Nel cuore della notte recensione

Titolo: This real night
Autrice: Rebecca West
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 1984
Titolo in Italia: Nel cuore della notte
Anno di pubblicazione ITA: 2019
Trad. di: Francesca Frigerio

Preceduto da:
La famiglia Aubrey

Seguito da:
Cousin Rosamund (non ancora annunciato in Italia)

– Ho ricevuto una copia di questo libro in cambio di un’onesta recensione –

Attenzione! Questo è il secondo volume della trilogia di Rebecca West, iniziata con La famiglia Aubrey. Proseguendo nella lettura di questo articolo, se non hai già letto il primo capitolo della serie, potresti incappare in spoiler!

Li avevamo lasciati così: abbandonati.

Ma gli Aubrey, anche se privi di un membro – alla fin fine non poi così fondamentale – della famiglia stando andando avanti alla grande: le gemelle, Rose e Mary, hanno ottenuto delle borse di studio per diventare finalmente delle pianiste di successo; Rosamund, l’amata cugina, avendo lavorato l’estate come infermiera in un ospedale per bambini, è sempre più certa della sua scelta di vita; il non-più-piccolo-di-famiglia Richard Quin è diventato un ragazzo d’oro, premuroso, attento, disponibile; Constance, la madre di Rosamund, si è stabilita definitivamente dagli Aubrey al fianco di Clare adesso unico capitano di una nave che – grazie alla vendita dei famosi quadri e alla scomparsa della paterna sanguisuga – procede a gonfie vele.

Nel giardino, gli Aubrey hanno persino piantato dei fiori (e, per chi ricorda le loro ristrettezze economiche, questo sì che è un evento: il poter finalmente godere di denaro extra da poter usare anche per piccoli piaceri).

L’unica incertezza è Cordelia, il membro incompreso e bistrattato della famiglia, che col suo carattere supponente e superbo è l’unica a suscitare qualche preoccupazione.

Ma ci sono delle scelte in arrivo: la vita le esige e la storia si mette nel mezzo.

Una storia quella degli Aubrey che non riesco a assolutamente a lasciar andare.

Saranno i profondi legami che legano i membri di questa famiglia; sarà il loro essere sognatori di gran cuore; sarà il fatto che sono inglesi (e, vabbè mi ripeto perdono: io ho un debole per le famiglie inglesi e per l’ambientazione ‘800/’900… ‘700, okay arrivo anche più indietro)… sta di fatto che anche questo secondo volume è andato e adesso ho bisogno del terzo (che, purtroppo, sarà anche l’ultimo).

Ma venendo alle considerazioni su questo secondo capitolo, mi sento sostanzialmente di confermare quello che avevo già detto riguardo La famiglia Aubrey.

Saga familiare ben scritta e ben condotta con uno stile narrativo assolutamente impeccabile e affascinante che cesella dei personaggi realistici e profondi (che qui forse assumono contorni ancor più definiti).

In questo secondo capitolo, una serie di eventi drammatici investirà la famiglia e la narrazione della West è in grado di gestirli con sapienza trasmettendo un fortissimo senso di turbamento – principalmente nella parte finale del romanzo.

Ribadisco comunque anche gli “aspetti negativi” cioè la mancanza di azione; motivo per cui stiamo parlando di una saga familiare e non di un thriller, ma ecco vorrei che fosse ben chiaro che gli eventi sono pochi e spalmati per numerose pagine (come vi accennavo su Instagram, a pagina 100/150 stiamo ancora andando a cena dal signor Morpugo, amico e benefattore della famiglia).

A questo proposito, vorrei riportare un estratto del commento di Alessandro Baricco, che sicuramente spiega questo aspetto meglio di come potrei fare io, proprio su questo romanzo (trovate la versione completa qui):

Non avendo capito che era una trilogia, a me è accaduto di iniziare dal secondo volume, Proprio stanotte. Le prime pagine, lo ricordo benissimo, mi parvero di una noia ineguagliabile. Raramente avevo letto qualcosa che procedesse più lentamente. Ma non lo faceva in modo forzato o virtuosistico: era tutto molto naturale. Era solo che quella donna aveva quel passo, e non c’era nulla che si potesse fare a riguardo. Mi ricordo che spesso continuavo a leggere pensando ad altro. Mi ritrovavo a girar pagina che a malapena sapevo cosa avevo letto. Eppure giravo pagina. Perché diavolo non smettevo? Un motivo, immediatamente percepibile, c’era: nello scorrere lentissimo di quel fiume, ogni tanto passava una barca. Una frase, una similitudine, un’osservazione minuscola, l’esattezza di un colore, la precisione millimetrica di un aggettivo. E non c’era passaggio di barca, per quanto raro, che non fosse davvero memorabile (in particolare le similitudini, da rimanere a bocca aperta).
Così, per un po’ me ne sono stato ad aspettare il passaggio delle barche, paziente. Poi, pagina dopo pagina, senza accorgermene, ho cominciato a capire il fiume. È durata un po’, e alla fine qualcosa è successo, perché, d’improvviso, ero in quel fiume. Non c’era più lentezza, ma un certo passo del cuore, irrimediabilmente giusto.

Suggerisco, quindi, la lettura a chi è avvezzo (o a chi vorrebbe iniziare le) alle saghe famigliari un po’ in stile Downton Abbey (mi è stato suggerito anche la saga dei Cazalet, ma mi sento di sottoscrive quello che avevo già detto di questa saga quide gustibus).

Per tutti gli altri, dato lo stile quasi lirico della West, suggerirei di fare un tentativo – col primo capitolo ovviamente e magari scorrendo qualche estratto di quest’ultimo (che trovate qui) – e verificare se lo stile della scrittrice potrebbe cadere nelle proprie corde tenendo presente quanto già detto sull’azione narrativa.

Per chi mi ha chiesto se si può leggere questo volume senza aver conosciuto il primo rispondo che sì, si può (anche Baricco l’ha fatto 😉 ). La West riprende e riassume (fortunatamente in breve) gli eventi salienti incorsi ne La famiglia Aubrey, quindi si riesce a ricomporre la storia senza difficoltà.

Ovviamente, è il peso sulla famiglia e le sensazioni nel lettore che questi eventi trasmettono che si perdono completamente; motivo per cui suggerirei comunque di procedere con ordine e iniziare dal primo capitolo.

Mi sono dilungata un sacco e spero di non aver annoiato (😬), quindi rimandando sempre alla lettura completa della saga per un giudizio più completo, intanto per questo volume direi che

Nel cuore della notte

Tornano, in libreria per Fazi editore, gli Aubrey! Ne avevamo parlato a suo tempo qui e adesso la casa editrice mi ha gentilmente inviato una copia del romanzo che sarà in libreria domani (è stata un’epopea grazie a Poste italiane…ma almeno posso dire che si è felicemente conclusa!).

Per approfondimenti su questo romanzo, ti invito a visitare il mio profilo Instagram dove troverai dettagli (e chiacchiere imbarazzate) tra le storie in evidenza. Grazie! ^^

P.S. In anteprima, in fondo all’articolo, un estratto del primo capitolo.

È trascorso qualche anno da quando abbiamo salutato la famiglia Aubrey. Le bambine non sono più tali: i corsetti e gli abiti si sono fatti più attillati, le acconciature più sofisticate; l’ozio delle giornate estive è solo un ricordo. Oggi le Aubrey sono giovani donne, e ognuna ha preso la sua strada: le gemelle Mary e Rose sono due pianiste affermate e vivono le difficoltà che comporta avere un talento straordinario. La sorella maggiore, Cordelia, ha abbandonato le velleità artistiche per sposarsi e accomodarsi nel ruolo di moglie convenzionale. La cugina Rosamund, affascinante più che mai, lavora come infermiera. La madre comincia piano piano a spegnersi, mentre il padre è sparito definitivamente. Poi c’è lui, il piccolo Richard Quin, che si è trasformato in un giovane seduttore brillante e, sempre più, adorato da tutti. La guerra, che piomberà sulla famiglia come una catastrofe annunciata, busserà anche alla sua porta, e sconvolgerà ogni cosa. Mentre l’Inghilterra intera è costretta a separarsi dai suoi uomini, l’universo delle Aubrey si fa sempre più esclusivamente femminile: gli uomini e l’amore rimangono un grande mistero, un terreno inesplorato da attraversare, pagine ancora tutte da scrivere che, forse, troveranno spazio nel prossimo volume di questa appassionante saga familiare.
Dopo La famiglia Aubrey, Nel cuore della notte è il secondo capitolo della trilogia di Rebecca West.

Titolo: Nel cuore della notte
Autrice: Rebecca West
Genere: Romanzo
Casa editrice: Fazi editore
Pagine: 406
Prezzo ed. cartacea: 20,00€


Disponibile dal 28 gennaio 2019!


Scopri altre novità in libreria al momento:

A casa quando è buio

A casa quando è buio è uno scrigno in cui è possibile trovare un sermone firmato Dio, una discettazione a pranzo ...
Leggi Tutto

Heart Talk. Il cuore parla

Dall’introduzione dell’autrice... Carissima, il mio cuore si è spezzato tante volte, per ogni motivo possibile. Per il mio uomo, per ...
Leggi Tutto

Il rimedio miracoloso

Nato alla fine dell’Ottocento in una grande casa padronale di campagna dove la madre lavora come governante, George Ponderevo viene ...
Leggi Tutto

La Musa degli incubi

La peggiore paura degli abitanti di Pianto si è concretizzata: nella minacciosa fortezza di mesarzio i figli degli dèi sono ...
Leggi Tutto

Prigione

Emmy è una giovane donna piena di impegni e di talento, e ha una gran fretta; fretta di partire, di ...
Leggi Tutto

Per amore

Ci sono aspetti della guerra che raramente vengono a galla perché non riguardano nazioni e continenti, ma solo famiglie, fragili ...
Leggi Tutto

Un grido nelle rovine

Piantagione di Beauvais, Virginia. Guerra civile americana. Il proprietario terriero Antony Levallois è stanco della produzione di tabacco e cotone ...
Leggi Tutto

L’uomo nell’ombra

«"Dio non esiste. Punto." L’ispettore capo Emily Baxterosservò la propria immagine nel vetro riflettente della stanza degli interrogatori, in attesa ...
Leggi Tutto

La specie creativa

Da Picasso a Steve Jobs, da Chopin ad Einstein, da Edison a Leonardo da Vinci, un grande racconto scientifico sulla ...
Leggi Tutto

La famiglia Aubrey recensione

Titolo: The fountain overflows
Autrice: Rebecca West
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 1956
Titolo in Italia: La famiglia Aubrey
Anno di pubblicazione ITA: 2018
Trad. di: Francesca Frigerio

Seguito da:
Nel cuore della notte
Cousin Rosamund (non ancora annunciato in Italia)

Sono una famiglia particolare questi Aubrey… anche per i canoni moderni. 

Pier, il padre, è così scapato da dimenticarsi informazioni basilari per la famiglia (per esempio: dove andranno a vivere) e vendersi i mobili a un sesto del loro attuale valore, in un tormentato rapporto di amore/odio con il denaro.

Poi c’è Clare, la madre, tenera, nervosa e con un pesante (talvolta simpatico) tarlo per la musica capace di trasformarla di una donna severa, risoluta e anche un po’ offensiva.

Le sue gemelle, Mary e Rose, diventeranno sicuramente delle pianiste famose; Cordelia, col suo violino, sembra un gatto a cui qualcuno sta dispettosamente tirando la coda; e di Richard Quin, il piccolo di famiglia, ancora bisogna scoprire lo strumento.

Sembrano solo molto eccentrici questi Aubrey; un po’ sognatori, anime artistiche. Almeno all’inizio… Poi, con gli occhi di una bimba a cui molte cose vengono riferite, altre taciute (meno di quello che si pensi, però) o un po’ edulcorate, si arriva a scoprire una famiglia e un ambiente molto più complesso di come appariva dalla superficie. 

Avevo mirato a fare la conoscenza degli Aubrey da tempo; poi letture che si accumulano mi avevano costretto a rimandare questo incontro. Ma un’amica meravigliosa che, per molte cose, mi legge nel pensiero mi ha regalato questo romanzo e, quindi, non ho potuto far altro che accantonare tutto e immergermi nella lettura.

Prima di cominciare un paio di trivia di cui non ero a conoscenza: (1) Rebecca West è, in realtà, lo pseudonimo di Cicely Isabel Fairfield la cui vera storia familiare ha ispirato questa saga e i suoi personaggi.

(2) Visto che ho parlato di “saga” ci tengo a precisare che si tratta di una trilogia, il cui prossimo capitolo (“Nel cuore della notte“) arriverà il 28 gennaio 2019 (sempre per Fazi editore).

Detto questo. Una saga familiare non è un thriller né un romanzo d’azione, quindi non aspettatevi capriole narrative emozionati o esaltanti.

La storia procede placida, un po’ lenta per la verità, momento dopo momento (a paragone, visto che la stessa casa editrice lo porta come esempio, ho fatto però molto più fatica a leggere “Gli anni della leggerezza“, primo capitolo della saga dei Cazalet di Elizabeth Jane Howard, nonostante di eventi – e di situazioni in evoluzione – ce ne siano indubbiamente di più).

I personaggi, però, sono ben delineati, sebbene alcuni meritassero – dal mio punto di vista – un approfondimento maggiore (per esempio la cugina Rosamund… a quanto pare, però, l’ultimo capito della saga è dedicato a lei, quindi…).

Per cui, ecco, nonostante gli eventi non siano molti, manchi quel senso di tragedia incombente (per restare nell’esempio, nella saga dei Cazalet pesa l’arrivo imminente della guerra), il tono narrativo sia lento (ma con uno stile davvero impeccabile), mi resta comunque la curiosità di sapere quello che succederà a questa famiglia in futuro.

Trattandosi di una trilogia, credo che solo leggendo il progetto completo si possa esprime un parere definitivo, ma intanto questo è il mio: