Ripley Bogle

Torna Robert McLiam Wilson con la storia di Ripley Bogle: senza affetti, senza amici e una vita al capolinea nei bassifondi in una Londra.

Ad appena ventidue anni Ripley Bogle ha già raggiunto un traguardo importante, al quale molti arrivano soltanto dopo un’intera esistenza: ha toccato il fondo, è uno spiantato senza amici e senza affetti, la sua vita è al capolinea. Parte del merito va senz’altro alla sua infanzia: nato in un ghetto di Belfast, figlio di una prostituta irlandese e di un ubriacone gallese, è cresciuto in mezzo ad alcol, risse e vendette omicide tra cattolici e protestanti. Ma il percorso verso il suo lurido successo è stato accidentato e tortuoso, per niente scontato: Ripley ha dovuto fare i conti con un’intelligenza formidabile, che per qualche semestre gli ha addirittura permesso di frequentare il prestigioso Trinity College di Cambridge. Ma nella società bene non era a suo agio, non sapeva cosa farsene della prospettiva di un futuro radioso, né tantomeno delle soddisfazioni e delle gratificazioni che derivano da una vita sentimentale felice. La sua è una vocazione insopprimibile. La libertà è la strada. Oggi vive da eroe dei bassifondi in una Londra esasperata e lirica, trasformata nel regno dei barboni, fra le mille difficoltà quotidiane e i ricordi di un’Irlanda devastata dai conflitti.
Robert McLiam Wilson, autore dell’indimenticabile Eureka Street, torna nelle librerie italiane con il suo esordio, firmato a soli ventitré anni, che ne rivela tutto il talento e l’ironia.

L’autore

Intorno a Robert McLiam Wilson si raccontano molti aneddoti, tutta la sua vita pare corredata da storie che rendono lo scrittore nord irlandese una sorta di personaggio. Ad esempio pare che Robert sia nato a Belfast (nel “west di West Belfast”, a New Lodge, quartiere popolare e cattolicissimo) nel 1964 e che sia stato cacciato di casa dalla madre all’età di quindici anni. Pare che il motivo fosse una ragazza inglese e protestante. Senza farsi troppo suggestionare da Ripley Bogle, il barbone acculturato protagonista dell’adorabile e pluripremiato primo romanzo di McLiam Wilson, sembra intanto che siamo riusciti a mettere insieme un po’ di informazioni certe. Ci pare di capire:

– che lo scrittore Robert McLiam Wilson abbia vissuto veramente da barbone per otto mesi della sua vita dormendo nel parco di un castello e cercando di non saltare troppo la scuola (“È stata una brutta estate”, ricorda. “Di quel periodo ho una precisa percezione del freddo. Non avrò mai più così freddo, di sicuro”), per poi essere adottato da una famiglia di gran cuore, di umili origini e di ben radicate convinzioni su solidarietà e umanità (a cui renderà un omaggio emozionato e delicato nel suo terzo romanzo Eureka Street con i personaggi di Matt e Mamie);

– che abbia frequentato il St. Catherine’s College di Cambridge per un paio di anni e che lo abbia abbandonato nel 1985 all’età di ventuno anni… Il giorno precedente la sua uscita dall’ambiente universitario inizia a scrivere. Pare che abbia comprato una macchina da scrivere per iniziare una dissertazione su non si sa quale argomento, e ne venne fuori invece il primo capitolo di un romanzo;

– che abbia compiuto una serie impressionante di professioni: muratore nella costruzione di palazzi, assistente di negozio, guardia di sicurezza, venditore di finestre e di kilt, insegnante universitario, regista di documentari (uno in particolare sul Baseball in Irlanda!). Pare che fosse particolarmente bravo come venditore di kilt…

Ma pare anche: – che ci sia stato un padre alcolizzato, il quale, racconta lo scrittore con una discreta dose di sarcasmo, “oltre a un po’ di violenza, mi ha dato la raccolta completa di Dickens quando avevo sette anni…”. – che a sette anni sia stato portato di forza dallo psicanalista perché rubava e leggeva Stendhal, Thackery, George Eliot, e altre letture considerate troppo precoci.

Le leggende, quindi non mancano. Ne manca soltanto una, quella del suo nome. Robert McLiam Wilson è uno pseudonimo parziale. ‘McLiam’ è la traduzione gaelica di ‘Wilson’ – ‘will’ ‘son’ e cioè ‘figlio della volontà’ – che lo scrittore ha deliberatamente inserito tra nome e cognome veri. Robert in questo modo ha due cognomi, uno irlandese e uno inglese: il messaggio è talmente lampante e provocatorio che è meglio non aggiungere nulla. Chi ha incontrato Robert McLiam Wilson, lo racconta come un uomo di una simpatia trascinante e vibrante, un fumatore accanito (più di sessanta sigarette al giorno), un romantico amante dei gatti e un fervente tifoso di calcio.

Titolo: Ripley Bogle
Autore: Robert McLiam Wilson
Genere: Romanzo
Casa editrice: Fazi editore
Pagine: 384
Prezzo ed. cartacea: 18,00€


Disponibile dal 10 maggio 2018!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Onde nello spaziotempo

Nel 2015, una straordinaria scoperta: la registrazione delle onde gravitazionali. In "Onde nello spaziotempo. Einstein, le onde gravitazionali e il futuro ...
Leggi Tutto

Fiaba di morte

Un detective, un profiler e una psicologa in un gioco diabolico che li porterà in una caccia all'assassino contro il ...
Leggi Tutto

Il fiume della colpa

Torna in libreria il maestro della sensazional fiction, Wilkie Collins, con Il fiume della colpa. Dopo anni di forzata lontananza, ...
Leggi Tutto

Un’estate in montagna

I piccoli piaceri della vita, i segreti e le bellezza della natura nel romanzo di Elizabeth von Arnim: Un'estate in montagna.  Luglio ...
Leggi Tutto

Novità libri Luglio Agosto 2018

L'articolo è in costante aggiornamento durante il corso di tutto il mese, quindi ricorda di passare di quando in quando ...
Leggi Tutto

Il sognatore

Primo capitolo di una duologia, Il sognatore racconta la storia di Lazlo e della sua sete di conoscenza e sogni da realizzare.  ...
Leggi Tutto

La famiglia Aubrey

Londra, fine ottocento. Una famiglia particolare la famiglia Aubrey con numerose preoccupazioni finanziarie, ragazzini trasandati e il mobilio che scompare grazie ...
Leggi Tutto

Una lotta meravigliosa

L'ammirazione per il padre, la tentazione offerta dalle gang e l’amore per i libri nel memori di Ta-Nehisi Coates: Una ...
Leggi Tutto

Il fabbricante di storie

La prima biografia di Giorgio Scerbanenco, basata su documenti inediti, raccontata dalla figlia Cecilia; Il fabbricante di storie. Narratore, autentico ...
Leggi Tutto
Precedente L'amore all'inizio Successivo All'inizio del settimo giorno