La ragazza che scrisse Frankestein

Essere donna in un mondo dove le donne sono buone solo a fare i figli; amare in un mondo dove non è concesso e scrivere creando la vita. Fiona Sampson ci regala la biografia di Mary Shelley, La ragazza che scrisse Frankestein.

Esistono donne messe in ombra dai genitori, dal marito, dall’epoca in cui vivono, a volte persino dalla loro stessa opera: tutte queste sorti insieme sono toccate a Mary Shelley, La ragazza che scrisse Frankenstein.

La madre Mary Wollstonecraft, filosofa femminista, muore poco dopo averla messa al mondo, e così sta al padre, William Godwin, crescerla e educarla in una casa frequentata dai maggiori intellettuali del tempo e segnata da quel lutto mai del tutto rimarginato – è sulla tomba della madre che Mary impara a leggere, seguendo le lettere con il dito.

Nel 1814, a diciassette anni, scappa con il futuro marito, il poeta Percy Bysshe Shelley; i due attraversano l’Europa in compagnia della sorellastra di Mary, Claire. Nel 1816 i tre, insieme al romanziere John Polidori e al poeta Lord Byron, sono protagonisti di un singolare gioco: per ingannare la noia dei giorni piovosi sul lago di Ginevra, Byron propone a ciascuno di scrivere un racconto di paura.

Inaspettatamente, è la fantasia di una Mary diciannovenne a primeggiare, creando uno dei mostri più celebri e terrificanti di sempre, in cui riversa molto di sé: la fatica del parto e lo spettro delle morti infantili riverberano nel tema della creazione di una nuova vita, così come la malattia che da piccola l’aveva costretta a tenere un braccio in fasce, gonfio e sfigurato, ispira la dolente mostruosità della creatura. Sembra l’inizio di una sfolgorante carriera, ma la morte improvvisa di Percy relegherà Mary nel ruolo ancillare e più tradizionalmente femminile di custode dell’eredità letteraria del marito.

A duecento anni dalla pubblicazione di Frankenstein, Fiona Sampson scrive la biografia definitiva di Mary Shelley: una vita che è il manifesto di tutte le possibili strade che una donna può percorrere, e il resoconto di tutti gli ostacoli che la società e il destino possono mettere sui suoi passi.

L’autrice

Fiona Sampson è una delle poetesse contemporanee più apprezzate in Inghilterra. Per le sue attività letterarie, nel 2017 è stata insignita dell’Ordine dell’Impero Britannico. È membro della Royal Society of Literature, dell’English Association e del Wordsworth Trust. Tradotta in trentacinque lingue, ha pubblicato ventinove volumi di poesia e saggistica, e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra i quali il Newdigate Prize, il Cholmondeley Award, una Hawthornden Fellowship, e i premi della Society of Authors e dall’Arts Councils of England and of Wales. Insegna Poesia all’Università di Roehampton.

Titolo: La ragazza che scrisse Frankestein
Autrice: Fiona Sampson
Genere: Saggio
Casa editrice: Utet
Pagine: 393
Prezzo ed. cartacea: 25,00€

Trovi la mia recensione qui


Disponibile dall’11 settembre 2018!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Madonna col cappotto di pelliccia

Ci sono incontri casuali in grado di segnare un’intera esistenza. E ci sono storie che restano segrete per una vita ...
Leggi Tutto

L’illusione della fenice

Il romanzo è diviso in tre storie che si svolgono in luoghi geografici diversi e in momenti storici differenti. Tre ...
Leggi Tutto

L’arte di sparire

Il giovane Marco Nidal si trova coinvolto in un caso di sparizioni seriali di persone, tra le quali suo padre ...
Leggi Tutto

Sperando che il mondo mi chiami

Carolina Altieri ogni mattina si sveglia all'alba per andare al lavoro. Indossa abiti impeccabili, esce di casa, sale su un ...
Leggi Tutto

Se i pesci guardassero le stelle

«Una storia incantevole, che fa sognare e riempie il cuore!» Nicolas Barreau Samuele ha trent’anni, una gran voglia di essere ...
Leggi Tutto

Sogni e favole

Roma, 1983. Il Novecento brilla ancora. Emanuele, neppure ventenne, lavora in un cineclub del centro. Una notte, al termine di ...
Leggi Tutto

Sette giorni perfetti

Si incontrano per caso in un caldo pomeriggio di giugno alla fermata dell'autobus e fin dal primo momento Sarah e ...
Leggi Tutto

Cucinare un orso

Corre l’anno 1852 e nel profondo nord della Svezia tuona la parola di Læstadius, carismatico pastore di origini sami che ...
Leggi Tutto

Echi da un destino sospeso

Romanzo nel romanzo, Echi da un destino sospeso è la storia dell'incontro tra Camilla, giovane scrittrice, e Valerio, un uomo ...
Leggi Tutto
Precedente Quello che ti dirò Successivo Confessioni di un neet