Il sussurro del mondo

Dopo “Less” l’anno scorso, La nave di Teseo pubblica il nuovo premio Pulitzer per la narrativa: Il sussurro del mondo.

La motivazione della giuria: «Un racconto strutturato con ingegno, capace di ramificarsi e creare chiaroscuri come le chiome degli alberi al centro della storia. La meraviglia e la sinergia di questi alberi fa da eco alle persone che vivono tra loro.»

Elisabetta Sgarbi: «Per il secondo anno consecutivo La Nave di Teseo pubblica il Premio Pulitzer per la Fiction: dopo Less di Andrew Sean Greer, The Overstory di Richard Powers, che uscirà in maggio. Un libro straordinario, di cui, dall’Italia, ho visto montare il successo. Una gioia per me e per La nave di Teseo da condividere con i suoi straordinari agenti letterari, Melanie Jackson e Roberto Santachiara.»

Con questo libro Richard Powers tocca un tema vasto quanto l’universo: la natura e il nostro rapporto con lei. Dopo anni trascorsi in solitudine nella foresta a studiare gli alberi e la botanica, Pat Westerford fa una scoperta che potrebbe essere l’alfa e l’omega della natura, la scoperta del mistero del mondo: gli alberi tra loro comunicano. Intorno a Pat si intrecciano i destini di nove personaggi che a poco a poco convergono in California dove una sequoia è seriamente minacciata di essere distrutta. Il sussurro del mondo è un romanzo per tutti coloro che non accettano la separa- zione tra l’uomo e la natura, e il presunto dominio dell’uomo sulla natura e che anzi sperano che l’uomo possa fare ritorno “a casa”.

«Se Powers fosse uno scrittore del diciannovesimo secolo chi sarebbe stato? Herman Melville e avrebbe scritto Mont Dick.»
Margaret Atwood

«Un romanzo monumentale sugli alberi e sul legame delle persone con gli alberi.»
The New York Times Book Review

L’autore

Richard Powers è autore di 12 romanzi, ha ricevuto numerosi premi tra cui il MacArthur Fellowship e il National Book Award, è stato già finalista al premio Pulitzer nel 2007 e per ben 4 volte al National Book Critics Circle Award. Vive ai piedi della Great Smoky Mountains.

Hanno detto di questo libro

«Se Richard Powers fosse uno scrittore del diciannovesimo secolo chi sarebbe?
Herman Melville e avrebbe scritto Moby Dick
Margaret Atwood

«Un capolavoro, un romanzo straordinario.»
Kirkus Reviews

«Un romanzo monumentale.»
The New York Times Book Review

«Il miglior romanzo mai scritto sugli alberi,
uno dei romanzi più belli dell’ultimo decennio.»
Ann Patchett

«Un libro straordinario, stupefacente.»
The Guardian

Titolo: Il sussurro del mondo
Autore: Richard Powers
Genere: Romanzo
Casa editrice: La nave di Teseo
Pagine: 670
Prezzo ed. cartacea: 22,00€


Disponibile dal 23 maggio 2019!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Il trafficante

Il trafficante è un thriller frutto dell’esperienza giornalistica di Jorge Fernández Díaz, scrittore e giornalista di lingua spagnola tra i più ...
Leggi Tutto

Gli incurabili romantici

“Anche se lo volessi non saprei dove andare a cercare le lacrime. Piango per gli altri. Per me stessa, invento.” ...
Leggi Tutto

Nel silenzio dello nostre parole

Non c’è morte che non presupponga una rinascita. Imparare a decifrarla può dare un senso a tutto ciò che resta ...
Leggi Tutto

Biografood: i libri de Le Cesarine

Solitamente, non tratto molto di libri di cucina... a meno che non ci sia qualcosa di particolare (come Tredici donne a ...
Leggi Tutto

Amore

Amore racconta la storia di Vibeke e Jon che sono madre e figlio, appena arrivati in un paesino dell’estremo nord ...
Leggi Tutto

Ultimo tango all’ortica

È una sera umida di fine agosto, alla periferia di Milano. Sotto le luci intermittenti della balera dell’Ortica, tutti gli ...
Leggi Tutto

Il sussurro del mondo

Dopo "Less" l'anno scorso, La nave di Teseo pubblica il nuovo premio Pulitzer per la narrativa: Il sussurro del mondo ...
Leggi Tutto

La grammatica della corsa

Da quando è partito poco più che ventenne da Pressi del Lago, Martti Corvara non ha combinato un granché. A distanza ...
Leggi Tutto

I leoni di Sicilia

Dal momento in cui sbarcano a Palermo da Bagnara Calabra, nel 1799, Paolo e Ignazio Florio guardano avanti, irrequieti e ambiziosi, ...
Leggi Tutto
Precedente Più donne che uomini recensione Successivo Il mistero del treno azzurro recensione