Kobane Calling recensione

Titolo: Kobane Calling
Autore: Zerocalcare
Genere: Graphic Novel
Anno di pubblicazione: 2015

Altri volumi dello stesso autore:

  • La profezia dell’armadillo
  • Un polpo alla gola
  • Ogni maledetto lunedì su due
  • Dodici
  • Dimentica il mio nome
  • L’elenco telefonico degli accolli
  • Ferro e piume

Sulla fiducia, visto che La profezia dell’armadillo aveva – dal mio punto di vista – ottime basi e ottimi margini di miglioramento, ho ripreso ancora una volta una storia di Zerocalcare. Questa volta, quindi, parliamo di Kobane Calling.

Che c’entrano i Nirvana?, mi sono detta prima di iniziare la lettura (la battuta, comunque, la propone anche l’autore, per cui, via, non sono poi così fuori dal mondo). La riposta è: nulla. Ma proprio nulla, nulla.

Kobane Calling nasce da una sorta di reportage giornalistico, in forma di fumetto, di una quarantina di pagine pubblicato per la prima volta sul numero 1085 di “Internazionale“, frutto della permanenza dell’autore a Mehser, città turca a «tre fermate di metro» da Kobane.

Kobane è una città situata nel nord della Siria, teatro dal 2014 della guerra portata dall’autoproclamatesi Stato Islamico e strenue resistenze da parte dei tanti militanti curdi (cui si aggiunsero anche i noti peshmerga [Fonte: IlPost.it]).

Dopo mesi di combattimenti, nel 2015 la città è tornata alle forze curde, ma le cicatrici rimaste sono tantissime e i lunghi combattimenti hanno lasciato alla città il soprannome di “Stalingrado” [fonte: L’Espresso.it].

Ammetto di essermi “covata” questa recensione per qualche tempo, indecisa se pubblicare questa mia che – noto – va un po’ in controtendenza rispetto al generale.

Premetto che lo stile di ZeroCalcare c’è tutto e, nel giro di poche vignette, si riesce a passare dal faceto al serio sempre in maniera simpatica e mai sciocca.

Tuttavia, mi pare che la questione sia realizzata un po’ a volo d’uccello: uno sguardo rapido nella speranza di abbracciare un po’ tutto, ma senza soffermarsi in particolare su nulla.

La storia inizia con l’annuncio di ZeroCalcare ai genitori, nelle vesti ormai note di Lady Cocca del film animato Disney “Robin Hood” e del signor Ping di “Kung Fu Panda”: vado in Siria (no, per la precisione, sul confine siriano-turco).

kobane-calling-immagine

Estratto da “Kobane Calling” di ZeroCalcare, Bao Publishing, 2016

Da qui, seguiamo ZeroCalcare che, dal contraddittorio mondo italiano tutto sommato pacifico, si ritrova catapultato in una zona di guerra in cui i Ratatata dell’Isis si mescolano ai Tutum e agli Sboom delle forze americane e curde.

Nella nota e caratteristica suddivisione in episodi, faremo la conoscenza dei combattenti e dei resistenti, del campo profughi, del filo spinato, delle case occupate, dei villaggi rasi al suolo, del coraggio e della forza di andare avanti e combattere, combattere.

Come scrivevo poco sopra, purtroppo, i tanti argomenti e il poco spazio a disposizione rende impossibile soffermarsi con maggior precisione. Quindi, questa coesistenza tra le tantissime cose da dire (e dar far conoscere) e le poche pagine a disposizione genere una rapida occhiata al generale.

Se vuol essere un modo per avvicinare le persone ai reportage di guerra, la graphics novel è sicuramente un innovazione interessante. Tuttavia, c’è modo e modo di affrontare tali argomenti e, per quanto lodevole, in questo caso l’intento mi pare completamente non riuscito.


Hai letto "Kobane Calling"? Che ne pensi?

View Results

Loading ... Loading ...

Precedente Come siamo diventati nordcoreani recensione Successivo La mano nera e altri racconti gialli