L’inganno recensione

Titolo: The Beguiled
Autore: Thomas Cullinan
Genere: Romanzo psicologico
Anno di pubblicazione: 1966
Titolo in Italia: L’inganno
Anno di pubblicazione: 2017
Trad. di: Elena e Letizia Sacchini

– Ho ricevuto una copia di questo libro in cambio di un’onesta recensione – 

I cannoni rumoreggiano, le città sono occupate, le famiglie dilaniate e nel collegio femminile di Miss Martha Farsnworth restano solo cinque allieve (e, in effetti, «si fa prima a fare l’appello che a dire come si chiama» il collegio).

Una di queste giovani signorine, Amelia fa un “ritrovamento” particolare nel bosco vicino al collegio: un uomo, anzi uno yankee, ferito e sanguinolento. Dice di essere un caporale, di essere rimasto ferito in uno scontro a fuoco e di chiamarsi John… John McBurney.

Per salvargli la vita, la piccola Amelia è convinta che il collegio di Miss Martha sia il miglior porto sicuro. Anche se il caporale Johnny McBurney è uno yankee, quindi un nemico, la piccola alunna è certa che Miss Martha e sua sorella Harriet sapranno dare il giusto conforto all’uomo ferito fino a permettergli di riprendere la sua strada.

In verità, non sa quanto si sbaglia.

Capitano della barca che rischia di colare a picco è Miss Martha Farsnworth; forse più un generale per qualcuna e un’avida materialista per altre.

Una serie di sfortunati eventi l’ha costretta a istituire il collegio in casa propria; è davvero Miss Martha s’è dimostrata un degno capitano contro le avversità che la vita le ha parato davanti – sebbene sia caduta in colossali errori.

Viene poi la di lei sorella, Harriet Farsnworth, animo – un po’ troppo – trasognato, ospite di un mondo tutto suo e del vizietto alcolico che lei crede di nascondere bene alle ragazze e alla sorella.

Tra gli adulti – sebbene poi anche le ragazze saranno costrette a crescere in fretta – abbiamo, infine, Mathilda, aka Mattie, la domestica divisa tra affetto e (un goccio d’)astio verso le Farsnworth.

Poi vengono le residuali alunne che, chi per un motivo chi per un altro, non sono riuscite a far ritorno dalle loro famiglie nonostante/a causa (del)la guerra che imperversa tra nord e sud.

Una carrellata rapida su di loro (con relativo elemento caratterizzante): la disarmante sfrontatezza di Edwina; la naturalistica inclinazione di Amelia; i modi e i toni da sergente di Emily; la passione per i pettegolezzi della papista Mary; l’essere quasi-donna di Alice.

Ognuna delle signorine e delle “zitelle” vive nella sua versione di mondo in cui crede che i segreti restino tali e che i propri vizi o errori possano essere nascosti alle altre.

La verità, nel collegio femminile, è che si sa più di quel che si dice e si dice meno di quel che si pensa.

Infine, c’è lui, il pomo della discordia: Mister John McBurney. Audace o onesto? Sfrontato o sincero? Bugiardo o affabile conversatore?

È innegabile che, in un collegio di sole donne, si comporti sin da subito come il gallo nel pollaio. E la situazione – almeno all’inizio – non dispiace da nessuna delle due parte.

Ognuna – alunne, insegnati e domestica – vede in lui qualcosa: un animaletto curioso da salvare, un fratello, un amante, un confidente o semplicemente un bravo ragazzo solo e ferito.

E, ovviamente, McBurney è bravo a sfruttare la sua abilità camaleontica per tuffarsi di volta in volta nel personaggio richiesto e soddisfare così il proprio tornaconto.

Certo è che il giochino è destinato a finire.

Il romanzo affronta i delicati equilibri all’interno di questa comunità ristretta e forzatamente isolata da tutto il resto.
Più che avere, quindi, un’azione rapida, la narrazione si concentra essenzialmente sulle reazioni, i pensieri e le interpretazioni dei personaggi e la loro conseguente deriva verso il sospetto, il tradimento e l’inganno (poi vendetta).

Insomma, un romanzo che si fa leggere; ben fatto per il gioco che si crea tra le chiacchiere di McBurney, le false illusioni da lui prodotte nelle ragazze e il crescente odio che la scoperta delle sue menzogne di volta in volta produce tra le donne.


Hai letto "L'inganno"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...

 

L’inganno

Una guerra, un collegio per signorine e un disertore. Un gioco di seduzione e tradimento nel romanzo di Thomas Cullinan, L’inganno (di cui uscirà – il 21 settembre 2017 – il film diretto dal premio Oscar Sophia Coppola).

Cinque allieve appena, le uniche rimaste. E un nome che “ci metti di più a pronunciarlo che a fare l’appello”, il Collegio per signorine di Miss Martha Farnsworth. Nella Virginia insanguinata dalla Guerra civile, tra l’eco dei cannoni e la paura che come un’ombra si addensa contro i muri del giardino, la vita della scuola diretta dall’austera Miss Martha scorre lenta e sempre uguale. Lezioni di cucito, musica e francese. Le incombenze domestiche, i pasti, le preghiere. È in questo mondo angusto e tutto al femminile che irrompe il caporale John McBurney, disertore dell’esercito nordista gravemente ferito. Nella fuga dall’inferno dei campi di battaglia, McBurney ha perso il fucile e forse l’orgoglio, ma non l’astuzia che è da sempre la sua arma più affilata. Assediate dalla guerra e dalla noia, soffocate dal morso dei corsetti e dei loro stessi desideri, le donne della scuola decidono di accogliere il nemico e di prendersene cura. Un po’ alla volta, inevitabilmente, intrecciano con lui una danza sottile fatta di sfida, di potere e seduzione. Diffidenti, audaci, tenere, gelose, spaventate e possessive, le ragazze di Miss Farnsworth svelano una dopo l’altra la propria vera natura. E intanto, come falene attratte dalla fiamma, soccombono al fascino di un gioco dall’esito imprevedibile e fatale.

L’autore

Thomas Cullinan (1919-1995) è stato un celebrato autore di romanzi (oltre a L’inganno ha pubblicato The Bedeviled, The Besieged e The Eighth Sacrament), di programmi televisivi e di opere teatrali a tutt’oggi regolarmente rappresentate negli Stati Uniti e non solo. Da L’Inganno sono state tratte due importanti trasposizioni cinematografiche: la prima, del 1969, diretta da Don Siegel e interpretata da Clint Eastwood e Geraldine Page; la seconda, del 2017, diretta da Sofia Coppola e interpretata da Nicole Kidman, Kirsten Dunst, Colin Farrell e Elle Fanning. A Thomas Cullinan sopravvive il figlio, Thomas W. Cullinan.

Titolo: L’inganno
Autore: Thomas Cullinan
Genere: Romanzo
Casa editrice: DeA Planeta Libri
Pagine: 480
Prezzo ed. cartacea: 17,00€
Trad. di: Elena e Letizia Sacchini


Disponibile dal 5 settembre 2017!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Novità libri Ottobre 2017

L'articolo è in costante aggiornamento durante il corso di tutto il mese, quindi ricorda di passare di quando in quando ...
Leggi Tutto

Luigi Dallapiccola e le Arti figurative

Un'opera monumentale (e quattro chili di peso) per riscoprire Luigi Dallapiccola, compositore italiano del Novecento e tra i padri della dodecafonia: Luigi ...
Leggi Tutto

Il mio anno pazzesco

In libreria dal 19 settembre, le (dis)avventure e i primi amore di Eleonora Olivieri con Il mio anno pazzesco. Gli ...
Leggi Tutto

Attraverso i miei piccoli occhi

Come sarebbe la nostra società da punto di vista di un cane? Emilio Ortiz ce lo mostra nel suo nuovo ...
Leggi Tutto

Un posto chiamato incanto

Disponibile il romanzo di Susana López Rubio: Un posto chiamato incanto. Ava Garder, Frank Sinatra, le creazioni dei più ricercati couturier ...
Leggi Tutto

Io e te come un romanzo

Cath Crowley, affermata autrice di young-adult, torna in libreria con io e te come un romanzo. Ci sono ferite che ...
Leggi Tutto

La moglie imperfetta

B.A. Paris, autrice de "La coppia perfetta" (1,5 milioni di copie vendute), torna in libreria con La moglie imperfetta. A ...
Leggi Tutto

Quanto sei cool – piccola guida ai capricci del gusto

Mode che cambiano e gusti che ritornano nel pamphlet di Gaetano Cappelli, Quanto sei cool - piccola guida ai capricci del gusto. Ci ...
Leggi Tutto

Valerian e la città dei mille pianeti

L'universo fumettistico di Valerian scritto da Pierre Christin e illustrato da Jean-Claude Mézières prende vita ancora una volta nel film e ...
Leggi Tutto