Shadow Magic recensione

shadow magicTitolo: Shadow Magic
Autore: Joshua Khan
Genere: Fantasy per ragazzi
Anno di pubblicazione: 2016
Titolo in Italia: Shadow Magic
Anno di pubblicazione ITA: 2016
Trad. di: Roberta Verde

– Ho ricevuto una copia di questo libro dalla casa editrice in cambio di un’onesta recensione –

Thron, dodici anni, schiavo. Il suo venditore ne sta esaltando i pregi (l’età, la robustezza, le mani forti da contadino) a un possibile compratore, Mastro Shann. Ma una vita da schiavo non fa proprio per lui e il ragazzo le prova tutte per scoraggiare l’acquirente, con la conseguenza di far non poco adirare il mercante di schiavi (anche perché non si tratta della prima volta). Per la cronaca, la schiavitù sarebbe vietata… ma lì, in quelle lande deserte, non ci sono leggi che tengano. Così Thorn non può far altro che accettare il suo destino in silenzio… se scoprissero il reale motivo per cui è fuggito dal suo villaggio, la sua fine sarebbe molto più terribile della semplice schiavitù. Alla fine, il compratore si rivela inaspettatamente un altro uomo, molto più terribile del precedente. Si tratta di un boia, uno dei più terribili e temuti.

A Castel Cupo, invece, facciamo conoscenza di Lilith (Lily per gli amici), la giovane rampolla – l’ultima, per la verità – degli Shadow, quelli dotati della magia di risvegliare i morti e che, secondo molti, banchetterebbero con carni umane. Be’, come spesso accade, la verità sta nel mezzo e Casa Shadow non è poi così terribile come pare. I fasti sono tuttavia lontani e adesso i morti restano sotto terra e l’antico palazzo è in rovina. I suoi genitori e suo fratello Dante, il legittimo erede al trono, sono stati uccisi mesi prima da degli spietati briganti. Lily è giovane e sola… e deve guidare un regno disastrato e con poche risorse.
L’unico modo per superare il declino? Allearsi con il nemico giurato: la casata dei Solar. Come? Con un matrimonio! E Lily dovrà accettare il nemico giurato in casa propria: lei è Lady Shadow adesso, ma resta pur sempre una semplice ragazza…

logo commento

Il libro è pensato per ragazzi ed è davvero una lettura perfetta in questo periodo – vicino ad Halloween – per le sue tinte fosche e i paesaggi cupi (un po’ in stile Tim Burton – o, per i più giovani, Hotel Transilvania: il cupo e il triste non sono necessariamente “brutti” o malvagi e ciò che dovrebbe essere bello e buono spesso non è lo. Insomma, condensando: l’apparenza inganna).

Lo stile è semplice, adatto a un pubblico giovane, ma questa semplicità non esclude un certo studio nella narrazione. La vicenda, infatti, è ritmata, fresca e simpatica. Le sottotrame presenti sono numerose e ben intrecciate con quella principale; i dialoghi tra i personaggi ben strutturati, agili e non privi di battute.

Insomma, entriamo in questo nuovo universo. Al momento facciamo la conoscenza con le basi e gli elementi fondamentali (infatti, questo libro è il primo di una duologia al momento).

Sei sono le casate: al momento noi conosciamo meglio i meravigliosi e beneamati Solar, paladini del bello e del giusto, e i cupi  – e probabilmente affetti da vampirismo – degli Shadow. Ognuna di queste sei casate è nata da uno dei sei fratelli figli di un uomo e, in base a dove viene raccontata la leggenda, uno spirito dell’aria o del fuoco, una bellissima elfa o una sirena e via discorrendo. Insomma, una genesi interessante che sicuramente sarà approfondita nei prossimi volumi.
La discendenza materna cambia le doti magiche dei sei fratelli (di cui le casate che noi conosciamo non sono altro che i discendenti diretti): per cui c’è la casata che controlla l’elemento del fuoco, quella che controlla la luce e quella che, invece, controlla l’ombra (ect.). Tuttavia, le generazioni passate sono tante e poi tante e il sangue si è così rimescolato che i grandi fasti magici sono ahimè terminati. Le grandi casate – alcune delle quali in lotta tra loro – vedono il loro potere magico farsi più debole di padre in figlio (per le femmine, infatti, la questione è vietata causa impulsi e ardori che una donnicciola non potrebbe controllare… ma forse la nostra protagonista potrebbe non pensarla alla stessa maniera 😉 ). L’epoca dei grandi maghi è, quindi, terminata: anzi, si viene considerati dei grandi intenditori delle arti magiche già solo se si conoscono tre incantesimi e si riesce a spruzzare un po’ di fiammelle dalla punta delle dita.

Per il momento, questo primo libro vede principalmente la netta dicotomia tra la luce (Casa Solar) e l’ombra (Casa Shadow). Se all’apparenza sono sicuramente i secondi a perdere lo scontro, visto il bel portamento e la calda presenza dei Solar, sono quest’ultimi a perdere su tutto il resto. Dove questi sono inviadibili quanto a ricchezza e splendore ma poveri nello spirito, gli Shadow sono sicuramente più ricchi d’animo.

Insomma, luce e ombra in senso letterale, ma, come scrivevo poco sopra, l’apparenza spesso inganna ed è l’opposto a fare il paio corretto. Nonostante questa netta distinzione tra personaggi (i Solar sono strafottenti e supponenti; gli Shadow sono più umili, ma non privi di difetti anche loro), c’è comunque spazio per sfaccettature personali.

shadow magic citazioneThron e Lily sono due protagonisti studiati. Non fanno il paio l’un con l’altro, considerando anche il diverso background, e ognuno di loro ha un diverso modo di reagire e ragionare. Ognuno di loro ha anche un modo diverso di “salvarsi” e, anche unendo le proprie abilità, non necessariamente l’una resta in attesa dell’altro.

S’avverte anche il divario tra la “plebe” e la “nobiltà” e una certa cura viene dedicata anche ai personaggi secondari.

Gli stessi rapporti tra i vari personaggi mutano e si evolvono – non necessariamente come ci aspetteremo – in base alle evoluzioni della vicenda.

Concludendo, si tratta sì di una lettura per ragazzi e, obiettivamente, un adulto con un bagaglio diciamo più corposo di letture fa qualche difficoltà ad apprezzare certi passaggi narrativi, ma il quadro generale è sicuramente piacevole e molto meno scontato di quanto il pregiudizio – sbagliato – potrebbe far pensare quando si parla di letteratura per ragazzi.
In questo caso, devo ammettere d’essere rimasta piacevolmente sorpresa. Sono numerosi gli aspetti curati, non mancano le citazioni e i tanti messaggi rivolti al giovane lettore (le delusioni in cui prima o poi tutti incorreremo; le persone della quali ti fiderai… o no; le persone della quale, viceversa, non potrai più fidarti; la difficoltà del portare una maschera e il senso di disagio che questo comporta a se stessi e con gli altri; il senso del sacrificio e quello del dovere).
Insomma, questi elementi mescolati assieme lo rendono davvero una buona lettura per ragazzi.

Ah, non dimentichiamoci delle illustrazioni! Discrete e ben fatte, le ho trovate la giusta via di mezzo per segnare il passaggio da una letteratura per bambini, ricca di disegni, a quella per ragazzi.

shadow magic valutazione


Hai letto "Shadow Magic"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...


I commenti sono chiusi.