Crea sito

Stranger Things Il sottosopra

Titolo originale: Stranger Things Volume one: The other side
Autori: Jody Houser, Stefano Martino (illus.)
Genere: Graphic novel
Anno di pubblicazione: 2019
Titolo in Italia: Stranger Things Il sottosopra
Anno di pubblicazione ITA: 2019
Trad. di: Francesca Mastruzzo

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Mai stati ad Hawkins?

Be’, attorno agli anni ’80 tra strani laboratori, portali che si aprono e sono difficili da chiudere, demo-dogs e Mind Flayer non era certo un posto tranquillo in cui vivere.

Ovviamente non vi invito a fare un viaggio del tempo; basta guardarsi l’acclamatissima (e attesissima – questo 4 luglio è uscita la terza stagione!) serie targata NetflixStranger Things.

La graphic novel in questione è ottima per chi conosce la serie; chi, invece, non sa chi cosa stiamo parlando si ritroverebbe indubbiamente ad avere difficoltà a comprendere le dinamiche di questa storia (essendoci numerosi riferimenti a momenti visti sulla piattaforma di streaming).

Insomma, venendo a noi.

In Stranger Things Il sottosopra, si seguono le vicende di Will Byers (povero Will…) nello strano mondo dell’Upsidedown così simile al nostro, ma anche inquietantemente diverso.

Ammetto che mi aspettavo qualcosina di diverso; in particolare, un approfondimento diverso del personaggio e della sua lotta per la sopravvivenza in un mondo così strano (per esempio cosa ha mangiato? Dove si è rifugiato? Ha lottato? Come?).

Ci sono alcune risposte a questi interrogativi, ma non c’è l’approfondimento che mi sarei auspicata.

Quindi sì solo se si è grandi fan della serie – disposti a tutto pur di avere un pezzo di storia in più da non lasciarsi sfuggire (vorrei, infatti, approfondire anche i libri che trattano della storia di Hopper) e tenendo comunque conto che la storia è un po’ all’acqua di rose.

Stranger Things Il sottosopra

Arriva in Italia la prima graphic novel ufficiale di Stranger Things, la serie Netflix diventata ormai cult (e manca poco alla terza stagione – il 4 luglio!).

La data d’uscita del volume è prevista per giovedì 20 giugno 2019.

Questo libro racchiude la storia ufficiale – firmata da Jody Houser e disegnata da Stefano Martino – che racconta quello che è successo a Will Byers durante gli eventi della serie Stranger Things, nel mondo alternativo del Sottosopra, un luogo esistito finora solo nei peggiori incubi o nelle più terribili allucinazioni. Will non sa come chiamare il posto inquietante in cui si è improvvisamente trovato. Le uniche certezze sono che è solo e che niente intorno a lui lo fa sentire al sicuro. Uno strano mostro, dal verso stridente, è in agguato dietro ogni angolo, mentre voci familiari lo chiamano in lontananza. Per sopravvivere, Will deve tenere fede a ciò che ha imparato giocando di squadra con i suoi amici, con la speranza di tornare presto a casa.

È già possibile preordinare il libro in tutte le librerie e su Amazon e Ibs.

Titolo: Stranger Things Il sottosopra
Autori:
Jody Houser e Stefano Martino (illustrazioni)
Genere:
Graphic Novel
Casa editrice:
Magazzini Salani
Pagine: 100
Prezzo ed. cartacea: 15,00€

 


Disponibile dal 20 giugno 2019!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Febbre

Febbre, vincitore del Kirkus Prize 2018 Alla ricerca di una qualche forma di sicurezza e stabilità dopo la morte dei genitori, ...
Leggi Tutto

Dracul

Dracul: A un secolo dalla morte di Bram Stoker, il suo discendente ci racconta come tutto ha avuto inizio... Colpi ...
Leggi Tutto
un mare viola scuro novità

Un mare viola scuro

Un mare viola scuro arriva in libreria! Un bisnonno, Belzebù, dal nome improbabile e inquietante. E un luogo, Colorno, così ...
Leggi Tutto

L’ospite crudele

L’ospite crudele, romanzo d’esordio dell’inglese Rebecca Fleet, si inserisce nel filone del domestic thriller, uscendo però dal comfort dell’ambiente familiare e ...
Leggi Tutto

Stranger Things Il sottosopra

Arriva in Italia la prima graphic novel ufficiale di Stranger Things, la serie Netflix diventata ormai cult (e manca poco ...
Leggi Tutto
L'imprevedibile movimento dei sogni novità

L’imprevedibile movimento dei sogni

L'imprevedibile movimento dei sogni, dal soggetto per un film che ha vinto il Figari Film Fest per il cinema indipendente ...
Leggi Tutto
darkness novità

Darkness

Ecco Darkness, il nuovo romanzo di Leonardo Patrignani. Haly Foster ha un piano. Un piano infallibile che finalmente la porterà ...
Leggi Tutto

Le amiche di Jane

La collana Passaparola si arricchisce di un nuovo titolo: Le amiche di Jane. Come ci si trasforma in persone adatte ...
Leggi Tutto
sarà una lunga notte novità

Sarà una lunga notte

Quando il commissario Jules Léger, della polizia giudiziaria di Parigi, arriva al Terminal 2 dell’aeroporto Charles de Gaulle, il mal ...
Leggi Tutto

Il castello delle stelle volume uno

Titolo: Le Château des Etoiles – 1869: La conquête de l’espace
Autore: Alex Alice
Genere: Graphic novel/Fantascienza/Ucronia
Anno di pubblicazione: 2014
Titolo in Italia: Il castello delle stelle
Anno di pubblicazione ITA: 2017
Trad. di: Camilla Diez

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Penso di avervi parlato di questa graphic novel fino allo sfinimento su IG, ma avevo aspettative molto alte per una storia che ha davvero molto da offrire e dei disegni (ad acquarello) che la accompagnano in maniera perfetta.

Quindi, la storia (uno di quattro; il secondo volume è l’unico, oltre al primo ovviamente, già disponibile anche in Italia – al momento in cui scrivo questo articolo).

Nel 1869, l’etere pare essere un gas che, se sfruttato bene, potrebbe portare benessere e prosperità praticamente a tutti.

Ma non è di semplice estrazione, perché l’etere va raggiunto… nello spazio.

E sono in molti ancora a dubitare della sua esistenza. Non la mamma di Seraphine però; la donna partirà su una mongolfiera alla ricerca del prezioso gas, ma purtroppo lei e il suo mezzo svaniranno nel nulla.

Prima di sparire, però, la donna riesce a gettare giù dalla mongolfiera il suo diario nel quale è contenuta una nota molto importante: l’etere esiste!

In tanti potrebbero essere interessati a questa scoperta… anche gente disposta a tutto…

L’atmosfera che così si crea non può non ricordare i quasi onirici ambienti e ritrovati tecnologici di Jules Verne con una scienza in grado di spingere l’uomo oltre i suoi confini ed elevarlo a nuove vette di conoscenza.

Protagonisti di questa ricerca personale e scientifica saranno tre ragazzi (ma questo non deve fermare un lettore adulto dal conoscere questa storia) e un’altra manciata di personaggi – adulti – che riescono a essere ben definiti nei loro tratti principali (sebbene re Ludwig resti un gigantesco – ma affascinante – mistero che spero verrà in parte chiarito nei prossimi volumi).

Certo, alcune meccaniche nella storia sono di agile previsione (soprattutto per un lettore grandicello), ma questo non toglie nulla alla piacevolezza della storia e alla scorrevolezza della lettura.

Consigliato sia ai neofiti che ai veterani di graphic novel, a chi ama sognare a prescindere dall’età anagrafica e a chi apprezza le storie un po’ incantate.

La profezia dell’armadillo recensione

Titolo: La profezia dell’armadillola profezia dell'armadillo
Autore 
(testi e disegni): Zerocalcare
Anno di pubblicazione: 2011

  • Un polpo alla gola;
  • Dodici;
  • Ogni maledetto lunedì;
  • Dimentica il mio nome;
  • L’elenco telefonico degli accolli;
  • Cobaing calling.

«Si chiama “profezia dell’armadillo” qualsiasi previsione ottimistica fondata su elementi soggettivi e irrazionali spacciati per logici e oggettivi, destinata ad alimentare delusione, frustrazione e rimpianti, nei secoli dei secoli. Amen.»

Nel lontano 2011, arriva “La profezia dell’armadillo“: fa incetta di premi (Gran Guinigi; Lucca Comics & Games 2012) e i lettori fanno incetta di lei (di ristampa in ristampa fino alla Bao publishing e ancora di ristampa in ristampa… per la cronaca, la mia è la nr. 17!).
[Tra parentesi, nel 2014, è stato annunciato anche l’adattamento cinematografico].

Come al solito, io arrivo sempre tardi (avrei molte cose da imparare dal Guardiano del tempismo…).

Insomma, inutile che spieghi cos’è una graphic novel (= romanzo a fumetti), quindi procediamo.

La storia è composta di tanti piccoli episodi autoconclusivi, al massimo di cinque/sei pagine, i quali raggrumati ben bene tutti insieme creano l’intero romanzo.

Il “pretesto” è la morte di un’amica di Calcare, con la quale tanto si è condiviso nell’adolescenza e, per tutta una serie di motivi, così poco si è potuto condividere nell’età adulta.

Tramite flashback, mammut nascosti, coscienze polimorfe e tante citazioni nerdose (le ho colte tutte… che l’universo abbia un messaggio per me?), La profezia dell’armadillo è davvero un’ottima partenza.

Certo, c’è qualche vignetta che magari rende meno rispetto ad altre; qualche elemento che magari resta lì un po’ sospeso. Complessivamente, però, c’è tutto: ci sono le risate e ci sono gli scossoni di capo (che nel mio linguaggio stanno a significare: “C’ha raggggione!“), ma ci sono anche i momenti tristi, le riflessioni e gli spunti.

Alla fine, quello che si crea è un quadro sicuramente interessante, ironico e simpatico.

Quindi, per essere la prima esperienza dell’autore con un libro completo, tanto di cappello.

In futuro leggerò altro? Molto probabilmente sì (e se qualcuno mi sta ascoltando, ecco un’idea natalizia visto che ci stiamo avvicinando al periodo! ^^).

valutazione la profezia dell'armadillo


Hai letto "La profezia dell'armadillo"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...


Madame Bovary si fa moderna!

Posy Simmons-Gemma BoveryDal 29 gennaio, il cinema francese ci prova con un delicato riadattamento del famoso capolavoro di Flaubert, Madame Bovary.
In realtà, la pellicola riprende il lavoro di Posy Simmonds, Gemma Bovery. La graphic novel (pubblicata prima a episodi sul The Guardian, poi in un libro unico nel 1999) dell’autrice inglese ha riscosso un notevole successo e fa un vero e proprio parallelo moderno con il libro di Flaubert.
La storia (nella graphic novel) si apre con Raymond Joubert, un fornaio (con la passione per Flaubert) di un paesino in Normandia, che, rimuginando su Gemma Bovery, si incolpa della sua morte. Durante una visita al marito di Gemma, scopre che la donna teneva un diario. Da qui, unendo il diario ad i suoi ricordi, Raymond comincia a raccontare la storia di Gemma.

La graphic novel (disponibile solo in lingua inglese) è acquistabile al prezzo di copertina di 10,99£, ca. 14,70€ (anche su amazon.it).

Nel film, che si apre in modo leggermente diverso rispetto alla graphic novel, Gemma Bovery è interpretata da Gemma Artenton e Fabrice Luchini è Joubert.

 

 

error: Attenzione! Questo contenuto è protetto!
Wordpress Copy paste blocker plugin powered by http://jaspreetchahal.org