Crea sito

Tazze per gli amanti dei libri!

Qualche giorno fa sui social ho richiamato un articolo del blog: riguardava alcuni tè ispirati ai grandi classici. Ma pensandoci bene… per bere un buon tè ci vuole anche un’ottima tazza in cui poterlo bere.

Ecco, quindi, alcune tazze per gli amanti dei libri!

tazze per gli amanti dei libri

Il Signore degli anelli

Tazza signore degli anelli

Non tutti quelli che vagano sono persi…
Elfi? Orchetti? Raminghi? Questa è la tazza perfetta! 😀

Per maggiori info, clicca qui.


Harry Potter

tazza harry potter

E… spresso Patronum!

Per maggiori informazioni, clicca qui.


Sherlock Holmes

tazza sherlock

– 221? Le suggerisce qualcosa?
– Mmm, sì Watson…

Per maggiori info, clicca qui.


Orgoglio e Pregiudizio

tazza jane austen

E ovviamente non poteva mancare questa (la tazza perfetta per me… una tra le tante XD): preferirei essere a Pemberly.

Per maggiori info, clicca qui.


Frankestein

tazza frankestein

Per maggior info, clicca qui.


Cronache del ghiaccio e del fuoco

tazza winter is coming

E non può mancare la tazza per gli amanti del Trono di spade. Ce ne sono tantissime (come quella “Tu non sai nulla, Jon Snow” o quella dedicata a Hodor :D).

Per maggiori informazioni, clicca qui.


Dracula

tazza dracula

Per maggiori info, clicca qui.

The Winds of Winter: George R.R. Martin pubblica un nuovo estratto

The Winds of WinterTempo fa, la triste notizia: The Winds of Winter rimandato a data da destinarsi. C’è ancora così tanto lavoro da fare che nemmeno l’autore stesso può indicare ai suoi fans un termine ultimo. La conclusione?
Sarà pronto quando sarà pronto (qui i dettagli).

Quindi, dal momento che la serie televisiva segue, già da qualche tempo, un percorso diverso da quello tracciato all’interno dei libri, non ci resta che aspettare… e accontentarci.

Questa volta, Martin ha pubblicato un nuovo estratto da The Winds of Winter, dandoci un piccolo assaggio di quello che diventerà uno dei capitoli del libro. La protagonista di queste pagine è la principessa Arianne Martell (la volta scorsa, invece, la protagonista era stata Sansa… per la quale non è che io straveda molto).

Arianne è in viaggio, ma nel frattempo riporta al padre, Doran Martell, ciò che vede e che apprende lungo il suo cammino.

That night Arianne dispatched the first of her ravens back to Dorne, reporting to her father on all they’d seen and heard. The next morning her company set out for Mistwood, as the first rays of the rising sun were slanting through the peaked roofs and crooked alleys of the Weeping Town. By midmorning a light rain began to fall, as they were making their way north through a land of green fields and little villages. As yet, they had seen no signs of fighting, but all the other travelers along the rutted road seemed to be going in the other direction, and the women in the villages they passed gazed at them with wary eyes and kept their children close. Further north, the fields gave way to rolling hills and thick groves of old forest, the road dwindled to a track, and villages became less common.

Arianne sembra incontrare anche un personaggio molto somigliante, per i suoi tratti, alla famiglia Targaryen. Il suo nome è Lysono Maar; i suoi occhi sono di un lilla pallido, i suoi capelli una cascata bianco e oro.

Lysono Maar spoke the Common Tongue very well. “I have the honor to be the eyes and ears of the Golden Company, princess.”
“You look… ” She hesitated.
“…like a woman?” He laughed. “That I am not.”
“ …like a Targaryen,” Arianne insisted. His eyes were a pale lilac, his hair a waterfall of white and gold. All the same, something about him made her skin crawl. Was this what Viserys looked like? she found herself wondering. If so perhaps it is a good thing he is dead.  

Lysono Maar conterebbe anche di un drago… Insomma, l’alleanza tra il principe Aegon e Dorne sembrerebbe molto vicina…

Arianne decided to confront him openly. On the evening of their fifth day out of Mistwood, as they made camp beside the tumbled ruins of an old tower overgrown by vines and moss, she settled down beside him and said,  “Is it true that you have elephants with you?”
“A few,” said Lysono Maar, with a smile and a shrug.
“And dragons? How many dragons do you have?”
“One.”
“By which you mean the boy.”
“Prince Aegon is a man grown, princess.”
“Can he fly? Breathe fire?”
The Lyseni laughed, but his lilac eyes stayed cold.

E qui mi fermo ché la situazione sta diventando ingarbugliata e non vorrei spoilerarmi qualcosa involontariamente, ma puoi leggere l’estratto completo sul sito georgerrmartin.com.

Nulla di più c’è dato sapere, invece, sulla data d’uscita… ma aspettiamo fiduciosi!

Martin: niente da fare per The Winds of Winter

Già… Quando ho letto la notizia (riportata da Buzzfeed), la prima cosa che mi è venuta in mente è stata: ma porca vacca!
the winds of winterNulla di fatto nemmeno per quest’anno, a quanto sembra.
Le speculazioni si rincorrevano già dall’anno scorso (e ne avevamo parlato qui). E, insomma, condensando, davano per certo il sesto libro della saga de Le Cronache del ghiaccio e del fuocoThe Winds of Winter.

A primavera tutto pronto.

Invece, a pochissimi giorni dall’inizio del nuovo anno l’annuncio: THE WINDS OF WINTER NON È PRONTO.
A dare il categorico monito George R. R. Martin stesso sul suo blog. Parafrasando quanto da lui riportato, con sommo dispiacere e disappunto (stesso vale anche per gli editori, la casa editrice, l’agente di Martin, HBO – che cura la trasposizione della serie televisiva), il libro non è pronto.

Nonostante le sue (e, ehm, direi anche nostre) speranze d’avere un testo ultimato entro gli ultimi giorni del 2015, non ci siamo neanche lontanamente vicini. Martin afferma che c’è tantissimo da scrivere. Ancora centinaia di pagine. Dozzine di capitoli. Revisioni e riscritture.
Insomma, c’è materiale da scrivere per un mese intenso. Tuttavia, lo scrittore precisa: un mese completamente dedicato allo scrivere (cosa che nessuno si aspetta che faccia… nemmeno lui stesso).

“Believe me, it gave me no pleasure to type those words. You’re disappointed, and you’re not alone. My editors and publishers are disappointed, HBO is disappointed, my agents and foreign publishers and translators are disappointed… but no one could possibly be more disappointed than me. For months now I have wanted nothing so much as to be able to say, “I have completed and delivered THE WINDS OF WINTER” on or before the last day of 2015.

But the book’s not done.

Nor is it likely to be finished tomorrow, or next week. Yes, there’s a lot written. Hundreds of pages. Dozens of chapters. But there’s also a lot still left to write. I am months away still… and that’s if the writing goes well. (Sometimes it does. Sometimes it doesn’t.) Chapters still to write, of course… but also rewriting. I always do a lot of rewriting, sometimes just polishing, sometimes pretty major restructures.

Insomma, quindi? Quando? Quando sarà pronto?
Stavolta nessun anticipo. Sarà pronto quando sarà pronto.

 It will be done when it’s done.

Perfetto.


Università? Un corso di studi per Il Trono di Spade

Chi non conosce Le Cronache del ghiaccio e del fuoco e la relativa serie televisiva Il Trono di spade? Ecco, sì, credo nessuno… anche solo per sentito dire.

Le vicende degli Stark, dei Lannister, dei Targaryen e delle altre casate dei Sette Regni ci tengono sulle spine (e ci sonvolgono ogni maledetta volta con una morte inaspettata – credo che non farò mai il callo a vedermi sparire tra le pagine i personaggi che amo! Sob…).

il trono di spade 1

E insomma, mentre noi comuni mortali siamo ancora in attesa che, la prossima primavera, finalmente esca un nuovo libro che arricchisca questa strepitosa serie, nella Columbia Britannica (Canada) non sono certo stati con le mani in mano.

Il Time riporta, infatti, questa notizia: gli studenti dell’università della British Columbia potranno adesso seguire un corso di studi interamente incentrato sui Westerosil trono d spade 3Come riportato, infatti, il corso prevederà la lettura dei cinque libri attualmente disponibili e la visione delle stagioni della serie targata HBO:

The course will involve the reading of the five books (thus far) of the series, and the watching of the five season of the HBO series. Please make sure you’ve read these BEFORE the course begins, as it will problematic to try to catch up if you have not done so.

il trono di spade 2

Il corso avrà inizio l’anno prossimo con il seguente titolo: Our Modern Medieval: The Song of Ice and Fire as contemporary Medievalism.

Tra gli argomenti, si farà particolare attenzione al Medioevo modernamente “ri-immagnato” e numerosi saranno i raffronti tra il reale periodo storico europeo e quello che Martin è riuscito a creare nelle menti dei lettori e dei fan della serie in generale.

Ovviamente, il corso è indirizzato e rivolto principalmente ai book-lovers, ma chissà che questa attenzione per la lettura non faccia convertire qualcuno ad una nuova passione!


 

Cronache del ghiaccio e del fuoco Quinto libro recensione

Recensione cronache del ghiaccio e del fuoco quinto libroTitolo originale: A Dance with Dragons
Anno di pubblicazione: 2011
Autore: George R.R. Martin
Genere: Fantasy
Titolo in Italia: I guerrieri del ghiaccio/I fuochi di Valyria/La danza dei draghi
Anno di pubblicazione ITA: 2011/2012

Preceduto da:

Seguito da: A Winds of Winter (inedito)

Attenzione! Questo è il quarto volume di una saga. Se non hai i precedenti libri, proseguendo nella lettura dell’articolo rischi di incappare in grossi spoiler!

Dove eravamo rimasti? Alla Barriera, Lord Snow si sta accordando con i numerosi Bruti, fuggiti dalla disfatta di Mance, causata dal provvidennziale intervento di Stannis Baratheon. Il prescelto di R’hllor, con al seguito la fidata (quanto inquietate) lady Melisandre, ha sostanzialmente occupato il Castello Nero. Le sue continue pressioni cercano l’appoggio dei Corvi alla sua causa (ottenere il Trono di Spade).

Oltre la Barriera, Bran affronta il gelo assieme ai due fratelli Reed alla ricerca del corvo con tre occhi. Lungo il cammino devono scontrarsi con un freddo atroce; la scarsità di cibo e di ripari dal gelo minano le loro forze e indeboliscono i loro animi.
Cercei è ancora prigioniera dell’Alto Septon, costretta a pregare e meditare sui suoi peccati fino a quando non sarà pronta a confessarli e pentirsi. La stessa sorte sembra essere toccata anche a Margaery Tyrell.
Oltre il mare, nelle città libere, Arya continua il suo addestramento nel tempio del dio dai mille volti; Daenerys, ancora a Meereen, deve lottare contro degli assassini, i Figli dell’Arpia, probabilmente legati ai nobili locali, mentre i suoi draghi si fanno sempre più incontrollabili; e Tyrion è in viaggio verso le città libere con degli strani compagni di viaggio.

Insomma, anche in questo volume non può dirsi che manchino colpi di scena… e duri colpi in generale ai cuori di noi poveri fan (non dico altro per evitare spoiler, ma preparatevi a restare a bocca aperta… Quasi mi pento ora d’essermi rimessa in fretta e furia in pari con la saga – dal momento che il prossimo capitolo della saga sembra uscirà a primavera 2016. Contrordine: leggi quest’articolo per gli sconfortanti aggiornamenti).
In ogni caso, vale ciò che ho già detto e ridetto per i precedenti volumi: i personaggi sono curati nei più piccoli particolari. Martin è un mostro nel saper padroneggiare animi sciocchi (vedi Sansa), altezzosi (Cercei), innocenti (Bran), battaglieri (Asha), nobili (Jon), determinati (Arya) e via discorrendo. Altrettanto maestro è nel creare il mondo di Westeros, i Liberi Confini ect. con tanto di tradizioni, usi, costumi, storie e miti.
Pecca un po’ (ma di questo è causa la traduzione) il linguaggio di qualche imprecisione, ma niente di madornale.
Quindi, che altro aggiungere: aspettiamo fiduciosi il 2016! ^^

il trono di spade quinto volume scena di valutazione


Hai letto il quinto libro de "Le Cronache del ghiaccio e del fuoco"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...

error: Attenzione! Questo contenuto è protetto!
Wordpress Copy paste blocker plugin powered by http://jaspreetchahal.org