Io non ti conosco Anteprima

recensione io non ti conosco

In un vortice di colpi di scena e rovesci  di trama,
il nuovo thrillerdell’autore del  successo planetario Non ti addormentare
ci racconta com’è facile perdere tutto,
mostrandoci  la doppiezza delle vite degli altri.

◊ ◊ ◊

Appena arrivato e già smanio per leggerlo! XD
Spero di poterlo cominciare a breve.

Veniamo a noi, però. Innanzitutto, di chi stiamo parlando? S. J. Watson è il celebrato autore di Non ti addormentare, titolo dal quale è stato tratto un film con Nicole Kidman, Colin Firth e Mark Strong.
Io non ti conosco è il suo nuovo romanzo, un thriller psicologico, edito da Piemme.
Questa è la descrizione ufficiale:

Da quando sua sorella Kate è morta, aggredita a Parigi da uno sconosciuto, la vita di Julia Plummer non è più la stessa: la stabilità  che si era conquistata è in pericolo, e lei sente il richiamo del suo vecchio insidioso  nemico, l’alcol. L’unica persona con cui Julia  può parlare di Kate è Anna, la coinquilina  di Parigi, la persona che forse conosceva  Kate meglio di tutti. È lei a confidarle una  cosa che nessuno sa: Kate si divertiva a vivere  mille vite. Andava on-line fingendosi  una persona diversa ogni volta, conosceva  uomini, li incontrava. Così, Julia non resiste  alla tentazione e, usando le credenziali della sorella, decide di provarci anche lei, e vivere per una volta la vita, almeno quella virtuale, di Kate, per capire cosa può esserle successo. È così che, protetta dal nome falso di Jayne, Julia contatta Lukas, uno degli ultimi amanti di sua sorella. All’inizio, lo  tratta con sospetto, poi pian piano tra i due nasce qualcosa che Julia scambia per amore. Finché, quando Lukas comincia a cambiare, Julia sarà costretta a domandarsi se le mani che adesso la toccano, con dolcezza ma anche con violenza, non siano le stesse che hanno fatto del male a sua sorella…

Qui puoi leggere la mia recensione!

A presto e buone letture!

Disponibile da: 8 settembre
Prezzo di copertina cartaceo: 19,90€
Prezzo di copertina eBooks: 4,99€

Precedente Festivaletteratura Mantova: dal 9 al 13 settembre Successivo Dal Big Bang ai buchi neri recensione