Lo schiavista recensione

lo-schiavistaTitolo originale: The Sellout
Autore: Paul Beatty
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 2015
Titolo in Italia: Lo schiavista
Anno di pubblicazione ITA: 2016
Trad. di.: Silvia Castoldi

Bonbon (anche detto Venduto) ha avuto un’infanzia particolare a Dickens, sobborgo-ghetto(?)-zona-disagiata di Los Angeles.

Il padre, un po’ – molto – infognato con la psicologia, lo ha sottoposto a quasi ogni genere di esperimento sociologico – il cui esito è stato per il nostro povero Bonbon spesso infausto – e gli ha fornito un’educazione domestica.

Il tutto nell’ottica di aiutare il figlio a orientarsi, galleggiare e sopravvivere in questo mondo in cui se sei di colore e sei fermato dalla polizia durante un semplice e innocente controllo, sei comunque colpevole e passabile di pallottola in corpo.

Il padre, inoltre, ha un ruolo ben preciso all’interno del ghetto/sobborgo: quello di sussurrare ai concittadini, i quali, quando sbroccano e minacciano di uccidersi/uccidere devono prima passare dalla negoziazione di F.K. Me (alias il padre di Bonbon). Alla sua morte, il figlio, nonostante la sua idea sia quella di continuare pacificamente e tranquillamente con la sua fattoria, si ritrova suo malgrado a dover proseguire l’eredità paterna di sussurratore.

Tuttavia, una serie di coincidenze, piani e disegni astrali poterà Bonbon: 1) a diventare un “felice” proprietario di schiavo nero (nome Hominy Jenkins) e 2) a riportare il segregazionismo nella cittadina/sobborgo di Dickens.

logo commento

Oh, erano mesi (mesi!) che volevo leggere questo libro, ma riuscire a ottenerlo dalla  bliblioteca è stato un calvario di prenotazioni non aggiornate, disponibilità non comunicate, ect.
Alla fine, per un colpo di fortuna, torno vittoriosa.

E con questa aspettativa pompata da mesi ho anche cominciato la lettura… ma, complice anche il protagonista che si fa una bella fumata subito nelle prime pagine con il benestare degli agenti di polizia che lo hanno in custodia e poco prima di cominciare la sua udienza d’appello, non è che ci abbia capito granchè (eh, lo so… partiamo bene!).

Alcune considerazioni sull’America moderna e sulle sue – tantissime – contraddizioni sono più che condivisibili (soprattutto in questo periodo), ma fatico a trovare un senso ad alcuni passaggi, ad alcuni eventi – passati o trapassati – che si mescolano fra loro, alcuni personaggi che arrivano ma sono solo ricordi o frutto della fantasia. E poi considerazioni sconclusionate, trip mentali, incontri-scontri… confesso d’aver avuto parecchia difficoltà a dare un senso a tutto.

Tant’è che mi sono son detta: se questo è solo il prologo stiamo a posto!

L’udienza di appello di fronte alla Corte Suprema corrisponde all’alpha e all’omega della storia, la cui parte centrale è un grande flashback per arrivare a spiegare l’inizio del libro, cioè come ci siamo ritrovati davanti alla suddetta Corte Suprema.

Seguono, quindi, capitoli dedicati ad abusi psicologici, reali esperimenti scientifici rimaneggiati e riadattati “a beneficio” del nostro giovane protagonista, un’infanzia rovinata, un’adolescenza sconquassata, cadaveri caricati sul cavallo in perfetto stile cowboy, crisi economica, boom di laureati-disoccupati, gangs di latinos e di afroamericani.

Insomma, in altre parole seguiamo la vicenda di Bonbon (per la cronaca, si tratta di un soprannome… il nome vero non ci è dato conoscerlo) nella cittadina di Dickens covo di violenza, precariato, ignoranza, sogni infranti, scarse aspettative di vita e pregiudizi razziali.
Da lì, il passo a farsi come schiavo un malato di Alzaheimer è davvero breve… breve per il nostro Bonbon, a quanto pare.
A onor del vero Hominy – ex simpatica canaglia, la famosa serie TV con Alfa Alfa a capo della combriccola – ci tiene davvero a esser schiavo e pare avere un forte bisogno di attenzioni e “premure” all’insegna del razzismo… frustate comprese. E tutti gli sforzi del suo “padrone” di liberarlo sono vani.

L’idea centrale è quello di riportare in vita una città, Dickens appunto, misteriosamente privata di tutti i pittoreschi cartelli di “Benvenuto a…“, privandola così di confini visibili e dell’identità sua e dei suoi abitanti.

Ora basta combinare i due aspetti (schiavo nero e città declassata) per ottenere il fulcro del libro: ridonare a Dickens la sua unità attraverso la segregazione. Uniti dall’odio e dai soprusi subìti, tutti i cittadini di Dickens ritrovano la giusta condotta, riscoprendo speranze e la loro unità di collettività. La voglia e la necessità di dimostrarsi, in un certo qual modo, migliori, di sfatare i pregiudizi e di restituire le offese e i torti innalza la segregata cittadina di Dickens a nuovi livelli di benessere, di sicurezza e di standard sociali.

Bonbon (anche detto Venduto) riprende, quindi, l’opera del padre, primo sperimentatore sociale anti-segregazionismo, pro-black-power e uomo-che-sussurra-ai-neri di Dickens, invertendone però gli obiettivi.

Ora, come scrivevo sopra, alcune considerazioni, scritte anche un una certa dose di sarcasmo, sono condivisibili. Ci sono alcune parti, colme di ironia e cinismo, che ho davvero apprezzato molto. Altre contengono considerazioni davvero attuali mettendo in luce alcune ipocrisie e contraddizioni del mondo moderno. È il caso, ad esempio, delle discussioni sulla censura dei libri come “Huckberry Finn“, cosa realmente accaduta di recente in una cittadina americana (dalla quale, per lo stesso motivo, è stato bannato anche “Il buio oltre la siepe“. Qui i dettagli).

Riporto le parole di Beatty: «Perché incolpare Mark Twain del fatto che tu non hai la pazienza e il coraggio di spiegare ai tuoi bambini che la parola che comincia per n esiste, e che nel corso delle loro piccole vite protette potrebbe capitargli un giorno di sentirsi dare del “negro” o, peggio ancora, di abbassarsi a dare del negro a qualcun altro? Nessuno si riferità mai a loro con l’espressione “piccoli eufemismi neri”, perciò, benvenuto nel lessico americano, negro! […] È questa la differenza tra la maggior parte dei popoli oppressi del mondo e i neri americani. Gli altri giurano di non dimenticare mai, mentre noi vogliamo cancellare tutto dalla fedina penale, sigillarlo e archiviarlo per l’eternità».

Il concetto è che al razzismo non si scampa… nemmeno nell’America di Barack Obama. Ma, invece, che nascondercisi dietro per giustificare le scelte sbagliate, Beatty invita invece a reagire e a non piangersi addosso.

Un paragrafo a parte lo meritano le Simpatiche canaglie, serie TV in onda negli anni ’20/’30 e di recente tornata in giro con un adattamento cinematografico. La serie è stata un cult per anni, sia come “film muto” sia con l’arrivo del sonoro, ma è stata anche molto discussa. Sebbene la serie possa vantare il primato di aver fatto recitare in un unico gruppo bambini bianchi e di colore, oggetto della diatriba sono gli stereotipi razziali – non solo afro, ma anche messicani, italiani, ect. E posso comprendere perché nel libro rivista un ruolo centrale.

Tuttavia, a queste parti più o meno riflessive, ne seguono altre – molte – all’insegna del surrealismo, dell’assurdo, della scelta di elementi provocatori e paradossali; altre ancora colme di riferimenti – almeno immagino – sono di impossibile comprensione per chi non è americano e non abbia avuto almeno una rapida sortita in zone disagiate.

La presenza di questi aspetti rende la comprensione della storia ostica; il seguire la vicenda complesso.

Lo stesso dicasi per i personaggi volutamente stereotipati e dai comportamenti provicatori, assurdi e surreali.

La storia, la vicenda è poi solo il pretesto per tutta quella serie di considerazioni cui ho già accennato, quindi non ci sono grandi sorprese, grandi plot o grandi slanci narrativi. Tanto che manca una vera e propria conclusione (e a me i libri senza conclusione non mi sconfinferano).

Ricordi quando, simile a un disco rotto, ripeto che lo stile telegrafico (soggetto-predicato-complemento) non mi piace? Bene, confermo quanto detto.
Dall’altro verso, però, non riesco a digerire nemmeno il soliloquio qui riprodotto in frasi chilometriche, alcune difficili davvero da seguire.
Questa corposità nello stile di scrittura aumenta – a mio parare – il senso di disagio e incomprensione che già rende farraginosi molti elementi della storia.

Ammetto che non è stato facile dare una valutazione a questo libro. Da una parte – ripeto – alcune considerazioni sono più che condivisibili: Beatty mette in evidenza l’ipocrisia, in certi casi il lassismo che pervade la società moderna. Dall’altra parte, però, si tratta di un libro che, in molti punti, non ha nè capo nè coda… e il surrealismo, l’assurdo letterario non è proprio il mio genere (come non lo è nemmeno in pittura… diciamo che io mi fermo agli impressionisti).

lo-schiavista-valutazione


Hai letto "Lo schiavista"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...


Considerazioni di fine anno 2016

Due precedenti possono fare una tradizione? Non saprei… ma ormai questo è il secondo anno di vita del blog e le considerazioni di fine anno sono un appuntamento direi consolidato (alcuni mi dicono anche apprezzato, quindi non posso non ringraziare! ^^).

Insomma, quest’anno ne sono davvero successe di cotte e di crude. Definire il 2016 come un anno horribilis sarebbe davvero un eufemismo…

Devasti e disastri mondiali e nazionali a parte, nel piccolo mondo del blog quest’anno non ce la siamo cavata malaccio.

Ci hanno fatto compagnia le novità mensili e già ci accompagnano quelle per il prossimo mese/anno (che puoi controllare qui).

Abbiamo scoperto insieme tanti libri nuovi (come il chiacchierassimo “Harry Potter e la maledizione dell’erede“), tante curiosità alcune abbastanza sconvolgenti (un esempio è sicuramente l’assurda storia de “Il buio oltre la siepe“, recentemente bannato perché ritenuto razzista).

Ci sono stati nuovi autori e nuove collaborazioni (con Casa Sirio e Fazi editore). E… anche una nuova cena con delitto in stile natalizio (con la morte di Rudolph, la renna dal naso rosso, e gli inevitabili sospetti su tutta la combriccola degli elfi di Babbo Natale)!

Quest’anno abbiamo anche letto tanto (anche se ci siamo rammaricanti che, in Italia, non si legga di più);  e ammetto che i miei pronostici sul nuovo capitolo de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco” sono colati a picco abbastanza rapidamente (e, infatti, per quest’anno, nessuna illazione!). E, per non farci mancare nulla, ci siamo anche bloccati nella lettura!

Insomma, con la speranza che questo 2017 sia migliore dell’anno che sta per passare, ti faccio i miei migliori auguri con la speranza che continuerai a seguire il blog!


Qui trovi le recensioni di tutti i libri che ho letto quest’anno.

L’inganno recensione

Titolo: The Beguiled Autore: Thomas Cullinan Genere: Romanzo psicologico Anno di pubblicazione: 1966 Titolo in Italia: L'inganno Anno di pubblicazione: 2017 ...
Leggi Tutto

The Store recensione

Titolo: The Store Autori: James Patterson con Richard Dilallo Genere: Thriller Anno di pubblicazione: 2017 Titolo in Italia: The Store ...
Leggi Tutto

Va’, metti una sentinella recensione

Titolo: Go set a watchman Autrice: Harper Lee Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2015 Titolo in Italia: Va', metti una ...
Leggi Tutto

Kobane Calling recensione

Titolo: Kobane Calling Autore: Zerocalcare Genere: Graphic Novel Anno di pubblicazione: 2015 Altri volumi dello stesso autore: La profezia dell'armadillo ...
Leggi Tutto

Come siamo diventati nordcoreani recensione

Titolo: How I Became a North Korean Autrice: Krys Lee Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: Come ...
Leggi Tutto

La bottega dello speziale recensione

Titolo: La bottega dello speziale Autore: Roberto Tiraboschi Genere: Romanzo storico Anno di pubblicazione: 2016 Preceduto da:  - La pietra ...
Leggi Tutto

Lo scherzo di Solimano recensione

Titolo: Comment les grands de ce monde se promènent en bateau Autrice: Mélanie Sadler Genere: Racconto Anno di pubblicazione: 2015 ...
Leggi Tutto

Il codice di Newton recensione

Titolo: Ghostwalk Autrice: Rebecca Stott Genere: Thriller Anno di pubblicazione: 2007 Titolo in Italia: Il codice di Newton (anche Il gioco ...
Leggi Tutto

La fine della solitudine recensione

Titolo: Vom Ende der Einsamkeit Autore: Benedict Wells Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: La fine della solitudine ...
Leggi Tutto

Zuleika apre gli occhi recensione

Titolo: Зулейха открывает глаза Autrice: Guzel' Jachina Anno di pubblicazione: 2015 Genere: Romanzo Titolo in Italia: Zuleika apre gli occhi Anno ...
Leggi Tutto

Time Deal recensione

Titolo: Time Deal Autore: Leonardo Patrignani Genere: Distopico Anno di pubblicazione: 2017 - Ho ricevuto una copia di questo romanzo in ...
Leggi Tutto

Wolf 2 Il giorno della vendetta recensione

Titolo: Blood for Blood Autrice: Ryan Graudin Genere: Distopico/YA Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: Wolf 2 Il giorno della ...
Leggi Tutto

In carne e cuore recensione

Titolo: La carne Autrice: Rosa Montero Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: In carne e cuore Anno ...
Leggi Tutto

Victoria recensione

Titolo: Victoria Autrice: Daisy Goodwin Genere: Romanzo storico Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: Victoria Anno di pubblicazione ITA: ...
Leggi Tutto

Dream Magic recensione

Titolo: Dream Magic Autore: Joshua Khan Genere: Fantasy per ragazzi Anno di pubblicazione: 2017 Titolo in Italia: Dream Magic Anno ...
Leggi Tutto

Omicidi per signorine

Titolo: Murder Most Unladylike Autrice: Robin Stevens Genere: Giallo per ragazzi Anno di pubblicazione: 2014 Titolo in Italia: Omicidi per signorine ...
Leggi Tutto

Gemelle imperfette recensione

Titolo: Mischling Autrice: Affinity Konar Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: Gemelle imperfette Anno di pubblicazione ITA: ...
Leggi Tutto

Sottovento e sopravvento recensione

Titolo: Sottovento e sopravvento Autore: Guido Mina di Sospiro Genere: Romanzo esistenziale Anno di pubblicazione: 2017 - Ho ricevuto una ...
Leggi Tutto

La macchina del tempo recensione

Titolo: The Time Machine: an invention Autore: H.G. Wells Anno di pubblicazione: 1895 Genere: Fantascienza Titolo in Italia: La macchina ...
Leggi Tutto

Nome in codice Diva

Titolo: Red Sparrow Autore: Jason Matthews Genere: Spy Thriller Anno di pubblicazione: 2013 Titolo in Italia: Nome in codice Diva Anno di pubblicazione ...
Leggi Tutto

Dentro l’acqua recensione

Titolo: Into the Water Autrice: Paula Hawkins Anno di pubblicazione: 2017 Genere: Thriller Titolo in Italia: Dentro l'acqua Anno di ...
Leggi Tutto

Senza nome recensione

Titolo: No nome Autore: Wilkie Collins Genere: Romanzo (Sensational fiction) Anno di pubblicazione: 1862 Titolo in Italia: Senza nome Anno ...
Leggi Tutto

Il valzer degli alberi e del cielo recensione

Titolo: La Valse des arbres et du ciel Autore: Jean-Michel Guenassia Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: ...
Leggi Tutto

Gli anni della leggerezza recensione

Titolo: The light years Autrice: Elizabeth Jane Howard Anno di pubblicazione: 1988 Genere: Romanzo Titolo in Italia: Gli anni della ...
Leggi Tutto

I misteri di Chalk Hill recensione

Titolo: Der verbotene Fluss Autrice: Susanne Goga Genere: Romanzo storico/Giallo Anno di pubblicazione: 2014 Titolo in Italia: I misteri di ...
Leggi Tutto

Stoner recensione

Titolo: Stoner Autore: John Williams Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 1965 Titolo in Italia: Stoner Anno di pubblicazione ITA: 2012 ...
Leggi Tutto

La donna della cabina numero 10 recensione

Titolo: The woman in cabin 10 Autrice: Ruth Ware Genere: Giallo (?) Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: La ...
Leggi Tutto

Il miniaturista recensione

Titolo: The Miniaturist Autrice: Jessie Burton Genere: Romanzo storico Anno di pubblicazione: 2014 Titolo in Italia: Il miniaturista Anno di ...
Leggi Tutto

Gemina recensione

Titolo: Gemina Autori: Amie Kaufman e Jay Kristoff Genere: Fantascienza Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: Gemina (?) Anno ...
Leggi Tutto

Il seggio vacante recensione

Titolo: The casual vacancy Autrice: J.K. Rowling Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2012 Titolo in Italia: Il seggio vacante Anno ...
Leggi Tutto

Lo schiavista recensione

Titolo originale: The Sellout Autore: Paul Beatty Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2015 Titolo in Italia: Lo schiavista Anno di ...
Leggi Tutto

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome recensione

Titolo: L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome Autrice: Alice Basso Genere: Chick-lit Anno di pubblicazione: 2015 Ecco Silvana Sarca: camaleonte ...
Leggi Tutto

Il libro dei Baltimore recensione

Titolo: Le livre des Baltimore Autore: Joël Dicker Anno di pubblicazione: 2015 Genere: Romanzo Titolo in Italia: Il libro dei ...
Leggi Tutto

Un infausto inizio – Una serie di sfortunati eventi

Titolo: The Bad Beginning Autore: Lemony Snicket Anno di pubblicazione: 1999 Genere: Bambini Titolo in Italia: Un infausto inizio Anno di ...
Leggi Tutto

Il farmacista del ghetto di Cracovia recensione

Titolo: Apteka w getcie krakowskim Autore: Tadeusz Pankiewicz Genere: Biografia/Memoir Anno prima pubblicazione: 1982 Titolo in Itala: Il farmacista di ...
Leggi Tutto

Illuminae recensione

Titolo: Illuminae Autori: Amie Kaufman e Jay Kristoff Genere: Fantascienza Anno di pubblicazione: 2015 Titolo in Italia: Illuminae Anno di ...
Leggi Tutto

Il cappello di Mr Briggs recensione

Titolo: Mr. Briggs's Hat. A sensational account of Britain's first railway murder Autrice: Kate Colquhoun Anno di pubblicazione: 2011 Genere: ...
Leggi Tutto

Il fabbricante di giocattoli recensione

Titolo: The Toymaker Autore: Liam Pieper Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: Il fabbricante di giocattoli Anno ...
Leggi Tutto

La fanciulla è morta recensione

Titolo: The Wench is Dead Autore: Colin Dexter Genere: Giallo Anno di pubblicazione: 1989 Titolo in Italia: La fanciulla è morta ...
Leggi Tutto

Il viaggio di Tuf recensione

Titolo: Tuf Voyaging Autore: George R.R. Martin Genere: Fantascienza Anno di pubblicazione: 1976-2003 Titolo in Italia: Il viaggio di Tuo ...
Leggi Tutto

Il Quidditch attraverso i secoli recensione

Titolo: Quidditch Through the Ages Autore: Kennilworthy Whisp/J.K. Rowling Genere: Saggio Anno di pubblicazione: 2001 Titolo in Italia: Il Quidditch attraverso ...
Leggi Tutto

Le fiabe di Beda il bardo recensione

Titolo: The Tales of Beedle the Bard Autore: Beda il bardo/J.K. Rowling Genere: Racconti Anno di pubblicazione: 2008 Titolo in ...
Leggi Tutto

Gli animali fantastici e dove trovarli recensione

Titolo: Fantastic Beasts and Where to Find Them Autore: Newt Scamander/J.K. Rowling Genere: Libro di testo/Meta-libro Anno di pubblicazione: 2001 Titolo ...
Leggi Tutto

Nobody recensione

Titolo: Das andere Kind Autrice: Charlotte Link Genere: Giallo Anno di pubblicazione: 2009 Titolo in Italia: Nobody Anno di pubblicazione ...
Leggi Tutto

Il segreto di Lady Audley recensione

Titolo: Lady Audley's Secret Autrice: Mary Elizabeth Braddon Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 1862 Titolo in Italia: Il segreto di Lady ...
Leggi Tutto

Il caso Bellegueule recensione

Titolo: En finir avec Eddy Bellegueule Autore: Édouard Louis Genere: Autobiografia Anno di pubblicazione: 2014 Titolo in Italia: Il caso Bellegueule Anno ...
Leggi Tutto

La profezia di mezzanotte recensione

Titolo: The Hawkweed Prophecy Autrice: Irena Brignull Genere: Ragazzi Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: La profezia di mezzanotte Anno ...
Leggi Tutto

L’amica geniale recensione

Titolo: L'amica geniale Autrice: Elena Ferrante Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2011 Raffaella, alias Lina (alias Lila, ma solo per ...
Leggi Tutto

Il ghostwriter recensione

Titolo: The Ghost Autore: Robert Harris Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2007 Titolo in Italia: Il ghostwriter Anno di pubblicazione ...
Leggi Tutto

La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo recensione

Titolo: The Time Traverl's Wife Autrice: Audrey Niffengger Anno di pubblicazione: 2003 Genere: Romanzo Titolo in Italia: La moglie dell'uomo ...
Leggi Tutto

La collina dei conigli recensione

Titolo: Watership Down Autore: Richard Adams Genere: Bambini Anno di pubblicazione: 1972 Titolo in Italia: La collina dei conigli Anno ...
Leggi Tutto

La profezia dell’armadillo recensione

Titolo: La profezia dell'armadillo Autore (testi e disegni): Zerocalcare Anno di pubblicazione: 2011 Un polpo alla gola; Dodici; Ogni maledetto lunedì; ...
Leggi Tutto

Shadow Magic recensione

Titolo: Shadow Magic Autore: Joshua Khan Genere: Fantasy per ragazzi Anno di pubblicazione: 2016 Titolo in Italia: Shadow Magic Anno ...
Leggi Tutto

Omicidio a Road Hill House ovvero Invenzione e rovina di un detective recensione

Titolo: The Suspicions of Mr. Whicher: Murder and the Undoing of a Great Victorian Detective Autrice: Kate Summerscale Genere: Saggio Anno ...
Leggi Tutto

La ragazza del treno recensione

Titolo: The Girl on the train Autrice: Paula Hawkins Genere: Thriller (?) Anno di pubblicazione: 2015 Titolo in Italia: La ...
Leggi Tutto

Un passato imperfetto

Titolo: Past Imperfect Autore: Julian Fellowes Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2008 Titolo in Italia: Un passato imperfetto Anno di ...
Leggi Tutto

Io prima di te recensione

Titolo: Me before you Autrice: Jojo Moyes Genere: Romantico Anno di pubblicazione: 2012 Titolo in Italia: Io prima di te ...
Leggi Tutto

Ladra recensione

Titolo originale: Fingersmith Autrice: Sarah Waters Genere: Romanzo storico Anno di pubblicazione: 2002 Titolo in Italia: Ladra Anno di pubblicazione ITA: ...
Leggi Tutto

Un po’ di follia in primavera recensione

Titolo: Un po' di follia in primavera Autrice: Alessia Gazzola Genere: ChickLit/Giallo Anno di pubblicazione: 2016 Preceduto da: - L'Allieva; ...
Leggi Tutto

Come funzionano i romanzi recensione

Titolo: How fiction works Autore: James Wood Genere: Saggi Anno di pubblicazione: 2008 Titolo in Italia: Come funzionano i romanzi ...
Leggi Tutto

Il racconto dell’ancella recensione

Titolo: The Handmaid's Tale Autrice: Margaret Atwood Genere: Distopico Anno di pubblicazione: 1985 Titolo in Italia: Il racconto dell'ancella Anno di ...
Leggi Tutto

Chirú recensione

Titolo: Chirú Autrice: Michela Murgia Genere: Romanzo Anno di pubblicazione: 2015 Eleonora, nota attrice teatrale, si sta esibendo e, oltre ...
Leggi Tutto