Il sangue degli elfi recensione

Il sangue degli elfi recensioneTitolo originale: Krew elfów
Autore: Andrzej Sapkowski
Genere: Fantasy
Anno di pubblicazione: 1994
Titolo in Italia: Il sangue degli elfi
Anno di pubblicazione ITA: 2012
Trad.: Raffaella Belletti

Preceduto da: 

– Il guardiano degli innocenti;
– La spada del destino.

Seguito da: 

– Il tempo della guerra;
– Il battesimo di fuoco;
– La torre della rondine;
– La signora del lago.

Altro: 
– La stagione delle tempeste

È passato qualche tempo dalla sanguinosa guerra contro Nilfgaard; adesso, la pace si regge su di un traballante trespolo che potrebbe piegarsi a ogni nobile capriccio o – più o meno – ingegnosa macchinazione di re e regine, spie e agenti.

Troviamo Geralt dove lo avevamo lasciato nell’ultimo dei racconti: assieme a Cirilla (alias Ciri) in viaggio verso la fortezza degli strighi, Kaer Morhen, dove la ragazzina apprenderà le arti micidiali degli witcher, iniziando così la strada che il destino ha scelto per lei.

Nel frattempo, sotto le fronde del sacro albero dei Druidi Bleobheris, una nostra vecchia conoscenza, Ranuncolo, il bardo famoso e stimato per le sue rime poetiche, sta intonando una canzone proprio su di loro e sulla storia del loro incontro predestinato.

E, insomma, sebbene qualcuno pensi che questi siano solo i versetti romanzati di un poeta, c’è qualcun altro convinto che, invece, le parole di Ranuncolo raccontino la verità.

Così un certo Rience lo cattura, lo tortura e gli impone di raccontare la vera storia senza più sviolinate. Il provvidenziale intervento della maga Yennefer salverà Ranuncolo e lascerà un ricordino sul volto di Rience.

Ma una cosa è certa: Ciri è in pericolo. Qualcuno la sta cercando, qualcuno ne vuole fare la sua carta vincente per soppiantare gli avversari degli altri regni. Insomma, Geralt deve essere avvisato.

logo commento

Primo romanzo della saga (infatti, i due precedenti volumi sono una serie di racconti).

Le prime pagine servono un po’ da riepilogo sulle questioni e gli eventi più importanti affrontati nei racconti: necessario per chi non conosce i precedenti, ma ripetitivo per chi, invece, ha già avuto modo di conoscere Geralt. Comunque, una trentina di pagine opportune per avere un ricapitolo generale sulle vicende passate, ma più condensate sarebbero state maggiormente apprezzate (sebbene l’escamotage usato – Ranuncolo che rievoca le avventure di Geralt in una ballata di sua creazione – sia comunque interessante).

Ecco, questo è uno degli aspetti che meno apprezzo dello stile di Sapkowski: le chiacchiere… i paragrafi, le pagine dense di chiacchiere vuote e blablabla vari; chiacchiere che avvolgono la parte importante condensata in un paio di righe.

Comunque, veniamo al resto, ché qui già comincio a fare la pedante e non va bene. Come sai, però, non mi piacciono i dialoghi lunghi pagine e pagine in cui due o più personaggi ripetono lo stesso concetto in salse diverse o si rimpallano notizie e “pettegolezzi” di cui già tutti sono a conoscenza.

In ogni caso, procediamo.

Questa volta, come scrivevo all’inizio, non abbiamo dei singoli racconti, ma un romanzo più o meno lineare. “Più o meno” perché comunque anche qui le vicende si aprono e si chiudono come un sipario,  saltano e si rincorrono lasciando buchi narrativi che vengono riempiti o con i suddetti dialoghi tra personaggi o tramite flashback non proprio illuminanti e privi di qualunque pathos (dal momento che il lettore già ne conosce la conclusione).

Per il numero delle vicende raccolte e per la loro importanza per i (palesi) sviluppi successivi, “Il sangue degli elfi” assume più i connotati di un primo capitolo mooooolto lungo, prodromico ai libri successivi. Insomma, gli eventi di una certa rilevanza sono pochissimi; la storia si potrebbe riassumere in un paio di righe:

Non saprei se definirlo "spoiler", ma meglio evitare sorprese non gradite

Ciri inizia l’addestramento da strigo(a) e inizia anche quello nelle arti magiche, poiché il suo potenziale è tale da renderla o una potentissima donna-del-destino-striga-maga-nonché-fonte-di-ogni-potere o un bel problema, se non controllato. 

Riguardo al mio «(palesi) sviluppi successivi», una piccola precisazione: se consideriamo che questo è un po’ l’inizio ufficiale della saga di Geralt/Ciri non è un bene che il lettore capisca già come andranno a finire i quattro (ma, teoricamente, il quinto è in arrivo) libri della serie. Voglio dire: generalmente, le carte si scoprono alla fine, no?

Questa volta, lo strigo deve fare i conti con una sorta di paternità surrogata, nella quale cerca di destreggiarsi come meglio può (e, poverino, secondo me, nemmeno se la cava male!). Lui, assieme a Ciri e Yennifer, restano, come nei racconti, i personaggi meglio realizzati e, tuttavia, non si assiste a una loro evoluzione. Gli altri (Ranuncolo e compagnia bella) restano le solite macchiette parlanti.
Confermo, almeno per il momento, la mia precedente opinione che tutti i caratteri siano omologati agli altri: freddi e distaccati all’esterno – oppure troppo frivoli per essere veri -, magari anche scostanti e scontrosi, ma in fondo tutti nascondono un cuore dolce.

Intendiamoci: non è un libro brutto. La trama fila senza troppi intoppi o sorprese; il tutto scorre rapidamente e si legge con molta facilità. Tuttavia, da una «saga bestseller», come fascetta gialla acclusa recita, mi sarei aspettata qualcosa di caratterizzante, al di sopra della media. Per quanto la storia possa presentare alcuni elementi originali (= gli strighi e il loro particolare ordine), non è che il resto sia tanto più “originale“: abbiamo le driadi – belle e capricciose -, abbiamo gli elfi – belli e capricciosi -, abbiamo i druidi – anziani e, talvolta, scorbuti -, abbiamo i bardi grandi cantori, i nani grandi guerrieri e le taverne straripanti di birra e loschi figuri. Abbiamo le maghe – avvenenti – e un grande potere concentrato nella mani di una piccola persona… ok, la smetto.

il sangue degli elfi valutazione


Hai letto "Il sangue degli elfi"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...

I commenti sono chiusi.