Valerian e la città dei mille pianeti recensione

Titolo: Valerian and the City of a Thousand Planets: The Official Movie Novelization
Autrice: Christie Golden
Genere: Fantascienza
Anno di pubblicazione: 2017
Titolo in Italia: Valerian la città dei mille pianeti
Anno di pubblicazione ITA: 2017
Trad. di: Fabrizio Piva

– Ho ricevuto una copia di questo libro in cambio di un’onesta recensione – 

Alpha, la stazione orbitante creata dall’uomo, è diventata il crocevia dell’universo.
L’agglomerato è così vasto, pieno di culture e civiltà da essere un pericolo per la Terra tanto da essere allontanato dall’orbita del pianeta blu.

Nell’anno 2710, l’umanità ha raggiunto vette oggi impensabili: ha scoperto di non essere sola nell’universo, ha iniziato a intrattenere rapporti con le altre popolazioni spaziali, ha dato il via a una vera e propria esplorazione galattica.

E Alpha è diventata la città dei mille pianeti. Ma è in pericolo.

L’agente Valerian e la sua partner Laurelin saranno chiamati a una difficile missione: salvare Aplha da un pericolo radioattivo che ne sta consumando la parte più profonda.

Tuttavia, ci sono segreti che dovranno essere rivelati.

Valerian e la città dei mille mondi è il romanzo ufficiale del film di Luc Besson, ispirato a sua volta alla serie di fumetti di Pierre Christin e Jean-Claude Mézières.

Premesso, quindi, che l’universo di Christin e Mézières – con i loro alieni bizzarri e mondi fantastici – è sicuramente molto originale e interessante (e non disdegnerei di leggerne qualche fumetto), in questo mio commento mi concentrerò solo sulla resa che l’autrice Christie Golden (già nota per essersi occupata della trasposizione cartacea di Assassins’s Creed) è stata più o meno in grado di fare.

La trama si srotola con molta linearità al lettore, che tuttavia non fa difficoltà a capire come si svolgerà il resto della storia.

Inizia tutto con un sogno/premonizione, una bella principessa (anche se, dalle immagini che ho visto del film, a me così meravigliosa non pareva), un pianeta distrutto e la nave super-teconologica di Valerian con tanto di spiaggia olografica.

Seguono missioni, battute, scontri a fuoco, droidi e robot, alieni trasformanti e alieni antropofagi, alieni bellissimi e mostri con tre narici, loschi figuri e loschi affari.

Da questo punto di vista, la varietà di forme aliene e ritrovati tecnologici che Christie e Mézières regalano ai loro lettori è davvero enorme e, a livello visivo, Besson pare aver ben raccolto.

Purtroppo, si registra una certa inadeguatezza della Golden nel rendere su carta con altrettanto effetto e con vividi particolari l’universo di Valerian.
Le descrizioni, sia dei vari alieni che si incontrano sia degli ambienti, sono davvero troppo elementari e non riescono a rendere l’idea dell’universo visivo che il mondo di Valerian offre.

A parte questo problema descrittivo, i personaggi nascondono un altro inganno: quello legato alla loro personalità – almeno per come viene resa qui. Infatti, da questi – all’inizio comunque simpatici – esce una comicità in certi momenti forzata e inadeguata.

Il rapporto fatto di battibecchi e collaborazione di Valerian – libertino seduttore – e Laurelin – bella e dai saldi principi morali – è molto vivace, ma a lungo andare cade anche questo nella prevedibilità e nei soliti clichè.

Il linguaggio basilare rende la lettura veloce, ma non molto appassionante.

 


Hai letto "Valerian e la città dei mille pianeti"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...

 

Precedente Novità libri Ottobre 2017 Successivo Il metodo Bau Bau