L’ultimo passo di tango recensione

Titolo: L’ultimo passo di tango
Autore: Maurizio de Giovanni
Genere: Racconti
Anno di pubblicazione: 2017

Per una serie di eventi e magheggi del destino, non avevo ancora mai letto nulla di Maurizio De Giovanni.

Poi un Natale propizio e un regalo speciale, hanno messo questo scrittore sul mio cammino.

L’ultimo passo di tango è una raccolta composta da numerosi racconti – già pubblicati – suddivisi in quattro categorie.

Quelli dedicati al commissario Ricciardi (tra cui quello che dà il nome a tutto il libro) sono legati assieme da una chiacchierata con il dottor Modo – a sua volta protagonista della tragedia – e una serie di sfogliatelle che rievocano ricordi spesso amari.

Anime ci porta in un mondo fatto di amore – anche malato – difficile da sopportare e difficile da gestire; Napoli e altrove, invece, ci regala protagonisti e personaggi della città partenopea.

Infine, in Nove volte per amore, i racconti prendono un taglio decisamente più inquietante perché ispirati a reali eventi di cronaca nera (ad esempio, la scomparsa di Yara o quella di Sara, gli omicidi della madre e del fratellino perpetrati da Erika). Ovviamente, i nomi – quando presenti – sono cambiati, ma non è difficile risalire al caso di cronaca che ha ispirato il racconto.

Questa, onestamente, è la sezione che ho apprezzato meno: si tratta di una mia opinione personale e di un mio “problema”, ma non apprezzo quando gli scrittori si aggrappano in questo modo a eventi di cronaca realmente accaduti, ricamandoci sopra proprie interpretazioni.

In ogni caso, tutti i racconti vanno giù che è una meraviglia: lo stile di scrittura è fluido e coinvolgente (anche se, ovviamente, non tutti i racconti sono interessanti allo stesso modo).
Nulla da eccepire, quindi, solo una piccola nota: ho messo in wish-list il primo romanzo con protagonista Ricciardi.

Perché, in quella manciata di racconti a lui dedicati, si arriva ad apprezzare il commissario come un vecchio amico, se ne condivide la sofferenza e l’amarezza e rimane il bisogno di restare ancora un altro po’ in compagnia di questo distinto signore.

Perché, sicuramente, la prima sezione dedicata al commissario è anche quella meglio riuscita dell’intera raccolta (ed è quella a cui vi consiglierei di prestare maggior attenzione se decidete di leggere questo libro).

Insomma, complessivamente una selezione particolare (sebbene con le remore che ho già espresso), ottima per conoscere l’autore e altrettanto valida per chi è già un suo fan e non vuol perdersi nulla del suo autore preferito.

Dei racconti dedicati a Ricciardi, segnalo (perché li ho particolarmente apprezzati): Partire e lasciare (di cui, per la verità, è protagonista il dottor Modo); Quando si dice il destino e Un mazzo di fiori, racconti dal sapore dolce-amaro. Delle altre sezioni Le beffe della cena, ovvero: piccolo manuale di sopravvivenza dell’intrattenimento in piedi.

Precedente #Disobbediente! Successivo Animali fantastici e dove trovarli. I crimini di Grindelwald