Consigli di lettura estate 2018

Cosa c’è di meglio in spiaggia che un bel libro sotto l’ombrellone? Nulla!

Eccoti, quindi, i miei suggerimenti per questa estate con le mie letture più recenti (e pubblicate anche di fresco).

Solo una piccola premessa prima di cominciare. Non sono una a cui piacciono le “letture estive” nel senso corrente del termine, cioè romanzi scadenti letti solo come riempitivo. L’estate anzi per me diventa l’occasione per potermi concentrare meglio su alcuni titoli che, nel corso dell’anno, non ho potuto affrontare.

Anche d’estate, quindi, io sono alla ricerca di libri che mi trasmettano qualcosa: un’emozione, un messaggio, una semplice sensazione. Detto questo…

Cominciamo!

One shot simpatici

 

Non saprei come definirlo altrimenti: il libro della Comnys è breve, ma molto simpatico, carico di disgustoso realismo e fascino ammiccante. Insomma, una piccola perla dal fascino tutto inglese (astenersi, però, chi non è avvezzo al genere!).

Per la recensione completa, clicca qui.


Thriller

Eh perdonamelo, ma questa voce non può proprio mancare dai miei consigli.

 

Nella cripta della cattedrale vecchia di Vitoria vengono scoperti i cadaveri di due ragazzi: un maschio e una femmina, ventenni, completamente nudi e con le mani poggiate l’uno sulla guancia dell’altra.

Già devastante di suo, questo doppio omicidio, però, nasconde ben altro e riporta l’intera città indietro di vent’anni.

Sì, perché Vitoria fu sconvolta da un’ondata di doppi-delitti folle: nel dolmen della Chabola de la Hechicera rinvennero i corpi senza vita di due neonati; poi, nel sito celtibero di La Hoya de Laguardia, un bambino e una bambina di cinque anni. E ancora, in un giacimento salino di epoca romana, un ragazzino e di una ragazzina di dieci anni.

La recensione prosegue qui

Quanti minuti bastano per cambiare una vita? Pochi. Forse troppo pochi.
Una sequenza di spari. Il sangue. I corpi che si accasciano sul pavimento per non rialzarsi mai più.

Fine.

E, dopo tutto quel frastuono, in mezzo a quella devastazione, resta solo Maja.

E adesso Maja – la studentessa diligente, la ragazza educata e premurosa – si trova in carcere. In isolamento.

La recensione prosegue qui

New York, 1896. A capo del dipartimento di polizia abbiamo un giovane Theodor Roosevelt (sì, quel Roosevelt) di fresca nomina, il cui compito principe è abbattere la corruzione dilagante e spregiudicata dei poliziotti.

Per combatterla, le caldamente-consigliate-dimissioni e le conseguenti nuove assunzioni nel dipartimento si susseguono una dietro l’altra e alcune sono… non convenzionali: come, per esempio, l’impiego delle due prime donne (e una è la nostra Sara Howard), sebbene con compiti più “d’ufficio”.

Insomma, si direbbe una società avveniristica, pronta a dare una possibilità a chiunque (siamo in America, del resto).

New York, però, non è mai stato un porto per buoni samaritani e azioni misericordiose; e questa città raggiunge un nuovo baratro che nessuno si aspettava (ma che tutti apprezzerebbero se restasse chiuso nel silenzio).

La recensione prosegue qui


Romanzi

Ah… l’evergreen calderone romanzi!

Isola di Jeju, 1943.
Hana s’immerge tra i flutti, rapida e precisa perché ne va della sopravvivenza sua e della sua famiglia; riemerge con il pescato e si rituffa per ricominciare la caccia.

Lei e la madre – e ben presto anche la sorellina Emiko – sono haenyeo, donne del mare.
Il loro corpo è fatto per resistere lunghi periodi in apnea, scendere più in profondità e mantenere al meglio la temperatura corporea.

Da secoli, le donne di Jeju godono di una libertà privilegiata perché le «immersioni [sono] un lavoro» esclusivamente al femminile.

Ma qualcosa è radicalmente cambiato da quando il Giappone ha annesso la Corea (nel 1910).

La recensione prosegue qui

La vita di Jay Porter si sta sgretolando anno dopo anno, ma il nostro sembra quasi preferire cullarsi in una facile mediocrità che non aspirare a qualcosa di meglio.

I suoi genitori sono morti in un incidente stradale – in città si bisbiglia che suo fratello Chris potrebbe aver dato una mano alla provvidenza (tagliando i cavi dei freni).

Il suddetto fratello poi è completamente fatto di acidi e droghe varie ed è convinto che gli impianti dentali nascondano delle microspie, che gli Stati Uniti siano stati fondati dagli alieni e che il governo avveleni l’acqua.

La recensione prosegue qui

Dopo duecento anni di angherie e sofferenze, il popolo francese finalmente è l’unico sovrano di Francia.

E per divertire la folla e per rimarcare il neo-acquisito potere, questo popolo mette in scena un peculiare spettacolo: quello imbastito ogni pomeriggio da Madame Ghigliottina.

E la lama affilata non fa alcuna distinzione fra uomini, donne e bambini. La loro colpa è essere parte dell’odiata aristocrazia; il resto non conta.

La recensione prosegue qui

Precedente Chi è partito e chi è rimasto recensione Successivo Cuore di neve