L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome recensione

limprevedibile-piano-della-scrittrice-senza-nome-recensione-tbbTitolo: L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome
Autrice: Alice Basso
Genere: Chick-lit
Anno di pubblicazione: 2015

Ecco Silvana Sarca: camaleonte multitasking. Il suo lavoro consiste nel calarsi di volta in volta nell’autore di turno e buttare giù qualche parola (dalle trecento parole per un articolo alle trecento pagine per un libro)… per nome e conto d’altri.

Per intenderci, Silvana (aka Vani) è una ghostwriter ed è dotata di un caratterino molto particolare: scontrosa, solitaria, un po’ border line in stile Lisbeth Salander della saga di Millennium cui assomiglia anche per aspetto fisico (ma visto che Silvana è “nata” prima di Lisbeth sarebbe quest’ultima a somigliare alla prima).

Insomma, Silvana lavora alle Edizioni L’Erica, covo di uno spietato, venale, arrivista, profittatore e chi ne ha più ne metta editore Enrico Fuschi, il quale preferirebbe che Silvana non gironzolasse libera in redazione con il rischio di lanciare qualche frecciatina agli autori per i quali scrive libri.

Insomma, alcuni di questi incontri non sono però evitabili. Uno di questi la porta a ritrovarsi faccia a faccia con il giovine e aitante Riccardo, preda momentanea di un bel blocco dello scrittore. L’improvvissa sintonia che si crea tra i due porterà a un libro magnifico… e a qualcos’altro.

Qualche autore poi richiede esplicitamente di poter parlare con Silvana. È il caso della signora che sussurra agli angeli, Bianca Dell’Arte Cantavilla.
Silvana dovrà scrivere un libro – per la verità, un abbrobrio tra mistico, minchiate self-help e esercizi di pace e amore – a nome della candida donna. E la cosa è assurda perché quella punkettona, metallara, Lisbeth Salander di noi altri non può certo entrare in comunicazione con il divino, no?

Fatto sta che gli angeli non avvertono in tempo la divina Bianca, che viene rapita. E adesso? Be’, Silvana il libro lo dovrà pur scrivere (a prescindere che per Bianca finisca bene o male, sarà una specie di bomba editoriale), ma certo nessuno si aspetta che anche la ghostwriter entrerà presto tra i possibili sospettati.

logo commento

Siamo andate alla grande Silvana ed io… per un po’ sicuramente.

Girare nel classico studio da editore – il resto della casa editrice è un po’ off-limits – e trattare male gli scrittori pomposi con lei è stato divertente.
Anche il suo tono ricco di intercalare sboccati coloriva la storia e dava consistenza al personaggio – sebbene in alcuni momenti diventasse un po’ troppo (abbiamo capito Silvana-aka-Vani: sei cinica perché in passato, pur non essendo successo nulla di catastrofico, ci sono state piccole scosse di assestamento che hanno minato la solidità del tuo cuore e, male per te, ancora non hai trovato nessuno che sapesse puntellarlo con cura).

Insomma, più o meno tutto bene… già… Fino a quando non è arrivato il commissario Berganza (ma un poco stava iniziando a sgonfiare il mio interesse per la storia anche Riccardo).

Da lì il declino.

La storia prende una piega ahimè già vista…

Ovvero quella di chi, pur non incastrandoci niente, sfodera un intuito formidabile annientando la possibile – ma in ogni caso sorvolabile – utilità degli agenti di polizia canonici et guadagnandosi la fiducia incondizionata dell’ispettore di turno secola seculorum. Amen.

Ovvero quella di chi si ritrova tra le mani il classico figazzone al quale, in condizioni normali,

Spoiler

non gliene batterebbe una beata minchia – come vedi mi sono adeguata allo stile di Vani – di lei. È palese fin da subito che lui ci sta solo per il suo tornaconto. E, in ogni caso, verso la fine del libro verrà smascherato… ooooh, chi l’avrebbe mai detto!

Ma, ehi, stiamo tranquilli perché

Piccolo spoiler

la seconda scelta – che poi, diciamolo, la simpatia c’era fin dall’inizio e non era nemmeno molto velata – è già pronta per essere servita.

Sotto certi aspetti mi ricorda un po’ L’Allieva di Alessia Gazzola, che essendo arrivata prima (2011), dal mio punto di vista ha diritto di precedenza [N.B. Con questo non voglio fare nessuna illazione di nessuno tipo, ci mancherebbe! Anche alla Christie e Simenon girò un’idea simile].
Certo, le due protagoniste non potrebbero essere più diverse – e non nego di aver apprezzato di più Silvana -, ma… impicci nelle indagini di polizia? Visto. Incomprensibile fiducia – qui un po’ più giustificata dal fatto che Silvana sia dotata di una spiccata empatia – dell’ispettore di turno nella protagonista di turno? Visto. Il triangolo-no-non-l’avevo-considerato (dopo Bridget Jones, è un po’ un must-have in tutti i chick-lit)? Visto. Chick-lit con vaghe tinte di giallo? Già… visto.

Per questi motivi, la valutazione della storia è al ribasso.

Non solo la storia è ahimè prevedibile, ma anche il titolo contribuisce a svelare come andrà a finire (altrimenti per quale motivo una scrittrice – che fa la ghostwriter – dovrebbe architettare un “imprevedibile piano”?!).

E mi dispiace terribilmente.

Il tono con cui è tenuta la narrazione mi piace, anche se – ripeto – dopo un po’ diventa esasperante e fastidioso (almeno, a me a lungo andare sinceramente infastidiva… abbiamo capito Vani sei fighissima, ma sotto la scorza dura sei una brava ragazza che ha incontrato solo persone sbagliate… okay…).

Anche Silvania-aka-Vani, alla fin fine, è un personaggio un po’ sui generis in questa rosea tipologia di narrativa: ironica, cinica, orso… eppure, sotto sotto, buona come una pasta.

Quindi, pollice in alto (sì, sto avendo una deriva da Facebook, mi scuso), per lo stile di scrittura frizzante e per la protagonista-camaleonte-multitasking. Molto apprezzati anche i richiami alla letteratura moderna e non.

Ma il resto… il resto no. Mi spiace.

La storia – mio parere – non è assolutamente all’altezza della protagonista e dello stile narrativo.

E Silvana poi è l’unico personaggio a essere davvero una particolarità della storia. Gli altri? Il tipico belloccio da copertina, il tipico ispettore da libro giallo (però, per alcuni aspetti, Berganza è un elemento simpatico), il tipico rapporto tra sorelle e il tipico contesto familiare nel-quale-non-mi-capiscono, il tipico rapporto mentore-piccola versione del protagonista (ultimamente, incappo sempre in un sacco di “mentori”).

Ora «sorprendente» a me non pare.
«Una protagonista indimenticabile»? Ne possiamo discutere.
Una lettura veloce e tranquilla? Sicuramente.

limprevedibile-piano-della-scrittrice-senza-nome-valutazione


Hai letto "L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...