Novità libri Ottobre 2017

L’articolo è in costante aggiornamento durante il corso di tutto il mese, quindi ricorda di passare di quando in quando per verificare le novità. Gli eventuali dati mancanti verrano colmati di volta in volta. 

Al momento puoi trovare le novità di queste case editrici con le quali collaboro (ordine alfabetico):

  • Fazi;
  • Longanesi; 
  • L’orma;
  • Marsilio.

Il prezzo e il numero di pagine fa riferimento all’edizione cartacea dell’immagine indicata.
In questa rubrica, sono presenti le novità delle case 
editrici con le quali collaboro. Se vuoi segnalarmi una novità, visita la sezione “Contatti“. Grazie!

Novità libri Ottobre 2017

Fazi

 

Elizabeth si stabilisce con le tre figlie nell’ex convento di proprietà del marito in Pomerania e si dedica alla ristrutturazione dell’edificio innamorandosi perdutamente del giardino. Mentre le stagioni si susseguono, passeggia con le figlie April, May e June, s’intrattiene con le signore dell’alta borghesia locale e con la famiglia dei vicini, si sofferma sulle dinamiche dei rapporti con il marito, ospita le due amiche Irais e Minora nella sua tenuta. Le loro conversazioni sono brillanti e conflittuali, i loro rapporti uni- scono amicizia, rivalità e solidarietà femminile nella ricerca dell’indipendenza e dell’espressione di sé.

Titolo: Il giardino di Elizabeth
Autori: Elizabeth Von Armin
Pagine: 180
Prezzo ed. cartacea: 16,50€
In libreria dal 5 ottobre

Nikolaj è un agente di polizia che si occupa della sorveglianza in un luogo di detenzione temporanea per alcolizzati e disturbatori della quiete pubblica. Sua moglie Valentina lavora da trent’anni nella biblioteca cittadina. Vivono in un appartamento di servizio assegnato loro dal comune insieme ai due figli ventenni, Artëm e Denis. Tutto precipita quando Nikolaj perde il lavoro a causa di una grave negligenza. Le conseguenze sono devastanti: la famiglia è costretta a trasferirsi in campagna, nella catapecchia di una vecchia zia. È solo l’inizio di una serie di catastrofi che porteranno alla distruzione totale della famiglia…

Titolo: L’ultimo degli Eltyšev
Autori: Roman Senchin
Pagine: 288
Prezzo ed. cartacea: 16,50€
In libreria dal 5 ottobre

Dai campi sportivi improvvisati nelle piazze e nelle vie della Trastevere degli anni Cinquanta, all’approdo in prima squadra nella mitica Lazio di Giorgio Chinaglia, fino alla Nazionale: la carriera di Bruno Giordano è una giostra, dalle vette professionali ai bassifondi del coinvolgimento nella vicenda del calcio scommesse. Non meno altalenante la sua vita privata: un matrimonio giovanile sbagliato che lo tormenterà per anni; la sorella tossicomane che, alla morte, gli lascia un figlio da crescere; il tragico incidente stradale nel quale perse la madre. In questa biografia avvincente come un romanzo, Governi ci regala non solo il profilo di un calciatore, ma il ritratto di un personaggio che porta con sé una scheggia di storia italiana.

Titolo: Bruno Giordano – Una vita sulle montagne russe
Autori: Giancarlo Governi
Pagine: 240
Prezzo ed. cartacea: 15,00€
In libreria dal 5 ottobre

Mosca, 1938. Il giovane Kostja uccide Tulaev, membro del comitato centrale del Partito Comunista. In seguito all’attentato, la polizia segreta organizza la ricerca non tanto dell’esecutore materiale, quanto dei responsabili morali che, con il loro atteggiamento critico verso lo stalinismo, avrebbero contribuito a creare il clima in cui è maturato il delitto. Cinque sono i colpevoli designati e a tutti costoro, rivoluzionari di provata fede, sono rivolte le accuse più fantasiose e infamanti e si chiede il sacrificio supremo per una causa alla quale hanno già sacrificato tutto. Nel clima di terrore e menzogna che Serge riesce così mirabilmente a ricostruire, uomini irreprensibili arrivano al punto di riconoscersi colpevoli dei peggiori crimini e, per una rivoluzione che è pur sempre la loro, preferiscono morire disonorandosi piuttosto che denunciare gli orrori del regime alla borghesia internazionale.

Titolo: Il caso Tulaev
Autori: Victor Serge
Pagine: 400
Prezzo ed. cartacea: 18,00€
In libreria dal 12 ottobre


Longanesi

Dopo aver conquistato milioni di fan sui social, Insanity Page arriva in libreria con un libro divertente che cavalca quello che è sicuramente uno dei cavalli di battaglia della pagina: l’ansia. Sfogliandolo riscopriremo una verità incontrovertibile: se l’Amore è cieco e la Sfiga ci vede benissimo, tanto vale prenderla a ridere.

In questo volume Insanity Page esplorerà ogni anfratto delle nostre ansie più inconfessabili, dall’amore alla dieta, dall’insonnia alla superstizione. #Ciollansia alterna aforismi irriverenti, un oroscopo e un calendario molto particolari e le vignette inedite di due illustratrici molto amate dal web (Elena Triolo di Carote e Cannella e la messicana Mayuli diDibujando los dìas). I lettori potranno inoltre interagire completando un test introduttivo per “misurare” il proprio livello ansiogeno, rispondere ai quiz a tema, completando i giochi e scarabocchiando le proprie ansie nell’apposito “Ansiogram”.

Titolo: #ciollansia
Autori: Andrea Cerrone
Pagine: 200
Prezzo ed. cartacea: 10,00€
In libreria dal 6 ottobre

La battaglia di Caporetto è stata la più grave sconfitta della storia italiana, che solo il sacrificio di migliaia e migliaia di ragazzi, spesso rimasti senza nome, non ha trasformato in una disfatta definitiva. Fu l’epicentro di trenta mesi di guerra condotta con scarso criterio ed enorme disprezzo della vita umana. Tra gli intrighi della politica e della massoneria, un governo ostaggio del comandante in capo Cadorna, l’uomo sbagliato nel posto sbagliato, e gli errori strategici di Badoglio, milioni di contadini, operai e artigiani, poco addestrati e male armati, vennero mandati al massacro contro le micidiali mitragliatrici austriache. Così il 24 ottobre 1917 l’Italia fu a un passo dalla resa e tuttavia, nel momento più difficile, scattò in tantissimi il desiderio di non darla vinta al nemico storico.

In un libro che affronta uno degli episodi chiave della Prima Guerra Mondiale dal punto di vista politico, militare, ma anche umano, Alfio Caruso racconta i giorni dell’angoscia per bloccare i commandos del giovanissimo Rommel, la battaglia casa per casa di Udine, l’estrema resistenza sul Piave, la controversa sostituzione di Cadorna con Diaz e il salvataggio di Badoglio grazie agli incantesimi della massoneria. Fino a quando il costante logorio delle armate austro-tedesche consentì all’Italia di respingere, nell’estate del 1918, l’estrema offensiva e di avviare il contrattacco risolutore.

Titolo: Caporetto – L’Italia salvata da ragazzi senza nome
Autori: Alfio Caruso
Pagine: 300
Prezzo ed. cartacea: 18,60€
In libreria dal 6 ottobre

Con L’amore è un difetto meraviglioso, il suo romanzo d’esordio, Graeme Simsion aveva emozionato milioni di lettori di oltre quaranta paesi del mondo, raccontando le avventure umane e sentimentali di un giovane affetto dalla sindrome di Asperger e trovando sostenitori del calibro di Bill Gates (“Un autore straordinariamente intelligente, divertente e trascinante, che ti riconcilia con te stesso e con le tue capacità”). In questo nuovo romanzo, Nell’aria la nostra canzone, Simsion parla al cuore di tutte quelle persone, più o meno giovani, che devono fare i conti con sogni e delusioni della vita. E con quelle scelte che possono sembrare a distanza di anni delle opportunità mancate.

Adam Sharp dovrebbe essere felice. Ha quarant’anni, una solidità economica che gli permette di prendersi una pausa dal lavoro, una passione per la musica mai sopita, e una compagna, Claire, con cui ha un rapporto stabile e duraturo. Ma la verità è che nella vita certi rimpianti, certe occasioni non colte, non lasciano mai la presa. Con Claire l’amore si affievolisce giorno dopo giorno, senza clamore, ed è quasi sul punto di evaporare. E il passato torna a bussare alla porta nella figura di Angelina, un’australiana, come lui amante della musica, di cui si era perdutamente innamorato quando aveva ventisei anni. Un amore bruciante, passionale, ma pieno di incomprensioni. E di fatali incertezze da parte di Adam, che da allora ha sempre segretamente pensato di aver perso l’occasione della sua vita. Per questo, quando Angelina si rifà viva dopo tutti quegli anni e gli chiede di vedersi, Adam sente di doversi concedere una seconda chance. E riavere tutta la musica dell’amore perduto. Riprendere la loro canzone interrotta. Ma la differenza tra inseguire i propri sogni e cercare di mettere a tacere la nostalgia è sottile.

Titolo: Nell’aria la nostra canzone
Autori: Graeme Simsion
Pagine: 380
Prezzo ed. cartacea: 18,60€
In libreria dal 13 ottobre

Dopo Putin e la ricostruzione della Grande Russia, Sergio Romano torna con un nuovo saggio su un’altra figura emblematica e controversa dei nostri tempi, Donald Trump, ripercorrendo le dinamiche della sua ascesa al potere e provando a delineare il futuro della politica americana e dell’Occidente.

L’uomo che ha vinto le elezioni presidenziali americane dello scorso novembre è più vecchio di tutti i suoi predecessori. Ma è anche un presidente post-moderno, capace di usare con grande destrezza le tecniche di un mondo digitale, le seduzioni della televisione e tutti gli strumenti più raffinati della finanza moderna. Pochi uomini politici sono stati così tanto detestati dall’opinione pubblica liberale e democratica degli Stati Uniti. Ma, del resto, pochi uomini sono stati altrettanto osannati dalle folle deliranti dei sostenitori.

Con una campagna elettorale piena di minacce e promesse, spesso ribaltando da un giorno con l’altro le sue posizioni, Trump è riuscito a ottenere l’elezione alla Casa Bianca ma non a imporsi come punto di riferimento nel contesto mondiale. Può un tale uomo guidare una grande potenza mondiale e preservarne l’autorità nel mondo, o è destinato ad accelerarne il declino?

Titolo: Trump
Autori: Sergio Romano
Pagine: 170
Prezzo ed. cartacea: 17,60€
In libreria dal 20 ottobre

Un lungo e appassionante viaggio nella storia dell’architettura italiana del secondo dopoguerra. Un itinerario ricco di legami e di scambi con le arti figurative, di relazioni (ma anche scontri) con la critica e la cultura dell’epoca. Con la consueta precisione e competenza, Cesare de Seta ci racconta i percorsi biografici e professionali dei protagonisti della scena architettonica del secondo dopoguerra, da Ridolfi a Rogers, da Belgiojoso a Michelucci, da Samonà a Scarpa, generazione definita dall’autore come quella dei “maestri”, che, tra rinnovamento e tradizione, hanno progettato case, edifici e spazi pubblici, ridisegnando il paesaggio urbano contemporaneo.

Dopo la Seconda guerra mondiale, l’architettura è andata incontro a fasi di profonda trasformazione, sotto il profilo funzionale, linguistico e tecnologico. È con la nascita della Repubblica, infatti, che il tema della ricostruzione si riverbera nel dibattito politico e accende polemiche e discussioni sulle più importanti riviste, da «Metron» a «Comunità», da «La Nuova Città» a «Domus», a «Casabella». A partire dagli Sessanta va maturando una seconda generazione di architetti con interessi sempre più aperti verso gli Stati Uniti d’America. Tra le figure dal carattere più originale spicca Gino Valle, protagonista dell’architettura del “miracolo economico”. Emergono poi Renzo Piano e Richard Rogers che con il Centre Pompidou a Parigi segnano la scena internazionale. Renzo Piano, nonostante progetti edifici disseminati per il mondo, è la personalità più dotata di un’architettura che resta italiana per la sua identità sempre ancorata alla storia del suo paese d’origine.

Tenendosi lontano dalle trattazioni istituzionali e manualistiche, de Seta ci regala pagine dense di riferimenti e notizie, arricchite da foto e illustrazioni, che partono dall’eredità del ventennio fascista, illuminano il contrasto tra realismo e astrattismo degli anni Cinquanta, fino alla stagione del miracolo economico, al ’68 e infine all’affacciarsi delle nuove generazioni.

Titolo: La civiltà architettonica in Italia dal 1945 a oggi
Autori: Cesare de Seta
Pagine: 390
Prezzo ed. cartacea: 42,00€
In libreria dal 20 ottobre


L’orma

Romanzo felice e carnale, La chiara fontana narra – in stato di grazia – l’arte di un’epoca, la forza dei sensi e l’esultanza del corpo. Luglio 1873: il grande pittore realista Gustave Courbet – autore della famigerata Origine del mondo al centro di mille scandali – inizia il suo esilio in Svizzera. È stato tra i protagoni­sti dell’irripetibile stagione della Comune di Parigi e ha contribuito all’abbattimento della colonna Vendôme, simbolo del più tronfio imperialismo. Condannato a risarcire i danni e a scontare sei mesi di galera in una Francia insanguinata dalla reazione, Courbet ha scelto la fuga, ossia la libertà. E proprio come «la conseguenza di una libertà» David Bosc racconta gli ultimi quattro anni di vita di questo colosso della pittura, una libertà che è «dovere di governare se stessi» e coincide con le gioie, pure e contagiose, dell’arte e della Natura. Con una lingua luminosa, Bosc alterna in un vivace montaggio documenti, testimonianze e lucida immaginazione per consegnarci un modello di etica pratica e sensoriale, il ritratto di un uomo schietto, generoso, lontanissimo da ogni mitologia della genialità. La vita ebbra e consapevole di un artigiano del sublime.

Titolo: La chiara fontana
Autori: David Bosc
Pagine: 128
Prezzo ed. cartacea: /
In libreria dal 5 ottobre


Marsilio

L’esordio di Midge Raymond è un romanzo “ecologico”, una storia d’amore ambientata nello scenario più remoto della Terra, il bellissimo, glaciale e crudele Antartico, minacciato dall’avidità degli uomini e dal turismo di massa.

Deb è una scienziata naturalista che studia le comunità dei pinguini al Polo Sud e che, nel tempo libero, fa da guida ai turisti. È qui, in questa terra desertica ed esotica, dove le notti perenni si alternano a quelle bianche, che incontra Keller, un ex avvocato dal passato doloroso. I due condividono la passione per le esplorazioni tra i ghiacci e per lo studio delle abitudini degli animali, e così, gradualmente e quasi inavvertitamente, nasce l’amore. Ma il loro è un legame difficile: hanno vite molto diverse, solo per pochi mesi all’anno si possono riunire nel continente che adorano. E anche il destino, con le sue impreviste tragedie, li attende in agguato.

Titolo: L’ultimo continente
Autori: Midge Raymond
Pagine: 384
Prezzo ed. cartacea: 18,00€
In libreria dal 5 ottobre

Nel corso di una vacanza nelle lande desertiche dell’entroterra islandese, Hrafn, Vigdís, Egill e Anna – due coppie di trentenni di Reykjavík, vittime della crisi finanziaria e in cerca di un momentaneo sollievo dalle loro preoccupazioni – si perdono con la loro jeep in una zona isolata, dove è impossibile chiedere aiuto. Quando si alza una nebbia densa e scura, i quattro perdono la pista battuta e all’improvviso sbattono contro una casa in muratura. Gli anziani abitanti li accolgono per la notte, ma fuori dalla casa sembra annidarsi una minaccia. Sono le volpi artiche o è qualcosa di più inquietante? E il pericolo è solo all’esterno o anche tra le pareti di quell’apparente rifugio, in un’amicizia che nasconde contraddizioni e tensioni irrisolte?

Titolo: Il silenzio dell’altopiano
Autori: Steinar Bragi
Pagine: 304
Prezzo ed. cartacea: 18,00€
In libreria dal 5 ottobre

Tracy Waterhouse, ex poliziotta ora capo della sicurezza in un centro commerciale di Leeds, è una cittadina irreprensibile, sola e fragile. Fino al giorno in cui, seguendo un impulso a dir poco azzardato, decide di fare un acquisto non propriamente legale: una bambina di quattro anni, finita nelle mani di una prostituta che Tracy aveva già avuto modo di arrestare. Da quel momento, la routine della sua vita si trasforma in modo drammatico, rintrecciandosi a una sordida vicenda del suo passato, agli anni in cui Jack Lo Squartatore mieteva vittime a Leeds e dintorni, e che vede coinvolti ex colleghi che hanno scalato i vertici del Dipartimento di Polizia. Sulle sue tracce, il detective privato Jackson Brodie, ex militare e poliziotto, quattro relazioni fallite alle spalle, Emily Dickinson come nume tutelare, appena rientrato nello Yorkshire per rintracciare i genitori naturali di una bambina adottata molti anni prima. A tutti i protagonisti di questa tormentata e ilare vicenda sarà presto chiaro che il passato non si cancella, e che le buone azioni non restano impunite.

Titolo: Tutti i bambini perduti
Autori: Kate Atkinson
Pagine: 432
Prezzo ed. cartacea: 18,50€
In libreria dal 12 ottobre

I genitori hanno perso la capacità di educare e influenzare i figli. Non hanno più alleati nella società e tra i vari agenti educativi (scuola, altri genitori, cultura, tv, chiesa) e sono rimasti soli. Antonio Polito avvia con questo libro una vera e propria campagna culturale urgente e necessaria, in nome dell’emergenza educativa. Non solo autocritica, la sua, ma un’analisi costruttiva delle forme di solitudine e di allontanamento (i figli sedotti come consumatori al centro del mercato, immersi in una cultura della gratificazione istantanea). L’autore delinea in queste pagine un possibile percorso di «riconquista» e di riaffermazione del ruolo rifondando il più classico compito dei genitori: la trasmissione di cultura, comportamenti e forme di esperienza, prima attraverso la lingua (si comincia a cedere sulle parole, poi si cede su tutto il resto), continuando con i sistemi valoriali (fede, etica, filosofia, politica, economia).

Titolo: Riprendiamoci i nostri figli
Autori: Antonio Polito
Pagine: 256
Prezzo ed. cartacea: 16,00€
In libreria dal 12 ottobre

Cosa succede quando uno dei più noti scrittori tedeschi, di fede islamica, s’immerge nel mondo dell’arte cristiana? Navid Kermani ci conduce alla scoperta di una religione fatta di sacrificio e sofferenza, amore e miracoli, un credo irrazionale, abissale, profondamente umano e divino: un cristianesimo al quale gli stessi cristiani s’interessano ormai di rado con la stessa serietà, la stessa audacia, lo stesso entusiasmo. Con la curiosità aperta di un non credente, Navid Kermani si confronta con l’arte cristiana: combatte con la croce, si innamora di fronte a Maria, sperimenta la messa ortodossa e rimane abbagliato dalla grandezza di San Francesco. Insegna a interrogarsi sulla vita presente attraverso le immagini di maestri come Botticelli, Caravaggio e Rembrandt con un occhio intelligente per i dettagli essenziali e le relazioni sottostanti a mondi apparentemente remoti, alla letteratura e all’Islam mistico. Una prospettiva unica sul cristianesimo e assieme una brillante lettura islamica dell’Occidente.

Titolo: Lo stupore e la bellezza
Autori: Navid Kermani
Pagine: 320 (con 42 illustrazioni a colori)
Prezzo ed. cartacea: 16,00€
In libreria dal 12 ottobre

Ai piani alti della polizia di Copenaghen ci si lamenta dello scarso rendimento della Sezione Q. Il compito di difenderla dalle accuse è affidato a Rose, ma l’assistente di Carl Mørck sta affondando nei ricordi di un drammatico episodio del suo passato. Intanto, in un parco di Copenaghen viene ritrovato il cadavere di un’anziana signora, mentre qualcuno al volante di un’auto in corsa si lancia all’inseguimento di una ragazza. Carl, il fido Assad e una Rose a mezzo servizio, impegnati in un nuovo cold case di difficile soluzione, dovranno lottare per impedire che la Sezione Q venga smantellata e per porre fine alla serie di crimini che sta scuotendo Copenaghen.

Titolo: Selfie
Autori: Jussi Adler-Olsen
Pagine: 528
Prezzo ed. cartacea: 19,00€
In libreria dal 19 ottobre

A Osijek, sull’argine del fiume Drava, viene trovato il cadavere di una ragazzina. L’assenza di segni di violenza e il fatto che sia incinta accreditano l’ipotesi del suicidio. A identificarla è Sanja, la sua compagna di stanza in orfanotrofio, che telefona al quotidiano locale dopo aver letto la notizia. Intercetta la chiamata Stribor Kralj, che partendo dalle rivelazioni di Sanja si tuffa nel caso insieme all’ispettore Vladimir Kovac. Grazie all’aiuto di un bambino autistico, i due riusciranno a scoprire le relazioni tra le morti sospette in orfanotrofio e gli ambienti più in vista della società cittadina, e riapriranno il finale di una campagna elettorale che sembrava già scritta.

Titolo: Silenzio elettorale
Autori: Drago Hedl
Pagine: 400
Prezzo ed. cartacea: 18,50€
In libreria dal 19 ottobre

Gli animali non sono macchine. Provano sentimenti profondi solo in parte determinati dall’istinto. E li esprimono secondo rituali dell’istinto ma anche con una soggettività che nasce dalle esperienze e dall’intensità con la quale li provano. Essi si radicano nel loro animo e lo modificano. Ogni animale ha la sua personalità, e lo sanno tutti quelli che vivono con un cane, un gatto, un uccello. Verità primordiale acquisita dalla scienza. La poesia – verso, narrazione, musica, immagine – è un altissimo strumento per capire, oltre che per affrontare, il mondo e la vita: manifesta e narra tale verità. Nelle pagine del libro incontriamo delfini, balene, orche, cani, lupi, gatti, asini, cavalli, volpi, elefanti, cervi, giovenche, buoi, maiali, cinghiali, caproni, capre, agnelli, tigri, leoni, pantere, furetti, scimmie, scoiattoli, foche, topi, ricci, pipistrelli, usignoli, allodole, cuculi, cigni, albatri, falchi, aquile, gufi, civette, gazze, cardellini, anatre, oche, galline, galli, capponi, pappagalli, corvi, colombe, rondini, alcioni, gabbiani, pavoni, api, formiche, zanzare, ragni, rane, serpenti, pesci, seppie. Draghi e creature fantastiche che condividono le due nature: centauri, fauni, driadi, cavalli alati. Dei e le loro metamorfosi. Cantori divini che con la musica ammaliano bestie, piante, pietre.

Titolo: Il canto degli animali
Autori: Paolo Isotta
Pagine: 416
Prezzo ed. cartacea: 24,00€
In libreria dal 19 ottobre

Jesper Humlin è uno dei poeti più rispettati della sua generazione, ma gli encomi sembrano venire più dalla critica che dai lettori. In attesa di nuova ispirazione, assediato dalla compagna che desidera un bambino e dal suo editore che pretende scriva finalmente un poliziesco, genere del momento, messo in crisi dagli investimenti sbagliati del suo agente di cambio, la sua vita sembra avere un’illuminazione durante una lettura pubblica a Goteborg, finita in rissa. L’incontro con tre ragazze straniere -Leyla, iraniana rifugiata in Svezia con la famiglia, Tanja, giovane russa sfuggita al racket della prostituzione remando dall’Estonia ed entrata illegalmente in Svezia, così come Tea-Bag, che è africana, ma sostiene di essere del Kurdistan (perché i curdi potrebbero ricevere un trattamento preferenziale come rifugiati)-, lo mette di fronte a un mondo di persone senza volto e senza futuro, a una Svezia sconosciuta, una sorta di doppio negativo del Paese ufficiale, che non sa nulla del primo.

Titolo: Le ragazze invisibili
Autori: Jesper Humlin
Pagine: 360
Prezzo ed. cartacea: 19,00€
In libreria dal 26 ottobre

Con il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, le cinque repubbliche dell’Asia centrale fino ad allora controllate da Mosca ottengono l’indipendenza. Turkmenistan, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan: paesi che un tempo segnavano la rotta della Via della Seta, che si estendono dal deserto alle più alte catene montuose. Fondate su una cultura nomade, le nuove repubbliche caucasiche dispongono di ricchezze immense e hanno sviluppato oggi un’economia basata sull’industria del gas e del petrolio, mentre le steppe si riempiono di ville ultramoderne abitate dai nuovi despoti. A unirle sono i contrasti: decenni di dominio sovietico convivono con le amministrazioni locali, la ricchezza esorbitante con la povertà più estrema, il culto della personalità con tradizioni antiche ancora vitali.

Titolo: Sovietistan
Autori: Erika Fatland
Pagine: 512
Prezzo ed. cartacea: 22,00€
In libreria dal 26 ottobre


Le novità degli ultimi tre mesi: 

Novità libri Ottobre 2017

L'articolo è in costante aggiornamento durante il corso di tutto il mese, quindi ricorda di passare di quando in quando ...
Leggi Tutto

Novità libri Settembre 2017

Di rientro dalle vacanze difficile? Spero di no, ma la tra dello shopping funziona in ogni caso... quindi, ti presento ...
Leggi Tutto

Novità libri agosto 2017

Ad agosto siamo già tutti - o quasi - in vacanza, ma le case editrici non si dimenticano di noi ...
Leggi Tutto

Luigi Dallapiccola e le Arti figurative

Un’opera monumentale (e quattro chili di peso) per riscoprire Luigi Dallapiccola, compositore italiano del Novecento e tra i padri della dodecafonia: Luigi Dallapiccola e le Arti figurative.

Luigi Dallapiccola è uno dei più grandi compositori del Novecento: la sua è stata una figura guida per tutta una generazione, da Luigi Nono e Luciano Berio, fino ai compositori americani ed europei. In lui si fondono il rigore del sistema dodecafonico e il recupero dei massimi valori della tradizione musicale e umanistica italiana.
È, a tutti gli effetti, uno dei quattro padri della dodecafonia, insieme a Schönberg, Berg e Webern. Nato a Pisino d’Istria il 3 febbraio 1904 e morto a Firenze il 19 febbraio 1975, Dallapiccola vive in prima persona le sofferenze legate alle due guerre mondiali: nel corso della prima subisce l’internamento a Graz con la famiglia, nel corso della seconda deve sopportare le persecuzioni razziali contro la moglie Laura Coen Luzzatto. Tradurrà in opera d’arte i grandi drammi vissuti personalmente.
Il suo percorso dodecafonico, intriso d’una profonda ricerca spirituale, si svolge nel segno di una importante produzione teatrale, con due opere in un atto (Volo di notte e Il Prigioniero), un balletto (Marsia), una sacra rappresentazione (Job), e infine Ulisse, che racchiude il suo magistero musicale e spirituale. Dallapiccola è legato, sin dal suo arrivo a Firenze, al Conservatorio “Luigi Cherubini”, in cui fu allievo negli anni 1923-1932 e docente dal 1934 al 1967. Particolarmente intenso anche il suo rapporto con il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino dove, dalla prima edizione del 1933, i suoi lavori sono presenti in ogni stagione, quasi senza interruzione, fino al 1996.
Dopo la sua morte sono stati costituiti a Firenze due “Fondi Dallapiccola”, all’Archivio Contemporaneo “Alessandro Bonsanti” del Gabinetto Vieusseux e alla Biblioteca Nazionale Centrale. Oggi, a oltre cento anni dalla nascita, la sua musica è universalmente riconosciuta come una delle pietre miliari del Novecento.

Il volume sarà presentato martedì 3 ottobre 2017 alle ore 17.30 a Venezia presso il Teatro La Fenice, Sale Apollinee-> invito alla presentazione.
L’autore
Mario Ruffini si dedica a Luigi Dallapiccola dal 1980, anno in cui il suo maestro di composizione, Carlo Prosperi, lo presenta a Laura Dallapiccola. Da allora la conoscenza del mondo dallapiccoliano si amplia sia sul versante musicale che su quello privato, grazie a una frequentazione assidua di Casa Dallapiccola. È quello il luogo di formazione – guidato dal rigore acuminato di Laura – in cui completa il suo impegno anche sul versante musicologico. Grazie a Laura, Ruffini diventa direttore ospite stabile al Teatro Nazionale dell’Opera e Balletto “M.P. Musorgskij” di San Pietroburgo (1990-1995). Da studioso pubblica nel 2002 L’opera di Luigi Dallapiccola. Catalogo Ragionato (Milano, Edizioni Suvini Zerboni), cui seguono altri volumi e oltre sessanta saggi sul compositore. Sempre nel 2002 riporta alla luce i critofilm degli anni Cinquanta dando avvio al “Progetto Luigi Dallapiccola”, motore propulsivo di tutte le ricerche dedicate a “Musica e Arti figurative” e avviate a Casa Zuccari dal Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut. Nel 2004 è segretario scientifico del Comitato Nazionale per le “Celebrazioni del primo centenario della nascita di Luigi Dallapiccola (1904-2004)”, curando con Fiamma Nicolodi il convegno internazionale di studi a lui dedicato (Luigi Dallapiccola nel suo secolo). La Rai gli affida per il centenario un ciclo di dieci trasmissioni per Radio Tre Suite, Vita e opera di Luigi Dallapiccola. Nel 2005 scopre una trascrizione dallapiccoliana del 1940 da musiche seicentesche di Barbara Strozzi (Amor dormiglione), sfuggita a ogni indagine precedente. Da direttore d’orchestra realizza la prima incisione discografica di Tre Laudi e di Piccola musica notturna /b (Diapason 1989), e la prima esecuzione in Russia, con la Filarmonica di Leningrado, di Due Pezzi per Orchestra e di Variazioni per Orchestra (San Pietroburgo, 1994). Per Marsilio ha curato i volumi Sig.r Amadeo Wolfgango Mozarte. Da Verona con Mozart: personaggi, luoghi, accadimenti (2007) e Musica e Arti figurative. Rinascimento e Novecento (2008).
Titolo: Luigi Dallapiccola e le Arti figurative
Autore: Mario Ruffini
Genere: Varia
Casa editrice: Marsilio
Pagine: 696 (con 1252 illustrazioni a colori e b/n; dvd “Luigi Dallapiccola e il cinema” allegato)
Prezzo ed. cartacea: 80,00€

Scopri altre novità in libreria al momento:

Novità libri Ottobre 2017

L'articolo è in costante aggiornamento durante il corso di tutto il mese, quindi ricorda di passare di quando in quando ...
Leggi Tutto

Luigi Dallapiccola e le Arti figurative

Un'opera monumentale (e quattro chili di peso) per riscoprire Luigi Dallapiccola, compositore italiano del Novecento e tra i padri della dodecafonia: Luigi ...
Leggi Tutto

Il mio anno pazzesco

In libreria dal 19 settembre, le (dis)avventure e i primi amore di Eleonora Olivieri con Il mio anno pazzesco. Gli ...
Leggi Tutto

Attraverso i miei piccoli occhi

Come sarebbe la nostra società da punto di vista di un cane? Emilio Ortiz ce lo mostra nel suo nuovo ...
Leggi Tutto

Un posto chiamato incanto

Disponibile il romanzo di Susana López Rubio: Un posto chiamato incanto. Ava Garder, Frank Sinatra, le creazioni dei più ricercati couturier ...
Leggi Tutto

Io e te come un romanzo

Cath Crowley, affermata autrice di young-adult, torna in libreria con io e te come un romanzo. Ci sono ferite che ...
Leggi Tutto

La moglie imperfetta

B.A. Paris, autrice de "La coppia perfetta" (1,5 milioni di copie vendute), torna in libreria con La moglie imperfetta. A ...
Leggi Tutto

Quanto sei cool – piccola guida ai capricci del gusto

Mode che cambiano e gusti che ritornano nel pamphlet di Gaetano Cappelli, Quanto sei cool - piccola guida ai capricci del gusto. Ci ...
Leggi Tutto

Valerian e la città dei mille pianeti

L'universo fumettistico di Valerian scritto da Pierre Christin e illustrato da Jean-Claude Mézières prende vita ancora una volta nel film e ...
Leggi Tutto

Pordenonelegge con Marsilio e Sonzogno

L’edizione di quest’anno di PordenoneLegge si terrà dal 13 al 17 settembre.

La Fondazione Pordenonelegge.it, nasce nel 2013 per volontà della Camera di Commercio di Pordenone e dai rappresentanti delle associazioni di categoria che ne compongono la Giunta.
Pordenonelegge.it – Festa del libro con gli autori la cui prima edizione risale al 2000, è sicuramente l’iniziativa più importante che un gruppo di persone che ora operano in Fondazione, ha avviato in questi anni.
Ma quanto propone la Fondazione, spazia anche in ambiti e territori diversi, con l’obiettivo di diventare sempre più agenzia culturale. Tra questi spiccano le proposte dedicate alla poesia, all’editoria, alla formazione, alla valorizzazione turistica e al coinvolgimento delle scuole e dei giovani in generale.
[Fonte: Pordenonelegge.it]

Il programma di questa edizione – consultabile qui – è affollatissimo tra incontri, presentazioni e laboratori con eventi dedicate alle scuole.

Al festival parteciperanno anche più di 400 autori nostrani e stranieri.

Questi gli appuntamenti in programma con gli scrittori di Marsilio e Sonzogno:

Puoi leggere a mia recensione del “Sillabario dei malintesi” qui.

Ulteriori informazioni su “Dopo tanta nebbia” qui.


Scopri altre eventi e fiere

Portici di Carta 11° edizione

Giunto alla sua undicesima edizione, Portici di Carta ti porta a passeggio con i libri. Sabato 7 e domenica 8 ...
Leggi Tutto

Il Salone del Libro di Torino a Londra con il Festival of Italian Literature in London

Una due giorni intensa al Nothing Hill! Il 21 e il 22 ottobre 2017 si terrà, infatti, il Festival Italiano di ...
Leggi Tutto

Pordenonelegge con Marsilio e Sonzogno

L'edizione di quest'anno di PordenoneLegge si terrà dal 13 al 17 settembre. La Fondazione Pordenonelegge.it, nasce nel 2013 per volontà ...
Leggi Tutto

Festivaletteratura di Mantova con Marsilio

Dal 6 al 10 settembre si terrà Festivaletteratura di Mantova. Il festival di Mantova, nato nel 1997, è una cinque ...
Leggi Tutto

Pordenonelegge con DeAgostini

L'edizione di quest'anno di PordenoneLegge si terrà dal 13 al 17 settembre. La Fondazione Pordenonelegge.it, nasce nel 2013 per volontà ...
Leggi Tutto

Festivaletteratura di Mantova con DeAgostini editore

Dal 6 al 10 settembre si terrà Festivaletteratura di Mantova. Il festival di Mantova, nato nel 1997, è una cinque ...
Leggi Tutto

Festivaletteratura di Mantova con Fazi editore

Dal 6 al 10 settembre si terrà Festivaletteratura di Mantova. Il festival di Mantova, nato nel 1997, è una cinque ...
Leggi Tutto

Sentieri e pensieri a Santa Maria Maggiore

Giunto alla sua quinta edizione, torna la rassegna estiva Sentieri e Pensieri a Santa Maria Maggiore (Valle Vigezzo, provincia del Verbano-Cusio-Ossola, Piemonte) ...
Leggi Tutto

Festival dei sensi: 22, 23 e 24 agosto in Valle d’Itria

Il 22, 23 e 24 agosto torna nello splendore della Valle d’Itria tra trulli, campagne, storia e ulivi il Festival dei Sensi, ...
Leggi Tutto

Giorni Selvaggi: la grande stagione della letteratura mondiale a Torino

Mercoledì scorso è stato presentato a Torino il programma di Giorni Selvaggi, un progetto del Circolo dei lettori e Salone Internazionale ...
Leggi Tutto

Festivaletteratura di Mantova con Marsilio

Dal 6 al 10 settembre si terrà Festivaletteratura di Mantova.

Il festival di Mantova, nato nel 1997, è una cinque giorni ricca di eventi tra incontri con autori, reading, spettacoli, concerti.

Al Festival partecipano narratori e poeti di fama internazionale, le voci più interessanti delle letterature emergenti, e ancora saggisti, musicisti, artisti, scienziati, secondo un’accezione ampia e curiosa della letteratura, che non si nega alla conoscenza di territori e linguaggi lontani dai canoni tradizionali.
Un’attenzione particolare è rivolta ai bambini e agli adolescenti: numerosi incontri, spettacoli e laboratori sono pensati solo per i ragazzi o per adulti e ragazzi insieme. Il tutto a Mantova, una perla del Rinascimento riconosciuta dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità, dove la dimensione raccolta della città avvicina autori e lettori, permettendo a tutti di spostarsi facilmente a piedi da un appuntamento all’altro.
[Fonte: Festivaletteratura.it]

Scopriamo insieme gli appuntamenti al Festivaletteratura di Mantova con Marsilio editore.


Scopri altre eventi e fiere

Portici di Carta 11° edizione

Giunto alla sua undicesima edizione, Portici di Carta ti porta a passeggio con i libri. Sabato 7 e domenica 8 ...
Leggi Tutto

Il Salone del Libro di Torino a Londra con il Festival of Italian Literature in London

Una due giorni intensa al Nothing Hill! Il 21 e il 22 ottobre 2017 si terrà, infatti, il Festival Italiano di ...
Leggi Tutto

Pordenonelegge con Marsilio e Sonzogno

L'edizione di quest'anno di PordenoneLegge si terrà dal 13 al 17 settembre. La Fondazione Pordenonelegge.it, nasce nel 2013 per volontà ...
Leggi Tutto

Festivaletteratura di Mantova con Marsilio

Dal 6 al 10 settembre si terrà Festivaletteratura di Mantova. Il festival di Mantova, nato nel 1997, è una cinque ...
Leggi Tutto

Pordenonelegge con DeAgostini

L'edizione di quest'anno di PordenoneLegge si terrà dal 13 al 17 settembre. La Fondazione Pordenonelegge.it, nasce nel 2013 per volontà ...
Leggi Tutto

Festivaletteratura di Mantova con DeAgostini editore

Dal 6 al 10 settembre si terrà Festivaletteratura di Mantova. Il festival di Mantova, nato nel 1997, è una cinque ...
Leggi Tutto

Festivaletteratura di Mantova con Fazi editore

Dal 6 al 10 settembre si terrà Festivaletteratura di Mantova. Il festival di Mantova, nato nel 1997, è una cinque ...
Leggi Tutto

Sentieri e pensieri a Santa Maria Maggiore

Giunto alla sua quinta edizione, torna la rassegna estiva Sentieri e Pensieri a Santa Maria Maggiore (Valle Vigezzo, provincia del Verbano-Cusio-Ossola, Piemonte) ...
Leggi Tutto

Festival dei sensi: 22, 23 e 24 agosto in Valle d’Itria

Il 22, 23 e 24 agosto torna nello splendore della Valle d’Itria tra trulli, campagne, storia e ulivi il Festival dei Sensi, ...
Leggi Tutto

Giorni Selvaggi: la grande stagione della letteratura mondiale a Torino

Mercoledì scorso è stato presentato a Torino il programma di Giorni Selvaggi, un progetto del Circolo dei lettori e Salone Internazionale ...
Leggi Tutto

Sillabario dei malintesi recensione

Titolo: Sillabario dei malintesi
Autore: Francesco Merlo
Genere: Saggio
Anno di pubblicazione: 2017

– Ho ricevuto una copia di questo libro in cambio di un’onesta recensione –

Sillabario è un termine che per le nuove generazioni, quelle native-digitali, ha perso praticamente significato e per gli altri rievoca ricordi romantici da romanzo o dolorosi da vergate sulle mani.

In ogni caso, si tratta(va) di un modo di conoscere e apprendere diverso legato, in primis, al valore delle parole.

Ed è proprio qui che Merlo ci vuol condurre: il significato di una parola non è fisso – non sempre almeno – e si offre a interpretazioni diverse (difficile da credere, eh? eppure su certe parole non si può non essere d’accodo con l’autore).

Ecco, quindi, che Merlo ci apre il suo di sillabario fatto di ricordi personali, espressioni e impressioni, fatti storici e riferimenti contemporanei.

Impressionante, sotto questo punto di vista, è la disinvoltura e la naturalezza con cui Merlo riesce a passare dalla letteratura alla politica, dalla storia alla filmografia; dai ricordi al fattore allogeno nella storia italiana.

Tramite associazioni di vario tipo (linguistiche, storiche, personali, ect.) si passa di argomento in argomento che è una meraviglia con un linguaggio diretto, ma poetico.

Insomma, il discorso fila splendidamente nonostante gli argomenti non possano essere più differenti tra doppiezza dei significati, accezioni letterarie e storiche.

L’inizio del sillabario coincide con l’inizio dell’Italia che, alle elezioni del 1946, prese la prima grandissima decisione: monarchia o repubblica? Eccoci davanti al primo esempio di doppiezza linguistica.

Come sappiamo vinse la repubblica, ma si trattò di uno scontro anche sulle sensazioni che la parola “monarchia” trasmetteva: da una parte, il termine richiamava l’eleganza delle Corti europee, le danze nei palazzi affollati di principi e principesse (non a caso fu concesso il voto alle donne); dall’altra “monarchia” implicava però anche oppressione, piaggeria, snobismo e – talvolta – ridicolo.

Da qui, dunque, Merlo ci conduce in un’Italia fatta di complotti, doppiezze, millanterie; naziscemi e squadre di calcio; sottocultura e populismo; democrazia frastornata e pasticcioni; imbrogli e brogli; necroromanticismo.

In un’Italia fatta di tanti – tantissimi – Cetto La Qualunque (il noto personaggio di Antonio Albanese); di figuri che tornano solo perché i ricordi dell’italiano spesso fanno cilecca; di criminali che diventano famosi scrivendo le loro versioni; del linguaggio volutamente storto di Checco Zalone.

Null’altro, quindi, che l’Italia della cretinocrazia (ammiro davvero certe scelte linguistiche di Merlo; questa è solo una delle tante), delle solite contraddizioni, delle titubanze, dei rinvii e ritardi, degli episodi-barzelletta che, ahimè, non potrebbero essere più veri nell’italica novella.

Insomma, solita situazione nota a tutti, ma di cui alcuni ancora si sperticano per negarne l’esistenza.

Ne emerge il quadro – che amaramente condivido – di un’Italia disfatta; di un popolo seduto sulle proprie convinzioni, indifferente alla verifica, al vero; di un’Italia che si è abbassata, chinandosi in un bieco populismo e adagiandosi di un odioso “polically correct“.

Tutto è contestabile in Italia; persino la precisione dei numeri.


Hai letto "Sillabario dei malintesi"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...