottimi personaggi, una buona dose di curiosità, qualche ora di intrattenimento grazie a capitoli brevi e una storia comunque gradevole in grado di mantenere attiva la mente del lettore.

Precedente L'annusatrice di libri recensione Successivo L'ora di Agathe recensione