Chicago

Chicago a cavallo fra gli anni Venti e Trenta: una città divisa fra il North Side controllato dagli irlandesi e il South Side di Al Capone; sullo sfondo, i vizi e le perversioni dell’al­ta società, la corruzione dei politici. Mike Hodge, veterano della prima guerra mondiale e giornalista di cronaca al Tribune, e i suoi colleghi fanno un quotidiano sfoggio di cinismo e si mantengono fedeli al voto fatto alla Verità, per quanto essa sia quasi sempre impubblicabi­le; e si danno, come tutti, a colossali bevute di alcol di contrabbando.

Ma quando Mike si troverà coinvolto nell’assassinio della donna che ama, la sua vita e il fragile equilibrio su cui si reggeva verranno travolti…

David Mamet ci catapulta nell’Ame­rica di cento anni fa con una natura­lezza stupefacente. Raffiche di dialoghi spumeggianti, un’incredibi­le galleria di personaggi memorabi­li, invenzioni narrative brillanti, una cura dei dettagli che sfida l’atten­zione del lettore. Chicago è un romanzo da divorare, un giallo, un noir, ma anche molto di più: una giostra di passioni che possono sconvolgere la vita di un uomo, amore e desolazione, colpa e ven­detta, perdizione e riscatto. Mamet si conferma un autentico Maestro della parola: è impossibile non farsi trascinare, impossibile resistere al vortice frenetico di Chicago.

L’autore

David Mamet (Chicago, 1947) è autore teatrale fra i più importanti al mondo, premio Pulitzer nel 1984 per Glengarry Glen Ross. Oltre che al teatro si è molto dedicato anche al cinema sia come sceneg­giatore (basti qui ricordare Il postino suona sempre due volte, Bob Rafel­son 1981; Il verdetto, Sidney Lumet 1982; Gli intoccabili, Brian De Palma 1987, le cui atmosfere naturalmente ritornano in Chicago; Sesso & potere, Barry Levinson 1997; Ronin, John Frankenheimer 1998; Hannibal, Ridley Scott 2001) sia come regista (il suo esordio La casa dei giochi vinse il premio per la sceneggiatura al Festival di Venezia nel 1987).

È anche un prolifico saggista. Meno frequenti le sue incursioni nella narrativa: Chicago è il romanzo che prepara da vent’anni.

Hanno detto di questo libro

«Per ambizione e portata, Chicago fa pensare ai grandi romanzieri uomini dell’ultimo scorcio di secolo – Updike, Mailer, Bellow, Roth – e ai loro tentativi di scrivere romanzi di genere. Ma, diversamente da loro, Mamet ci riesce con disinvoltura… Il mondo di Chicago è brutale e meravigliosamente descritto… Un Cormac McCarthy traslocato dal Sudovest al Midwest.»
Los Angeles Times

«Fra gli autori a lui coevi, Mamet
è il più vicino a Ernest Hemingway
New York Magazine

«Nessuno ha il suo orecchio per i dialoghi
dai tempi di J.D. Salinger.»
Village Voice

Titolo: Chicago
Autore: David Mamet
Genere: Romanzo
Casa editrice: Ponte alle Grazie
Pagine: 286
Prezzo ed. cartacea: 16,80€


Disponibile da novembre 2018!


Scopri altre novità in libreria al momento:

Quasi un uomo

Il protagonista di questo romanzo è Alex Metz: un uomo che ‘si comportava come se fosse bello ed elegante’, anche ...
Leggi Tutto

Una principessa in fuga

Priscilla ha ventun anni e vive in un granducato mitteleuropeo ai confini con l’Italia. A differenza delle sorelle, non si ...
Leggi Tutto

Una canzone per te

«Queste canzoni parlano per noi, non solo di noi.» LINUS Questo è un libro che racconta la vita, anzi la ...
Leggi Tutto

Somnium

Una nuova vita, una nuova dimensione e una minaccia in agguato nel nuovo romanzo di Feliscia Silva e Gloria Credali: Somnium. «Ora ...
Leggi Tutto

Cardinal

Ad Algonquin Bay, tranquilla cittadina vicino a Toronto, la neve dell’inverno ha ricoperto ogni cosa. Anche il corpo mutilato della ...
Leggi Tutto

L’emporio dei piccoli miracoli

Tre giovani ladri un po’ pasticcioni – Shōta, Kōhei e Atsuya – hanno appena svaligiato una casa in una cittadina ...
Leggi Tutto

Gli amici silenziosi

Inghilterra, 1865. Rimasta improvvisamente vedova e incinta del primo figlio, la giovane e inquieta Elsie parte insieme alla cugina del ...
Leggi Tutto

Novità Libri Novembre 2018

Al momento puoi trovare le novità di queste case editrici con le quali collaboro (ordine alfabetico): DeA Planeta; Fazi; La ...
Leggi Tutto

La segretaria

È passato molto tempo dal nostro ultimo incontro, perciò le concedo un momento per riprendersi. Ha l'aria stanca. Sorrido.«Caffè?» Christine ...
Leggi Tutto
Precedente Cosa farebbe Frida Kahlo? Successivo Il colombo d'argento