Anteprima Alakim Le regole del gioco

recensione alakim le regole del gioco

◊ ◊ ◊

Dopo Alakim Luce dalla tenebre (di cui avevamo parlato qui; mentre puoi leggere la mia recensione qui), torna Anna Chillon con i suoi personaggi in bilico tra dannazione e divino.
Avevamo lasciato Alakim, l’angelo gabbato da Lucifero stesso, in uno stato di confusione. Solo e lontano da tutti e comprensibilmente “sconvolto”.
La storia di questo secondo capitolo dedicato a questo protagonista così particolare riprende proprio da qui:

Lontano. Solo. Libero di accantonare quel poco di umanità rimasta, Alakim terrorizza le notti parigine dando sfogo alla parte più oscura di sé. È in queste condizioni che s’imbatte in un un uomo dalle grandi risorse ed empia inventiva, il cui potere cela azioni criminali. Alakim resta perciò a Parigi, lungi dall’idea di far ritorno e ignaro di chi, per amore o per vendetta, si è già messo sulle sue tracce. Per trovarlo, Nicole e Muriel hanno infatti deciso di intraprendere un viaggio che li costringe a mettersi in gioco nel più esplicito dei modi. Scelte difficili e persone senza scrupoli ostacoleranno il loro cammino, ma ciò che conta è trovare Alakim per essere uniti ancora una volta nel tentare l’impossibile, scommettendo ancora tutto in nome di un’amicizia. Lotteranno, cederanno alla carne e scenderanno a compromessi con la propria coscienza, per comprendere che, in fin dei conti, il “gioco” non è soltanto quello che si palesa come tale, ma è la vita stessa, nella quale ogni vittoria non è altro che l’inizio di una nuova avventura. E chi tira le fila, non sempre ottiene esattamente ciò che vuole.

Insomma, accantonata la ricerca degli Hashmallim, sono davvero curiosa di vedere le prossime mosse di Alakim e di scoprire se rivedremo i personaggi del precedente volume.

Qui puoi leggere la mia recensione.

Titolo: Alakim Le regole del gioco
Autrice: Anna Chillon
Disponibile negli store online (in formato digitale e cartaceo).


Precedente Shannara Chronicles: il nuovo trailer! Successivo Lie4me Professione bugiarda recensione