L’ultimo mistero di Hitler

Gli archivi segreti del governo russo si aprono, per la prima volta dopo oltre settant’anni, a due giornalisti e un medico legale: documenti, testimonianze, verbali. L’ultimo mistero di Hitler affronta gli ultimi giorni della seconda guerra mondiale.

Come e quando è davvero morto Adolf Hitler? All’indomani dell’armistizio, riuscirono o no i russi a identificarne il corpo, nonostante fosse stato probabilmente bruciato? Nei mesi successivi, i dubbi che Stalin istillò nei suoi alleati si propagarono come una cancrena e continuano ancora oggi ad alimentare ogni genere di teoria.

Per la prima volta dopo oltre settant’anni, il governo russo ha consentito a due giornalisti e a un illustre medico legale di consultare gli archivi segreti del KGB. Ne emergono centinaia di documenti, per lo più completamente inediti: gli interrogatori dei testimoni degli ultimi giorni del Führer, la pianta del bunker dove Hitler ed Eva Braun si sposarono e poi si suicidarono – a quanto si ritiene – il 30 aprile 1945, un piano di fuga, verbali ricchi e contraddittori, ma soprattutto resti umani: un pezzo di cranio che presenta un foro di pallottola, un frammento di mandibola, alcuni denti attribuiti a Eva Braun.

Grazie al loro faticoso lavoro d’indagine – che costituisce una storia all’interno della storia – i due autori ci consegnano un’inchiesta appassionante e rivoluzionaria, che riscrive gli ultimi giorni della seconda guerra mondiale, l’inizio della guerra fredda, e getta una luce definitiva sul giallo storico più discusso del Novecento.

  • tutta la verità sulla morte di Hitler e di Eva Braun
  • la caccia ai cadaveri e le versioni di Stalin
  • l’analisi dei resti del dittatore nazista
  • decine di documenti e di foto inedite
  • la ricostruzione più accurata degli ultimi giorni nel bunker
  • lo spionaggio fra le potenze vincitrici e l’inizio della guerra fredda

Gli autori

Jean-Christophe Brisard è inviato speciale e regista di documentari, dedicati alla geopolitica e alle dittature. È inoltre autore di vari libri, fra cui Enfants de dictateurs (2014).

 Lana Parshina, documentarista russa, si è trasferita negli USA a 21 anni. Il suo documentario più celebre è Svetlana about Svetlana (2008), sulla figlia di Stalin.

Titolo: L’ultimo mistero di Hitler
Autori: Jean-Christophe Brisard e Lana Parshina
Genere: Saggio
Casa editrice: Ponte alle Grazie
Pagine: 304
Prezzo ed. cartacea: 19,00€

Jean-Christophe Brisard
sarà in Italia ospite del festival èStoria,
il 19 maggio 2018
(ore 18.30, Sala del caminetto,
Unione Ginnastica Goriziana, Gorizia).


Disponibile dal 17 maggio 2018!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Febbre

Febbre, vincitore del Kirkus Prize 2018 Alla ricerca di una qualche forma di sicurezza e stabilità dopo la morte dei genitori, ...
Leggi Tutto

Dracul

Dracul: A un secolo dalla morte di Bram Stoker, il suo discendente ci racconta come tutto ha avuto inizio... Colpi ...
Leggi Tutto
un mare viola scuro novità

Un mare viola scuro

Un mare viola scuro arriva in libreria! Un bisnonno, Belzebù, dal nome improbabile e inquietante. E un luogo, Colorno, così ...
Leggi Tutto

L’ospite crudele

L’ospite crudele, romanzo d’esordio dell’inglese Rebecca Fleet, si inserisce nel filone del domestic thriller, uscendo però dal comfort dell’ambiente familiare e ...
Leggi Tutto

Stranger Things Il sottosopra

Arriva in Italia la prima graphic novel ufficiale di Stranger Things, la serie Netflix diventata ormai cult (e manca poco ...
Leggi Tutto
L'imprevedibile movimento dei sogni novità

L’imprevedibile movimento dei sogni

L'imprevedibile movimento dei sogni, dal soggetto per un film che ha vinto il Figari Film Fest per il cinema indipendente ...
Leggi Tutto
darkness novità

Darkness

Ecco Darkness, il nuovo romanzo di Leonardo Patrignani. Haly Foster ha un piano. Un piano infallibile che finalmente la porterà ...
Leggi Tutto

Le amiche di Jane

La collana Passaparola si arricchisce di un nuovo titolo: Le amiche di Jane. Come ci si trasforma in persone adatte ...
Leggi Tutto
sarà una lunga notte novità

Sarà una lunga notte

Quando il commissario Jules Léger, della polizia giudiziaria di Parigi, arriva al Terminal 2 dell’aeroporto Charles de Gaulle, il mal ...
Leggi Tutto
Precedente Lamentation recensione Successivo Conto su di te per il vino