L’ora del destino

Titolo originale: Midnight. Three woman at the hour of reckoning destino
Autrice: Victoria Shorr
Genere: Docu-romanzo
Anno di pubblicazione: 2019
Titolo in Italia: L’ora del destino
Anno di pubblicazione ITA: 2019
Trad. di: Alessandra Osti

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Se mi dici Jane Austen, io mi sciolgo subito e quindi non potevo farmi sfuggire assolutamente questo docu-romanzo.

Ma, oltre alla zia Jane (io mi sento una di famiglia, quindi mi sono arrogata il diritto di chiamala come faceva lo stuolo di nipoti… anche se probabilmente sarei finita nella schiera degli stalker 😬🙈), qui abbiamo anche Mary Shelly e una – per me – insospettabile Giovanna d’Arco.

Le troveremo tutte e tre in un momento particolare della loro esistenza, un turning point, una resa dei conti in cui “o la va, o la spacca“; non si torna indietro insomma.

Per Jane sarà un’offerta di matrimonio assolutamente da capogiro (paragonabile a quella di Darcy per Lizzie); Mary, invece, dovrà completamente rivedere una vita vissuta al fianco di Shelley e Giovanna… be’, Giovanna dovrà decidere tra il difendere le sue idee e le sue sante o il morire sul rogo.

Con una serie di flashback ben piazzati, la Shorr ci spiegherà anche cosa c’è stato prima di questi momenti e come si è fatto ad arrivare a questi punti.

Premesso che già conoscevo – nei minimi particolari 😅 – sia la biografia di Jane (ovviamente… ) sia quella di Mary (grazie a una mia recensione lettura), leggere le loro storie è stato comunque fortemente coinvolgente e appassionante.

… e una volta preso in mano questo libro, è stato impossibile lasciarlo!

Last but not least, Giovanna d’Arco che mi risultava forse un po’ fuori posto rispetto alle altre due protagoniste e, invece, devo dire d’aver apprezzato molto la sua forza, la sua fede e il suo coraggio di indossare pantaloni (e armature) in un mondo fatti di uomini.

Non lasciatevi assolutamente spaventare dal fatto che si tratti di un docu-romanzo. La penna della Shorr è così delicata e trascinante che aggiustamenti di fantasia si intrecciano perfettamente a dati biografici attendibili e corretti.

Una storia che non pesa come un saggio né fa voli pindarici come un romanzo, ma trova il bilanciamento perfetto per comunicare al lettore informazioni reali e coinvolgerlo nella storia al punto da lasciarlo ammaliato.

Insomma, se avete un po’ di curiosità su una di queste tre autrici, assolutamente consigliato!

Le amiche di Jane

Titolo: Le amiche di Jane amiche di jane
Autrice: Annalisa De Simone
Genere: Saggio
Anno di pubblicazione: 2019

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Il mio rapporto con Jane Austen cominciò male… molto male.

Era quella che parlava di donne che stavano in casa e la cui massima aspirazione era sposarsi, figliare possibilmente… e poco altro (almeno, questo era il modo in cui mi era stata sintetizzata a scuola… immaginate il mio grande entusiasmo).

Non dico che la odiavo, ma quasi…

Poi, complici un film (quello più recente di Orgoglio e pregiudizio con Keira Knightley nel ruolo di Lizzy Bennet) e un’amica (che, cogliendo immediatamente la mia esaltazione, mi regalò con prontezza il romanzo), scoppiò l’idillio e, da allora, tra me e zia Jane è amore.

[Piccolo fanfact: ho notato che, qualche volta, si attribuisce il termine “zia” anche ad altre autrici… non so se la cosa sia motivata o nasca solo da una sorta di incomprensione – cioè che le scrittrici che ci stanno simpatiche debbano essere affettuosamente definite “zie” – ma, nel caso di Jane, l’appellativo “zia” è quello che ritroviamo in molte lettere che si scambiò nel corso degli anni con i tanti e le tanti nipoti]

Insomma, potete a questo punto immaginare il mio entusiasmo quando, dall’ufficio stampa Marsilio, mi venne la notizia che la collana Passaparola si arricchiva in un’altra uscita.

E che uscita! Voglio dire: Jane Austen?! Mio!

Annalisa de Simone ci racconta la sua storia con Jane Austen e, in particolare, le varie declinazioni d’amore che possiamo trovare nei suoi scritti (anche se ci si concentra essenzialmente su Orgoglio e pregiudizio e Ragione e sentimento).

Gran parte dell’analisi ruota attorno alle figure di John Willoughby e, in minor parte, di Fiztwilliam Darcy e come tutte noi lettrici (e non solo Lizzy) rimaniamo, per forza di cosa, affascinate subito più dal primo che dal secondo (che, voglio dire, chi si crede di essere dicendo all’amico Bingley che non ci sono ragazze degne di nota in sala?!).

Quindi, a parte ruotare attorno al perché le donne siano attratte dagli s*****i, l’analisi della de Simone va, purtroppo, poco più in là. Ci racconta i tira e molla di un’amica con un uomo già sposato, aggiungendo qualche rapido accenno personale.

E dico purtroppo, perché qui si rischia di semplificare troppo un qualcosa (così come fece il mio insegnante al liceo) che, invece, poteva coinvolgere in maniera più approfondita, numerosi temi: non solo l’amore, ma anche la ricerca e il sostegno di una propria individualità e autonomia (scelta che non tutti i personaggi di Jane decidono di intraprendere) poteva essere un argomento un po’ più centrale.

A differenza del pathos personale, della passione che ho avvertito in altri libri di questa collana (per esempio, L’inferno è una buona memoria, scritto da Michela Murgia, trasuda così tanta passione per Le nebbie di Avalon, che non ho saputo resistere e me lo sono letto – poi il romanzo non mi ha entusiasmato, ma questo è un altro discorso… però, ecco, questo per dire che l’obiettivo della collana è stato, nel mio caso, perfettamente centrato).

Qui ho avvertito un certo distacco come se si dovesse giusto compitare una lezione (comunque, si tratta di una mia impressione).

Forse mi aspettavo qualcosa di diverso (perché, mea culpa, ho sempre grandi aspettative quando si parla di Jane) che, quanto meno, mi facesse venire la voglia di rileggere qualcosa della Austen (visto che, pur avendola già letta, mi piace ogni tanto riprenderla in mano)…

Quindi, concludendo: un libriccino ben scritto con considerazioni indubbiamente condivisibili, ma… mi aspettavo qualcosa di più.

 

 

 

Evelina recensione

evelina recensioneTitolo originale: Evelina
Autrice: Fanny Burney
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 1778
Titolo in Italia: Evelina
Anno di pubblicazione ITA: 2019
Trad. di: Chiara Vatteroni

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Evelina, mia cara, ma quante te ne capitano?

Un attimo, scusate… cominciamo per gradi.

So di essere molto (mooooooolto) ripetitiva in questo caso (soprattutto per chi mi segue su IG), ma… riuscite a immaginare che ho letto una delle autrici preferite di Jane Austen?! 🤩

E sapete che Jane inviò anche un piccolo contributo per aiutare Fanny Burney nella pubblicazione (all’epoca, comunque, era una prassi abbastanza diffusa… però sappiamo anche come il denaro sia sempre stato un problema per i membri femminili della famiglia Austen)?

Comunque… in breve, Evelina è la figlia non riconosciuta di un danaroso conte (e anche da parte di madre non sta messa male), ma per una serie di eventi è stata allevata dal reverendo Villars che le ha fatto teneramente da padre.

Viene invitata da degli amici di famiglia a stare un po’ con loro e, da lì a breve, arriveranno a trascorrere qualche giorno a Londra.

Lì le mode, le chiacchiere, i colori sfavillanti e i magnifici intrattenimenti entusiasmeranno Evelina, ma la metteranno anche a dura prova (lei, vivendo in campagna, a certe cose non è avvezza).

La sua mancanza di conoscenza della rigida (e davvero incomprensibile 🙈) etichetta dei balli e delle conversazioni e la tipica timidezza e ingenuità da adolescente spinta in un ambiente così nuovo e diverso la metteranno presto in seria difficoltà, facendola cadere vittima di imbarazzi e antipatie.

Insomma, riuscirà Evelina a recuperare?

Inutile dire che mi è piaciuto (se piaceva a zia Jane come non poteva piacere anche a me!? … anche se ho avuto qualche timore eh).

Evelina è l’adolescente che – per un periodo più o meno lungo – siamo state tutte (magari con qualche pretendete in meno però: lei è una specie di calamita! Anche un po’ troppo alle volte! 😒): ancora a metà nel bozzo tra bambina e donna, timida, in costante imbarazzo, desiderosa di riuscire bene ma destinata al fallimento più completo nonostante i suoi continui sforzi in senso opposto.

Ma non è una sciocca e, quindi, verso la seconda metà del romanzo, si cambia registro e sono gli altri (e pure una sfiga paurosa) a tirarla in situazioni imbarazzanti e spesso sconvenienti.

Però ecco, per quanto la prosa della Burney mi sia davvero piaciuta molto, c’è una cosa di cui devo accusarla: la prolissità.

Si perde nel riportare i più piccoli e insignificanti dettagli e una marea di eventi che, all’inizio sono anche simpatici, ma che poi, alla fine, sono sempre uguali e non aggiungono nulla alla storia o ai personaggi.

Quindi, ma a queste condizioni: di avere pazienza se qualche volta i personaggi sono davvero un po’ troppo (troppo 😬); se, soprattutto nella parte centrale, ci si dilunga all’infinito in mille inutili scene e dettagli ridondanti.

Alla fine, sarete ricompensati da un’ottima prosa, da personaggi completi (anche se alcuni sono più simpatiche macchiette) e da una storia piacevole.

Inutile dirvi che ci sono delle similitudini con Orgoglio e pregiudizio (ahi, ahi Jane, che mi combini? 🤣).

Le amiche di Jane

La collana Passaparola si arricchisce di un nuovo titolo: Le amiche di Jane.

le amiche di jane

Come ci si trasforma in persone adatte al mondo, capaci di capire se stesse, di capire gli altri, capaci di amare qualcuno e di essere amate? Come si sopravvive a un abbandono? E come si governa una perdita? Soprattutto, cosa significa essere liberi? Le risposte che Annalisa De Simone immagina attraverso i romanzi di Jane Austen e le sue eroine – Lizzy Bennet, Fanny Price, Anne o Emma –, attraverso gli eroi delle sue storie e gli antieroi – come Mr Darcy e George Wickham –, hanno a che fare con la misura dell’essere adulti: inciampare per poi ricredersi dei propri errori, subire lo sguardo impietoso degli altri, che sempre precede uno stato di coscienza, e imparare a cavarsela fra i pieni e i vuoti della vita. Se pure non si può ambire al “vissero felici e contenti”, che si trovi almeno un piccolo – anche fugace – rimedio al tran tran malinconico in cui vanno a immergersi i nostri giorni, perché è fra il sempre e il mai che scorre la vita di ognuno di noi.
Con uno sguardo profondo, una scrittura agile e aneddoti esilaranti, Annalisa De Simone, giovane scrittrice, racconta la sua passione vecchissima per Jane Austen.

Titolo: Le amiche di Jane
Autrice:
Annalisa De Simone
Genere:
Varia
Casa editrice:
Marislio
Pagine: 160
Prezzo ed. cartacea: 12,00€


Disponibile dal 6 giugno 2019!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Febbre

Febbre, vincitore del Kirkus Prize 2018 Alla ricerca di una qualche forma di sicurezza e stabilità dopo la morte dei genitori, ...
Leggi Tutto

Dracul

Dracul: A un secolo dalla morte di Bram Stoker, il suo discendente ci racconta come tutto ha avuto inizio... Colpi ...
Leggi Tutto
un mare viola scuro novità

Un mare viola scuro

Un mare viola scuro arriva in libreria! Un bisnonno, Belzebù, dal nome improbabile e inquietante. E un luogo, Colorno, così ...
Leggi Tutto

L’ospite crudele

L’ospite crudele, romanzo d’esordio dell’inglese Rebecca Fleet, si inserisce nel filone del domestic thriller, uscendo però dal comfort dell’ambiente familiare e ...
Leggi Tutto

Stranger Things Il sottosopra

Arriva in Italia la prima graphic novel ufficiale di Stranger Things, la serie Netflix diventata ormai cult (e manca poco ...
Leggi Tutto
L'imprevedibile movimento dei sogni novità

L’imprevedibile movimento dei sogni

L'imprevedibile movimento dei sogni, dal soggetto per un film che ha vinto il Figari Film Fest per il cinema indipendente ...
Leggi Tutto
darkness novità

Darkness

Ecco Darkness, il nuovo romanzo di Leonardo Patrignani. Haly Foster ha un piano. Un piano infallibile che finalmente la porterà ...
Leggi Tutto

Le amiche di Jane

La collana Passaparola si arricchisce di un nuovo titolo: Le amiche di Jane. Come ci si trasforma in persone adatte ...
Leggi Tutto
sarà una lunga notte novità

Sarà una lunga notte

Quando il commissario Jules Léger, della polizia giudiziaria di Parigi, arriva al Terminal 2 dell’aeroporto Charles de Gaulle, il mal ...
Leggi Tutto

Jane Austen a casa recensione

Titolo: Jane Austen at home
Autrice: Lucy Worsley
Genere: Saggio
Anno di pubblicazione: 2017
Titolo in Italia: Jane Austen a casa
Anno di pubblicazione ITA: 2018
Trad. di: Maddalena Togliani

Prima di cominciare devo premettere che ho un debole  per Lucy Worsley. Storica e conduttrice della BBC, la scoprì per la prima volta proprio con un documentario dedicato proprio Jane Austen.

La passione nello spiegare, il modo con cui presenta i suoi programmi e la sua simpatia fecero il resto.

Da allora ogni volta che becco un suo documentario, me lo divoro.

Anche se ero un po’ spaventata dalla lettura di un saggio in inglese: temevo di non capire alcune parole o di non riuscire a seguire il filo del discorso (che già ho delle grosse difficoltà con i saggi in italiano!).

Alla fine, però, non ho mai sottolineato così tante frasi da potermi rileggere dopo (se ti capita di passare sui social noterai un libro giallo di post-it!) né mi era mai capitato di commuovermi leggendo un saggio (che, per antonomasia, hanno un tono più neutro rispetto a un romanzo).

Detto questo e prima di procedere con la mia recensione, ultimo appunto: ho letto il romanzo in lingua originale, quindi non posso garantire sulla traduzione (anche se Neri Pozza è valida in questo).

Quindi, venendo a noi.

Lucy, bravissima narratrice (deformazione da fan, ma quando leggevo sentivo il suo tono nelle orecchie), apre la scena su un carro in viaggio quasi arrivato a Steventon (dove Jane nacque, visse ventitré anni e in cui scrisse tre dei suoi romanzi).

A bordo ci sono Mr George Austen e sua moglie Cassandra, adagiata su di un letto di piume a causa della sua salute cagionevole e dei suoi inaffidabili «nervi»; la di lei madre, Mrs Jane Leigh; e i tre figli della coppia sposata da quattro anni: James (Jemmy), George (che ben presto sparirà dalla storia e dagli annali della famiglia in una specie di damnatio memoriae) e Edward (Neddy).

Siamo abituati a pensare a Jane e a pochi altri suoi altri famigliari: in particolare, la sorella Cassandra con quale ebbe davvero un rapporto magnifico (e le cui ultime parole sulla morte dell’amata sorella furono: «[…] ho perso una parte di me stessa.») e il fratello Henry, che la supportò nella pubblicazione dei suoi romanzi, agì praticamente come suo agente letterario e le procurò il primo contratto di pubblicazione con Egerton per Sense and Sensibility.

In realtà, il sistema famiglia-Austen era più complesso di quello che appare in superficie e si componeva di genitori, fratelli, fidanzate (poi mogli), zii, cugini, amici in una sorta di famiglia allargata a cui, nel tempo, si aggiunsero una svariata quantità di nipoti (per esempio Edward, di cui parleremo tra poco, ebbe con la moglie Elizabeth Bridges undici figli).

I rapporti, con così tanti familiari, non erano ovviamente idilliaci con tutti (ad esempio, con il ramo materno ci furono delle dispute ereditarie che, se rispettate, avrebbero garantito a Jane e a sua sorella una buona rendita), ma alla morte di Elizabeth – la moglie di Edward – Jane e Cassandra assunsero il ruolo di madri putative degli undici nipoti (molti dei quali svilupparono da grandicelli velleità letterarie).

La famiglia era così compatta che ognuno ebbe la sua da dire sulla «zia Jane»; ognuno apportando ricordi, impressioni e immagini di una zia (o di una sorella o di un’amica) e contribuendo così – più o meno in maniera organizzata – alla creazione di un personaggio socialmente perfetto, dalla vita irreprensibile, ideale modello della società giorgiana.

La verità, però, sta quasi sempre nel mezzo: anche Jane Austen era umana, anche lei aveva le sue preferenze, i suoi “momenti no” e le sue stranezze.

Quella che, quindi, emerge dalle pagine di questo saggio è una ragazza – e poi una donna – sagace e ironica, in grado di prendere le sue decisioni con fermezza ma anche di tornare sui suoi passi (come per la proposta di matrimonio, rotta da Jane il giorno dopo averla accettata, con il danaroso Harris Bigg-Wither).

Ma mi sto dilungando: questa recensione è già troppo lunga e non voglio annoiare.

Il libro della Worsley è un concentrato di validissime informazioni su Jane; sulle case dove ha vissuto o visitato o soggiornato (e che hanno inevitabilmente influenzato le abitazioni che conosciamo e amiamo dai romanzi); sugli amori che ha avuto (sì perché non c’è stato solo Mr Lefroy!); su decisioni da prendere, sogni da realizzare e la coerenza da mantenere con grandi (grandissimi) sacrifici; sui salari dei domestici; sui “modelli” usati per tracciare i caratteri delle sue eroine; sul dare letteralmente voce alle donne (se ti capiterà di leggere il libro capirai in che modo); sui diritti d’autore; sulle beghe familiari; sui viaggi in carrozza; sull’amore; sulla sofferenza; sulle difficoltà economiche; sull’impegno e la costanza; sull’accanimento del destino (che spesso arride a chi già ha troppo).

Concludo con un’immagine, presa dal film “Becoming Jane“, la quale nulla, in realtà, ha a che vedere con la vera Jane.
Ma vorrei ricordarla così proprio come suggerisce anche Lucy Worsley: felice, piena di sogni e speranze, che corre via verso un mondo di possibilità.


I testi virgolettati vengono tutti da “Lucy Worlsey at home. A biografy”, Lucy Worlsey, Hodder & Stoughton, 2017. Eventuali errori nella traduzione sono esclusivamente colpa mia.