Il ragazzo invisibile seconda generazione recensione

Titolo: Il ragazzo invisibile seconda generazione
Autori: Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo
Genere: Ragazzi/Fantascienza
Anno di pubblicazione: 2018

– Ho ricevuto una copia di questo libro in cambio di un’onesta recensione –

Rabat. Una ragazza, Nataša, deve difendersi dalla violenza che le si sta per abbattere contro. È terrorizzata, ma qualcosa scatta dentro di lei e, quando l’uomo irrompe nella stanza, lei lo investe con un’ondata di fuoco generata dal suo potere nascosto.

Trieste. Michele ha appena perso la madre in un brutto incidente stradale; il padre è sparito per l’ennesima volta. Adesso sono solo lui e Mario, il suo cane, contro il mondo.

Poco è cambiato dall’ultima volta che abbiamo incontrato Michele: il suo potere è ancora un segreto (tranne che per la fedele e sempre innamorata Candela), nessuno ricorda di come sia stato Michele a salvare la vita a tutti durante l’”incidente” con il sottomarino, la scuola ha ripreso con i suoi normali ritmi così come i suoi compagni.

In particolare, Stella non ricorda nulla; e Brando si è preso il merito di tutto (e la ragazza).

Qualcosa, però, sta per cambiare. Nataša compare improvvisamente nella classe di Michele e alcuni Speciali vengono rapiti.

Al film “Il ragazzo invisibile – seconda generazione” segue il libro omonimo scritto in squadra dagli sceneggiatori Fabbri, Rampoldi e Sardo.

Un nuovo anno è iniziato per Michele e, ancora una volta, il ragazzo invisibile si ritrova a dover far i conti con situazioni più grandi di lui: gestire un grande potere e conseguentemente mantenere un grande segreto; confrontarsi con un lutto gravissimo, sapendo di essere ormai solo; essere in grado di salvare moltissime vite, ma sentirsi impotente davanti al mondo e davanti ai piccoli problemi insormontabili di un qualunque adolescente.

Essere un adolescente, essere solo ed essere anche un supereroe votato all’anonimato non è per nulla facile. Coordinare queste tre anime è molto complesso, ma nel romanzo avviene tutto con molta velocità e superficialità (come i colpi scena assolutamente mal introdotti e per nulla rivelatori).

Manca una certa tensione nei personaggi che giungono alle loro scelte in maniera un po’ saltellante e rivelazionistica.

Questa, però, è la storia di Michele, la sua vita e in qualche modo deve essere in grado di affrontarla… soprattutto perché all’orizzonte si profilano grossi problemi.

Un gruppo di pseudo X-Men, infatti, pare volersi ribellare al mondo, agli umani “normali” e alle ingiustizie subite… pensando con un gesto eclatante di raddrizzare i torti subiti e dare un nuovo corso al mondo (… dove ho già visto questo plot?! Mmmm… 🤔).

Resto un po’ perplessa da tutto questo complesso di elementi che per nulla si discostano da quello che è l’immaginario comune dei supereroi americani, quando, in numerose interviste, il regista Gabriele Salvatores afferma di volersene discostare per mostrare al mondo una versione più europea degli eroi dai super-poteri (e anche in quarta di copertina si dice che l’intenzione è quella di sfidare «gli stereotipi di genere»).

Complessivamente, è un libro che si legge molto rapidamente complice un linguaggio elementare (forse adatto a un pubblico giovanissimo), una storia molto lineare e dei personaggi poco approfonditi.

Purtroppo, a mia sensazione, non si sfida nessuno stereotipo qui, anzi vi si cade con una certa facilità; i personaggi non sono in grado di empatizzare con il lettore; e, alla fine, resta il vago sentore di un lavoro che, con qualche accortezza in più, sarebbe risultato sicuramente migliore.


Hai letto "Il ragazzo invisibile seconda generazione"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...
Precedente Il bene possibile Successivo Il segreto della longevità