È tempo di ricominciare recensione

Titolo: Zeiten des Aufbruchs
Autrice: Carmen Korn
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 2017
Titolo in Italia: È tempo di ricominciare
Anno di pubblicazione ITA: 2019
Trad. di: Manuela Francescon

Preceduto da: 
Figlie di una nuova era

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Dopo gli eventi conclusivi di Figlie di una nuova era è difficile che non resti un po’ di curiosità per le sorti di questo nutrito gruppo di personaggi.

E così ritroviamo Lina e Louise, Henny, Ida e Tian, Theo, Gurte… A loro si aggiungeranno poi (i tempi passano anche per i personaggi letterari, ahimè!) anche figli e nipoti che, pian piano in punta di piedi, scivoleranno in una nuova posizione (in certi casi) predominante all’interno della storia.

Si comincia nel 1949 con una città, una nazione… un mondo praticamente da ricostruire, pezzi di vita da riassemblare e arriveremo fino al 1969, passando attraverso calamità naturali, cadute e rinascite, l’avvento – ancora visto con una certa diffidenza – della televisione, il jazz e poi i Beatles.

La Korn si conferma maestra nel giocare con i fili che smuovono i suoi personaggi, incastrandoli di volta volta all’interno di una quotidianità che è reale e vitale.

Rispetto al primo capitolo della trilogia, in cui era forte l’impatto della crisi economica e poi della guerra, qui – dove comunque i grossi eventi non mancano (la crisi cubana, la costruzione del muro – anche se siamo ad Amburgo e non a Berlino, il primo uomo sulla Luna) – passano solo come notizia e hanno un’influenza minore sulla vita dei personaggi.

Anche il ritmo della narrazione cambia (o almeno a me così è sembrato; la parte centrale è più cadenzata rispetto al resto, con brevi paragrafi che saltano da un personaggio all’altro).

Detto questo, però, la storia intessuta dalla Korn continua a piacermi; mi sono ormai affezionata ai suoi personaggi (che io continuo a immaginarmi come energici ventenni, anche se qualcuno è già sulla soglia dei settanta/ottanta anni).

Siamo quasi alla fine e non vedo l’ora di scoprire l’atto finale (anche se temo il momento in cui dovrò dare l’addio definitivo a questi personaggi).

Consigliato a chi ama perdersi nella quotidianità, a chi non si spaventa a saltellare tra le vite di più personaggi e a chi apprezza narrazioni in cui è la fragilità umana a farla da padrona.

 

Precedente Mai più sola nel bosco recensione Successivo L'arte di costruire una barca