Ci vuole un albero per salvare la città

A ottant’anni Francis Hallé è ancora sugli alberi per combattere il degrado urbano: Ci vuole un albero per salvare la città.

Ci vuole un albero per salvare le città ormai assediate dall’inquinamento, dal cemento, dal calore, dagli insetti, dal rumore. Un albero sembra una cosa da poco, una soluzione semplice, da fiaba, per gente un po’ ingenua e premoderna che non ama la tecnologia. Invece, dice Francis Hallé, non esiste nessuna tecnologia che sia complessa e perfetta come quella di un albero. Sono esseri viventi che non hanno la possibilità di muoversi e dunque hanno sviluppato strategie estremamente sofisticate per sopravvivere. Vivono a lungo, in modo pacifico, e possono aiutarci a stare meglio: la loro ombra rinfresca le nostre estati estive; aumentano l’umidità dell’aria e dunque abbassano la temperatura; assorbono l’anidride carbonica e le polveri sottili, e molte altre cose ancora. Dobbiamo imparare a rispettarli e ad amarli, pensare a loro come nostri amici e compagni, cittadini del mondo, silenziosi e saggi guardiani delle nostre vite.

L’autore

Francis Hallé (1938) è un biologo francese tra i massimi esperti mondiali di botanica tropicale.

Padre, insieme a Roelof Oldeman, della cosiddetta “architettura arborea”, da oltre cinquant’anni osserva la vita delle foreste pluviali del Sudamerica e dell’Africa.

Ha guidato tra il 1986 e il 2001 l’avveniristico Radeau des cime: 300mq di materiale gonfiabile appeso a un dirigibile, un vero e proprio laboratorio scientifico sospeso, utilizzato per la prima volta sulla foresta della Guyana.

Nel 1999 diventa Professore emerito all’Università di Montpellier.

Nel 2013 è protagonista di Il était une forêt, il docu-film di Luc Jacquet, già premio Oscar con La marcia dei pinguini.

Titolo: Ci vuole un albero per salvare la città
Autore: Francis Hallé
Genere: Varia
Casa editrice: Ponte alle Grazie
Pagine: 118
Prezzo ed. cartacea: 11,00€


Disponibile dal 20 settembre 2018!


Scopri altre novità in libreria al momento:

L’ospite crudele

L’ospite crudele, romanzo d’esordio dell’inglese Rebecca Fleet, si inserisce nel filone del domestic thriller, uscendo però dal comfort dell’ambiente familiare e ...
Leggi Tutto

Stranger Things Il sottosopra

Arriva in Italia la prima graphic novel ufficiale di Stranger Things, la serie Netflix diventata ormai cult (e manca poco ...
Leggi Tutto
L'imprevedibile movimento dei sogni novità

L’imprevedibile movimento dei sogni

L'imprevedibile movimento dei sogni, dal soggetto per un film che ha vinto il Figari Film Fest per il cinema indipendente ...
Leggi Tutto
darkness novità

Darkness

Ecco Darkness, il nuovo romanzo di Leonardo Patrignani. Haly Foster ha un piano. Un piano infallibile che finalmente la porterà ...
Leggi Tutto

Le amiche di Jane

La collana Passaparola si arricchisce di un nuovo titolo: Le amiche di Jane. Come ci si trasforma in persone adatte ...
Leggi Tutto
sarà una lunga notte novità

Sarà una lunga notte

Quando il commissario Jules Léger, della polizia giudiziaria di Parigi, arriva al Terminal 2 dell’aeroporto Charles de Gaulle, il mal ...
Leggi Tutto

Ninfa dormiente

"Li chiamano «cold case», e sono gli unici di cui posso occuparmi ormai. Casi freddi, come il vento che spira ...
Leggi Tutto

Pretty Little Liars: The Perfectionist

Non bisogna essere perfette per sembrare perfette. Lo sanno bene Ava, Caitlin, Mackenzie, Julie e Parker: cinque studentesse modello della ...
Leggi Tutto

Il trafficante

Il trafficante è un thriller frutto dell’esperienza giornalistica di Jorge Fernández Díaz, scrittore e giornalista di lingua spagnola tra i più ...
Leggi Tutto
Precedente L'uomo che odiava Sherlock Holmes recensione Successivo Il segreto del faraone nero