Nome in codice Diva

Titolo: Red Sparrow
Autore: Jason Matthews
Genere: Spy Thriller
Anno di pubblicazione: 2013
Titolo in Italia: Nome in codice Diva
Anno di pubblicazione ITA: 2014

Russia. Nathaniel (Nate) Nash sta incontrando un agente russo, Marmo – per lui, una specie di mentore. Le informazioni che si passano, anzi che Marmo passa da decenni agli Stati Uniti, sono preziosissime in questa continua lotta tra queste due super-potenze.

L’americano Nate sa che il gioco è pericoloso per entrambi, ma il senso del dovere e dell’onore, la forte determinazione e il profondo amore per la patria spingono queste spie a giocarsi la loro vita continuamente.

Sempre Russia, ma da un’altra parte. Dominika Egorova è una giovane ballerina (ovviamente, bella, ovviamente intelligente, trilingue, atletica, colta… ammazza, oh!) i cui radiosi progetti per il futuro si spengono quando un ballerino le pesta una piede durante una prova e, boh, la lascia con una leggerissima zoppia.

L’unica cosa che le resta da fare? Diventare una spia, al soldo (no, meglio dire, una sorta di velato riscatto) dello zio Egorov – pezzo grosso dello spionaggio russo.

Ma la giovane russa non sa ancora cosa nell’attende nell’addestramento per spie made in Russia: abusi, violenze e torture. Tutto per farla diventare una perfetta spia russa donna (leggasi anche prostituta)… ma, alla fine, anche lei ne avrà abbastanza.

Ah… le americanate… mi chiedo ancora come faccia a incapparci così spesso e come facciano ad arrivare in Italia, dal momento che questi sono libri fortemente adattati per l’americano medio.

Ma, in un certo qual modo, questi libri sono anche catartici, no? Ti risucchiano tutto l’entusiasmo, catapultandolo sulla prossima lettura.

Ecco, quindi, arrivarci il primo esempio che ogni americano medio dovrebbe affiggessi bene in testa: la spia americana perfetta. Capace, determinata, farebbe di tutto per la sua patria e per il bene dei suoi connazionali. Se sbaglia, lo fa solo in un’ottica superiore (quella del bene degli Stati Uniti); ma se sbaglia e altri soffrono per le sue azioni la spia americana ne soffre.

Dall’altra parte dell’oceano, eccoti invece i russi… in particolare, le spie russe (denti aguzzi, pancioni, profittatori di fanciulle e mangiatori di bambini). Com’è questa categoria? Be’… ah! ah! ah!, presto detto: viscida, schifosamente maschilista, irrispettosa, irriconoscente, accecata dalla gloria, dal controllo e dalla sete di potere.

Gli unici russi mertevoli di considerazione? Quelli d’influenza americana, che per gli Stati Uniti lavorano o fanno il doppio-gioco.

Ecco, quindi, la nostra Dominika, la giovane e bella russa (vede i colori delle persone; una specie di aura che naviga intorno alla testa… il termine tecnico dovrebbe essere sinestesia percettiva; per dovere di cronaca, ci terrei a precisare che questa abilità le serve davvero a poco… giusto a sopportare meglio l’addestramento da “Rondine” v. avanti).

Ha grandi ideali la nostra Dominika, ma, poveretta, lei non sa che tutte le belle cose che gli hanno propinato sulla grande e potente e bella e buona ect. Russia e sui cattivi e loschi e magiatori-di-bambini ect. americani sono falsità comunicate da un regime finto-repubblicano-ma-ancora-stalinista-nell’animo.

A questo punto, l’unica cosa da fare per la povera-ragazza-russa-dai-grandi-ideali è lasciarsi convincere da un losco zio, mai visto e che lavora per i servizi segreti russi, a diventare una spia per il bene della grande madre patria Russia.

Il primo incarico? Ah! Ah! Ah!
Cosa farà mai fare un losco burocrate russo arrivista e viscido a una giovane e bella donna piena di ideali?
Già… proprio quello: per parlar fine, che con Dominika si scade davvero nel morboso in certi passaggi della narrazione, la gentil donzella dovrà mostrare – e usare – le proprie grazie con un funzionario scomodo dell’industria russa.

L’operazione si concluderà proprio nel clou – per l’uomo, non certo per Dominika – con un atroce assassinio + scena alla Tarantino (= sangue sulla come-mamma-l’ha-fatta-gentil-donzella… okay…).

Ma dormiamo pure sonni sereni perché non sarà l’unica volta che all’apice della scena di sesso – che la gentil donzella si risparmierebbe anche – qualcuno arriva a interrompere, cogliendo Dominika costantemente in déshabillé.

E quanto alle scene alla “50 colpi di spazzola prima di andare a dormire“… bah, anche no grazie.

Insomma, per farla breve, questa è la storia di come

  • dei russi cattivi si approfittano della vita di una giovane donna, facendola diventare una prostituita (anzi, sorry, qui il termine appropriato è Rondine) per il bene della Russia;
  • di come questa giovane donna, come ad altre russe, sia vittima di profondo indottrinamento (che, ovviamente, coinvolge anche una visione dell’americano come materialista, gretto e pronto a beffarsi dell’onore di una giovane russa) e di come, alla fine, questa donna finirà per innamorarsi dell’americano e ricredersi su tutto ciò che le era stato inculcato dei cervello dai suddetti russi cattivi;
  • e di come l’americano si permetta di fare la paternale per la mancanza da parte della Russia del rispetto dei diritti e delle opinioni altrui.

Spolier-free, tranquillo/a, perché queste cose si capiscono già a pagina 80 (su 475… pensa un po’ te che divertimento è ‘sto libro).

Insomma, un concentrato di luoghi comuni:

  • russi pancioni e arrapati o tristi e oppressi del finto governo repubblicano o atleti/e dalla dubbia sessualità fisica;
  • americani tosti tosti ma dal cuore tenero;
  • donne belle e formose o minute e carine (ah, non dimentichiamo anche il dato più caratteristico della specie: imbranate alla guida).

Vuoi la ciliegina sulla torta? C’è, c’è. Non disperare, eccola: Putin a torso nudo. No comment

Insomma, la storia è così prevedibile da essere imbarazzante, con un intreccio infantile e pieno di luoghi comuni sciocchi.

Ogni nuovo personaggio comporta un prolisso profiling inutile ai fini della storia. Così ci si ritrova ad avere un’azione sbocconcellata e spesso interrotta da lunghe e inconcludenti digressioni sul passato di personaggi anche secondari e passeggeri.

Non è facile appassionarsi alla vicenda anche a causa dello stile impersonale e sbrigativo.

Che dire ancora? Scappa finché sei ancora in tempo (meno male che io avevo preso in prestito alla biblioteca!).


Hai letto "Nome in codice: Diva"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...
Precedente La mazzetta Successivo Tutta la vita