La storia dell’acqua

Torna in libreria l’autrice del caso editoriale (vincitore del Premio dei Librai norvegesi) “La storia delle api” con il secondo capitolo della quadrilogia sul clima: La storia dell’acqua.

«Quando ci riferiamo al nostro pianeta lo chiamiamo sempre terra, ma in realtà èacqua che dovremmo chiamarlo».

2017: Signe ha quasi settant’anni e non ha mai avuto paura del mare. Cresciuta nell’albergo dei suoi genitori con una madre molto energica e un padre esploratore innamorato della natura maestosa che li circonda, dopo aver vissuto per lungo tempo a bordo della sua barca a vela Blu, ritorna alle montagne e alle cascate della costa occidentale della Norvegia. Ma per poco. Presto salperà di nuovo l’ancora con uno strano carico a bordo, per attraversare parte dell’Atlantico e raggiungere le coste della Francia, alla ricerca dell’uomo che amava.

2041: David, troppo giovane per sentirsi un buon padre, attraversa con la figlia Lou il Sud dell’Europa colpito dalla siccità, fino al campo profughi di Timbaut, al nord, una struttura militare fatta di tende e lamiere. Ma la speranza si riaccende quando, sorprendentemente, in un giardino inaridito che nasconde più di un segreto, i due scoprono una vecchissima barca a vela.

L’autrice

Maja Lunde (1975) vive a Oslo col marito e i loro tre figli. Scrittrice e sceneggiatrice per la tv, dopo numerosi libri per ragazzi si è affermata internazionalmente con il suo primo romanzo, La storia delle api, pubblicato in 32 paesi. Rimasto per mesi ai vertici delle classifiche, non solo in Norvegia, La storia delle api ha vinto, primo esordio nella storia del premio, il riconoscimento letterario più ambito in Norvegia, quello dei librai. La storia dell’acqua è il secondo libro nella prevista quadrilogia sul clima.

Titolo: La storia dell’acqua
Autrice: Maja Lunde
Genere: Romanzo (climate-fiction)
Casa editrice: Marsilio
Pagine: 352
Prezzo ed. cartacea: 18,50€

Hanno detto di questo libro

«La storia dell’acqua è emozionante.
Brillantemente costruito, il romanzo è capace di sollevare un dibattito
non tanto presentando argomenti a sostegno della causa,
ma grazie alla capacità di persuasione insita nella buona letteratura.»
Klassekampen

«Nella nuova categoria letteraria ormai nota come cli-fi (climate fiction),
arriva il bel romanzo di Maja Lunde,
con le sue storie che parlano di famiglia, amore e perdita,
sullo sfondo degli effetti del cambiamento climatico.»
The Atlantic


Disponibile dal 30 agosto 2018!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Bianco letale

Quando il giovane Billy, in preda a una grande agitazione, irrompe nella sua agenzia investigativa per denunciare un crimine a ...
Leggi Tutto

In un chiaro, gelido mattino di gennaio all’inizio del ventunesimo secolo

In un chiaro, gelido mattino di gennaio all’inizio del ventunesimo secolo un lupo attraversa il confine polacco-tedesco e si dirige ...
Leggi Tutto

Il primo bacio

Una guida per genitori ed educatori che cercano le parole giuste per parlare di amore ai ragazzi, aiutandoli a vivere ...
Leggi Tutto

Madonna col cappotto di pelliccia

Ci sono incontri casuali in grado di segnare un’intera esistenza. E ci sono storie che restano segrete per una vita ...
Leggi Tutto

L’illusione della fenice

Il romanzo è diviso in tre storie che si svolgono in luoghi geografici diversi e in momenti storici differenti. Tre ...
Leggi Tutto

L’arte di sparire

Il giovane Marco Nidal si trova coinvolto in un caso di sparizioni seriali di persone, tra le quali suo padre ...
Leggi Tutto

Sperando che il mondo mi chiami

Carolina Altieri ogni mattina si sveglia all'alba per andare al lavoro. Indossa abiti impeccabili, esce di casa, sale su un ...
Leggi Tutto

Se i pesci guardassero le stelle

«Una storia incantevole, che fa sognare e riempie il cuore!» Nicolas Barreau Samuele ha trent’anni, una gran voglia di essere ...
Leggi Tutto

Sogni e favole

Roma, 1983. Il Novecento brilla ancora. Emanuele, neppure ventenne, lavora in un cineclub del centro. Una notte, al termine di ...
Leggi Tutto
Precedente Novità Libri Settembre 2018 Successivo Il gigante sepolto recensione