Ci vuole un albero per salvare la città

A ottant’anni Francis Hallé è ancora sugli alberi per combattere il degrado urbano: Ci vuole un albero per salvare la città.

Ci vuole un albero per salvare le città ormai assediate dall’inquinamento, dal cemento, dal calore, dagli insetti, dal rumore. Un albero sembra una cosa da poco, una soluzione semplice, da fiaba, per gente un po’ ingenua e premoderna che non ama la tecnologia. Invece, dice Francis Hallé, non esiste nessuna tecnologia che sia complessa e perfetta come quella di un albero. Sono esseri viventi che non hanno la possibilità di muoversi e dunque hanno sviluppato strategie estremamente sofisticate per sopravvivere. Vivono a lungo, in modo pacifico, e possono aiutarci a stare meglio: la loro ombra rinfresca le nostre estati estive; aumentano l’umidità dell’aria e dunque abbassano la temperatura; assorbono l’anidride carbonica e le polveri sottili, e molte altre cose ancora. Dobbiamo imparare a rispettarli e ad amarli, pensare a loro come nostri amici e compagni, cittadini del mondo, silenziosi e saggi guardiani delle nostre vite.

L’autore

Francis Hallé (1938) è un biologo francese tra i massimi esperti mondiali di botanica tropicale.

Padre, insieme a Roelof Oldeman, della cosiddetta “architettura arborea”, da oltre cinquant’anni osserva la vita delle foreste pluviali del Sudamerica e dell’Africa.

Ha guidato tra il 1986 e il 2001 l’avveniristico Radeau des cime: 300mq di materiale gonfiabile appeso a un dirigibile, un vero e proprio laboratorio scientifico sospeso, utilizzato per la prima volta sulla foresta della Guyana.

Nel 1999 diventa Professore emerito all’Università di Montpellier.

Nel 2013 è protagonista di Il était une forêt, il docu-film di Luc Jacquet, già premio Oscar con La marcia dei pinguini.

Titolo: Ci vuole un albero per salvare la città
Autore: Francis Hallé
Genere: Varia
Casa editrice: Ponte alle Grazie
Pagine: 118
Prezzo ed. cartacea: 11,00€


Disponibile dal 20 settembre 2018!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Madonna col cappotto di pelliccia

Ci sono incontri casuali in grado di segnare un’intera esistenza. E ci sono storie che restano segrete per una vita ...
Leggi Tutto

L’illusione della fenice

Il romanzo è diviso in tre storie che si svolgono in luoghi geografici diversi e in momenti storici differenti. Tre ...
Leggi Tutto

L’arte di sparire

Il giovane Marco Nidal si trova coinvolto in un caso di sparizioni seriali di persone, tra le quali suo padre ...
Leggi Tutto

Sperando che il mondo mi chiami

Carolina Altieri ogni mattina si sveglia all'alba per andare al lavoro. Indossa abiti impeccabili, esce di casa, sale su un ...
Leggi Tutto

Se i pesci guardassero le stelle

«Una storia incantevole, che fa sognare e riempie il cuore!» Nicolas Barreau Samuele ha trent’anni, una gran voglia di essere ...
Leggi Tutto

Sogni e favole

Roma, 1983. Il Novecento brilla ancora. Emanuele, neppure ventenne, lavora in un cineclub del centro. Una notte, al termine di ...
Leggi Tutto

Sette giorni perfetti

Si incontrano per caso in un caldo pomeriggio di giugno alla fermata dell'autobus e fin dal primo momento Sarah e ...
Leggi Tutto

Cucinare un orso

Corre l’anno 1852 e nel profondo nord della Svezia tuona la parola di Læstadius, carismatico pastore di origini sami che ...
Leggi Tutto

Echi da un destino sospeso

Romanzo nel romanzo, Echi da un destino sospeso è la storia dell'incontro tra Camilla, giovane scrittrice, e Valerio, un uomo ...
Leggi Tutto
Precedente L'uomo che odiava Sherlock Holmes recensione Successivo Il segreto del faraone nero