Considerazioni di fine anno

Possiamo chiamarla tradizione? L’anno scorso, il blog era aperto da pochissimi mesi e feci una sorta di riepilogo, accludendovi i propositi per il nuovo anno.
Oggi, prima che l’anno si chiuda del tutto, ho deciso di fare qualche considerazione di fine anno. Ecco quanto segue…

Un altro anno si sta per chiudere. In verità, questo ha un sapore diverso dagli altri, perché è il primo anno di vita del blog.

Il prossimo anno ci accompagnerà con importanti novità.
Ad esempio, in primavera uscirà l’attesissimo (io sono già in fermento) nuovo capitolo de Le Cronache del ghiaccio e del fuoco (mentre, ricordo, che la serie televisiva procede su un binario diverso rispetto a quello dei libri, dal momento che ne ha abbondantemente superato la trama e Martin è concentrato in mille altri progetti che gli hanno impedito di scrivere la sceneggiatura dell’ultima stagione).
E ancora, a Londra assisteranno alla prima del nuovo capitolo (teatrale) di Harry Potter and the Cursed Child (se qualcuno capita in zona, mi faccia sapere com’è, grazie!).

Ovviamente, le novità ci saranno anche per noi (nel nostro piccolo). Sto, infatti, pensando a nuove trame di cene con delitto (sto diventando una fucina di idee; anche se riscontro qualche inconveniente di carattere pratico).
In più, le collaborazioni del blog sono aumentate e ho già tantissimi libri che non vedo l’ora di cominciare a leggere.
Come successe l’anno scorso, ho qualche saga ancora da finire; ad esempio, Maze Runner. Come sai, ho letto due libri (il prequel e il primo libro) e il relativo punteggio non è molto alto. Quindi, piuttosto che continuare a sparare voti bassi, ho pensato fosse meglio fermarmi qui. Poi, in futuro, chissà… I libri non letti mi urtano i nervi, quindi, prima o poi, so che dovrò concludere la mia lettura… ma magari tra un po’ di tempo.

I primi giorni del prossimo anno, non scordare (ed io insieme a te ^^), il consueto appuntamento con le novità in uscita. Qualcuna è già arrivata, grazie alle case editrici con cui collaboro, e mi sembra davvero molto interessante. Avremo modo di tornarci in dettaglio poi i prossimi mesi (con i dettagli anche sulle date di uscita), ma io già comincio a fare i conti di tutte le nuove letture che vorrei fare (fingendo che il mio comodino non stia sparendo sotto il peso dei libri ancora da leggere).

Detto questo, ti auguro che il prossimo anno sia felice e sereno, ricco di novità importanti (e positive) e letture interessanti!

Ci vediamo nel 2016!

Sara

Precedente The Order of Guardians L'Ombra del male recensione Successivo Il cardellino recensione
  • MarcoPioggia

    Il tempo è limitato. Inutile buttarlo leggendo libri che non meritano, perché lo si sottrae a libri migliori. Quindi niente rimpianti. Prima lo si impara, meglio è 🙂 Io ora riesco tranquillamente a lasciare libri a metà.