American Gods recensione

recensione american godsTitolo originale: American Gods
Anno di pubblicazione: 2001
Autore: Neil Gaiman
Genere: Fantasy
Titolo in Italia: American Gods
Anno di pubblicazione ITA: 2003

Shadow è in prigione da quasi tre anni e sta per uscire. Ormai pochi giorni ancora: deve resistere per poco senza infilarsi nei guai.

Ma eccoti il direttore della prigione che lo fa chiamare nel suo ufficio. L’uomo-ombra teme che l’idea di libertà che carezzava possa essere svanita nel nulla.

E invece? Invece, il direttore gli comunica che uscirà prima (yuuuuh!)… per partecipare ai funerali della moglie – di Shadow – (ahem…). La donna, infatti, ha avuto un terribile incidente stradale.

Ancora intontito della notizia surreale, Shadow, uomo-ombra-libero-ma-ormai-definitvamente-solo, prende il volo che lo riporterà a casa e ai funerali della moglie.

Sull’aereo, però, iniziano le sue avventure: incontrerà, casualità (?), uno strambo individuo.

Questi lo apostroferà dicendogli di chiamarsi Wednesday (ehm, Mr Wednesday per la precisione) e gli offrirà così su due piedi un lavoro.

Shadow inizialmente rifiuta, ma poi, venuto a sapere che nell’incidente, assieme alla moglie, è morto anche il suo migliore amico (suo garante, poiché gli aveva offerto un lavoro), si vede costretto ad accettare.

Dopo aver svolto tutte le pratiche necessarie per il funerale, aver sistemato le cose della moglie, Shadow dovrà unirsi a Wednesday per cominciare il suo lavoro come guardia del corpo (o una specie almeno).

Qualcosa, però, in tutta la storia non quadra (ad esempio: sua moglie morta che lo va a trovare nella stanza del motel la notte del funerale!).

Ecco svelato l’arcano della sua nuova vita fuori dal carcere: il suo datore di lavoro è una divinità: Odino! Il guercio Óðinn dei norreni.

E la mega-divinità si sta preparando a una guerra: una terribile guerra che vedrà scontrarsi tra di loro divinità vecchie e nuove.

Premetto che non è il primo libro di Gaiman che leggo. In precedenza, avevo molto apprezzato Stardust. Tutto questo per dirti che non sono partita prevenuta, anzi

E proprio per dimostrare le mie buone intenzioni, comincio con gli aspetti positivi.

L’idea di base è molto carina (anche se non originale; già nella mitologia greca il concetto era quello): le divinità sono eterne fino a un certo punto. Quando cioè nessuno più le venera (nell’antica Grecia la questione era legata ai fumi delle offerte) le divinità sono destinate a perdere la loro forza fino a scomparire.

Carina è anche la contrapposizione tra vecchio e nuovo: vecchio uguale divinità classiche; nuovo uguale divinità moderne (le droghe, le tecnologie, il gioco d’azzardo, ect.). Il che, pensandoci sopra, è tristemente vero.

Lo studio che c’è dietro è sicuramente approfondito e curato (si fa riferimento alla mitologia norrena, egizia, africana, irlandese, induista, ect.) e infatti, a fine opera, l’elenco di collaboratori è molto ampio.

È il resto a rovinare l’atmosfera.

Pur comprendendo l’idea di base (gli americani hanno i loro idoli da venerare e tra divinità vecchie e nuove non c’è distinzione, perché mirano tutte ad essere venerate e non dimenticate) non ne vedo il fondo, la conclusione, il motivo ultimo a cui dovrebbe condurmi il libro.

Insomma, a cosa mi porta tutto questo ragionare di dei e miti e leggende? Cosa si vuole dimostrare o comunicare? Qual è la storia che si vuole raccontare?

Le divinità, così come i 5/6 umani veri che si incontrano durante la narrazione, sono simili… e capisco anche questo: gli umani adorano divinità con superpoteri, ma, in fondo, gli stessi dei non sono così diversi da coloro che li hanno creati e ne condividono i vizi e le debolezze.

Ma perché sono tutti descritti in maniera caricaturale? Le donne sono quasi tutte descritte come discinte/nude e, invece, gli uomini si portano sempre dietro un innegabile bagaglio di saggezza.

Insomma, si fa un gran riflullio per approdare… a cosa esattamente?

Gli ambienti sfuggono spesso per le descrizioni non troppo chiare.

Causa di questo è probabilmente il fatto che buona parte dei luoghi sono realmente esistenti (negli Stati Uniti) e possono essere stati dati per scontati o già acquisiti dal pubblico (americano). Io ci ho capito poco o nulla.

Insomma, ripeto, ciò che mi sfugge di questa lettura è il messaggio finale: attaccare l’umanità moderna? Bacchettare le nuove generazioni per indurle a non creare a falsi miti?

Boh… e anche ragionare sull’intento di questo libro non toglie il fatto che la storia sia condotta in maniera maldestra; sembra andare in una direzione e, invece, no…

Insomma, Odino, magari puoi far chiarezza tu?

valutazione american gods


 

Hai letto "American Gods" Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...


Altro di questo autore:

Coraline recensione

Titolo originale: Coraline Anno di pubblicazione: 2002 Autore: Neil Gaiman Genere: Fantasy/Libro per ragazzi Titolo in Italia: Coraline Anno di ...
Leggi Tutto

American Gods recensione

Titolo originale: American Gods Anno di pubblicazione: 2001 Autore: Neil Gaiman Genere: Fantasy Titolo in Italia: American Gods Anno di ...
Leggi Tutto

I commenti sono chiusi.