Le amiche di Jane

Titolo: Le amiche di Jane amiche di jane
Autrice: Annalisa De Simone
Genere: Saggio
Anno di pubblicazione: 2019

– Ho ricevuto una copia di questo libro –

Il mio rapporto con Jane Austen cominciò male… molto male.

Era quella che parlava di donne che stavano in casa e la cui massima aspirazione era sposarsi, figliare possibilmente… e poco altro (almeno, questo era il modo in cui mi era stata sintetizzata a scuola… immaginate il mio grande entusiasmo).

Non dico che la odiavo, ma quasi…

Poi, complici un film (quello più recente di Orgoglio e pregiudizio con Keira Knightley nel ruolo di Lizzy Bennet) e un’amica (che, cogliendo immediatamente la mia esaltazione, mi regalò con prontezza il romanzo), scoppiò l’idillio e, da allora, tra me e zia Jane è amore.

[Piccolo fanfact: ho notato che, qualche volta, si attribuisce il termine “zia” anche ad altre autrici… non so se la cosa sia motivata o nasca solo da una sorta di incomprensione – cioè che le scrittrici che ci stanno simpatiche debbano essere affettuosamente definite “zie” – ma, nel caso di Jane, l’appellativo “zia” è quello che ritroviamo in molte lettere che si scambiò nel corso degli anni con i tanti e le tanti nipoti]

Insomma, potete a questo punto immaginare il mio entusiasmo quando, dall’ufficio stampa Marsilio, mi venne la notizia che la collana Passaparola si arricchiva in un’altra uscita.

E che uscita! Voglio dire: Jane Austen?! Mio!

Annalisa de Simone ci racconta la sua storia con Jane Austen e, in particolare, le varie declinazioni d’amore che possiamo trovare nei suoi scritti (anche se ci si concentra essenzialmente su Orgoglio e pregiudizio e Ragione e sentimento).

Gran parte dell’analisi ruota attorno alle figure di John Willoughby e, in minor parte, di Fiztwilliam Darcy e come tutte noi lettrici (e non solo Lizzy) rimaniamo, per forza di cosa, affascinate subito più dal primo che dal secondo (che, voglio dire, chi si crede di essere dicendo all’amico Bingley che non ci sono ragazze degne di nota in sala?!).

Quindi, a parte ruotare attorno al perché le donne siano attratte dagli s*****i, l’analisi della de Simone va, purtroppo, poco più in là. Ci racconta i tira e molla di un’amica con un uomo già sposato, aggiungendo qualche rapido accenno personale.

E dico purtroppo, perché qui si rischia di semplificare troppo un qualcosa (così come fece il mio insegnante al liceo) che, invece, poteva coinvolgere in maniera più approfondita, numerosi temi: non solo l’amore, ma anche la ricerca e il sostegno di una propria individualità e autonomia (scelta che non tutti i personaggi di Jane decidono di intraprendere) poteva essere un argomento un po’ più centrale.

A differenza del pathos personale, della passione che ho avvertito in altri libri di questa collana (per esempio, L’inferno è una buona memoria, scritto da Michela Murgia, trasuda così tanta passione per Le nebbie di Avalon, che non ho saputo resistere e me lo sono letto – poi il romanzo non mi ha entusiasmato, ma questo è un altro discorso… però, ecco, questo per dire che l’obiettivo della collana è stato, nel mio caso, perfettamente centrato).

Qui ho avvertito un certo distacco come se si dovesse giusto compitare una lezione (comunque, si tratta di una mia impressione).

Forse mi aspettavo qualcosa di diverso (perché, mea culpa, ho sempre grandi aspettative quando si parla di Jane) che, quanto meno, mi facesse venire la voglia di rileggere qualcosa della Austen (visto che, pur avendola già letta, mi piace ogni tanto riprenderla in mano)…

Quindi, concludendo: un libriccino ben scritto con considerazioni indubbiamente condivisibili, ma… mi aspettavo qualcosa di più.

 

 

 

Precedente Jalna Successivo Sadie