Crea sito

L’amico giusto

Titolo: L’amico giusto
Autore: Marco Cesari
Genere: Romanzo di formazione
Anno di pubblicazione: 2019

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Luca e Mattia sono diversi… c’è poco altro da dire.

Quanto il secondo è estroverso e a suo agio in qualunque situazione, tanto il primo annaspa (soprattutto con le ragazze); se quest’ultimo fa fatica ad ambientarsi, l’altro mostra estrema sicurezza in ogni circostanza.

Però, succede: i due diventano amici, compagni, fratelli. Se c’è una cosa della quale saranno sicuri è che potranno sempre contare sull’appoggio dell’altro.

Arriveranno a condividere tutto: scuola, vacanze, ricordi… anche ragazze (😬)!

Tutti dovremo avere almeno un amico degno di questo nome: leale, onesto, pronto a mettersi da parte per il bene dell’altro.

La storia di Marco Cesari parla di questo, ma non solo.

Il crescere insieme, l’affrontare le difficoltà – contro tutto e tutti – e il rimboccarsi le maniche saranno solo alcuni dei temi affrontati in una storia in cui tutto conduce a un profondo messaggio: quello di vivere la propria esistenza lontano da convenzioni, da rancori o da standardizzati giudizi altrui.

La formazione in sincrono ma parallela di questi due personaggi (crescono insieme sì, ma ognuno mantiene la propria individualità; n.b. li seguiremo anche nella loro vita adulta) ci ricorda – o dovrebbe insegnare se lo si legge da più giovani – a non cedere a un sistema conformista, a non accomodarci in una vuota quotidianità (quella che portiamo passivamente avanti giusto per forza d’inerzia).

La storia, complice uno stile lineare, fresco e scorrevole, si legge molto rapidamente e ci è adeguata compagnia di qualche ora.

Più che restare coinvolta però da questa storia o dai suoi protagonisti (compaiono anche altri personaggi, ma il focus principale resta sempre su Luca e Mattia), sono rimasta piacevolmente colpita dal messaggio di fondo.

Perché, in fondo, l’amicizia non è che un’altra forma di amore.

 

 

Il primo bacio

Una guida per genitori ed educatori che cercano le parole giuste per parlare di amore ai ragazzi, aiutandoli a vivere la propria affettività con consapevolezza.

Il primo bacio non si scorda mai. Perché è un punto di svolta, il primo passo nel mondo sconosciuto della sessualità. Per questo è importante insegnare ai ragazzi a non sprecarlo, a dargli un significato, a chiedersi cosa vogliono e sentono davvero, prima di lanciarsi in un’esperienza tanto per farla. Non è mai troppo presto, né troppo tardi, per iniziare a parlare di primi baci e affettività: basta trovare il modo giusto, adatto all’età dei nostri figli. L’unica cosa che non possiamo proprio permetterci è tacere, soprattutto oggi che i giovani sono tempestati da stimoli troppo grandi per loro. In questo libro Barbara Tamborini e Alberto Pellai ci aiutano a mettere a fuoco quale educazione sessuale e affettiva è bene trasmettere ai nostri figli, perché trovino la propria strada a partire da alcuni valori di riferimento. Ci danno suggerimenti per rompere il ghiaccio, per superare l’imbarazzo, per incoraggiare i ragazzi a confidarsi con noi. Ci mettono alla prova con test e situazioni tipo. Ma soprattutto, ci aiutano a calarci nelle mille emozioni legate al primo bacio, grazie a quaranta storie di primi baci, a volte belli, a volte meno, ma sempre e comunque indimenticabili.

Che sia atteso, rubato o dato per gioco, il primo bacio ha sempre un prima e un dopo, un mondo che era – da lasciarsi alle spalle – verso un mondo che sarà.

Gli autori

Alberto Pellai medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva, è ricercatore presso il dipartimento di Scienze Bio-Mediche dell’Università degli Studi di Milano, dove si occupa di prevenzione in età evolutiva. Nel 2004 il Ministero della Salute gli ha conferito la medaglia d’argento al merito della Sanità pubblica.
È autore di molti bestseller per genitori, educatori e ragazzi, tra i quali Tutto troppo presto, Girl R-evolution e, a quattro mani con Barbara Tamborini, I papà vengono da Marte, le mamme da Venere e L’età dello tsunami, tutti editi da De Agostini.

Barbara Tamborini, psicopedagogista, autrice di diversi testi sull’età evolutiva, ha vinto il Premio Giovanni Arpino inediti. Ha pubblicato Reality mamma e vari libri con Alberto Pellai, tra cui Vi lasciate o mi lasciate? Come spiegare a un figlio la separazione dei genitori, Q.A.F. Quoziente autostima famigliarePerché non ci sei più? Accompagnare i bambini nell’esperienza del lutto.

Titolo: Il primo bacio
Autori: Alberto Pellai e Barbara Tamborini
Genere: Varia
Casa editrice: De Agostini
Pagine: 240
Prezzo ed. cartacea: 15,00€


Disponibile dal 22 gennaio 2019!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Febbre

Febbre, vincitore del Kirkus Prize 2018 Alla ricerca di una qualche forma di sicurezza e stabilità dopo la morte dei genitori, ...
Leggi Tutto

Dracul

Dracul: A un secolo dalla morte di Bram Stoker, il suo discendente ci racconta come tutto ha avuto inizio... Colpi ...
Leggi Tutto
un mare viola scuro novità

Un mare viola scuro

Un mare viola scuro arriva in libreria! Un bisnonno, Belzebù, dal nome improbabile e inquietante. E un luogo, Colorno, così ...
Leggi Tutto

L’ospite crudele

L’ospite crudele, romanzo d’esordio dell’inglese Rebecca Fleet, si inserisce nel filone del domestic thriller, uscendo però dal comfort dell’ambiente familiare e ...
Leggi Tutto

Stranger Things Il sottosopra

Arriva in Italia la prima graphic novel ufficiale di Stranger Things, la serie Netflix diventata ormai cult (e manca poco ...
Leggi Tutto
L'imprevedibile movimento dei sogni novità

L’imprevedibile movimento dei sogni

L'imprevedibile movimento dei sogni, dal soggetto per un film che ha vinto il Figari Film Fest per il cinema indipendente ...
Leggi Tutto
darkness novità

Darkness

Ecco Darkness, il nuovo romanzo di Leonardo Patrignani. Haly Foster ha un piano. Un piano infallibile che finalmente la porterà ...
Leggi Tutto

Le amiche di Jane

La collana Passaparola si arricchisce di un nuovo titolo: Le amiche di Jane. Come ci si trasforma in persone adatte ...
Leggi Tutto
sarà una lunga notte novità

Sarà una lunga notte

Quando il commissario Jules Léger, della polizia giudiziaria di Parigi, arriva al Terminal 2 dell’aeroporto Charles de Gaulle, il mal ...
Leggi Tutto

Stai trovando il contenuto interessante?

Allora lascia un like! Grazie per il supporto!

 
 

error: Attenzione! Questo contenuto è protetto!
Wordpress Copy paste blocker plugin powered by http://jaspreetchahal.org